«Aperti i termini per la presentazione delle domande di sostegno e pagamento relative a diverse misure del PSR. La partenza di nuovi bandi, e in particolare di due misure dedicate al comparto zootecnico e bufalino, è un segnale concreto, in una fase storica delicata, che sarà decisiva per il futuro dell’agricoltura campana. Abbiamo rispettato tutti gli impegni». Lo ha annunciato l’assessore all’Agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo, precisando tutte le misure interessate. 

«In occasione della riunione del Tavolo Verde – continua l’assessore Caputo – mi sono confrontato con le organizzazioni di categoria sulle modalità dell’apertura dei bandi, delle risorse disponibili e della gestione tecnico-operativa delle misure, valutando l’ipotesi dì una rimodulazione delle risorse, pari a circa 15 milioni di euro, per assicurare la copertura alla Misura 10.1.2 e sperimentare il ruolo dei Super CAA su questa misura anche nella fase istruttoria».

La Regione Campania sta lavorando alacremente anche per sostenere e rilanciare le Aree Interne, che risultano al momento particolarmente in crisi.

«È necessario favorire la Semina su Sodo di Foraggere, Grano, Orzo e Avena, realizzabili con la Misura 10, come cultivar prioritarie per affrontare la fase di economia di guerra –  osserva Nicola Caputo – aumentando anche la Quota Green del nostro PSR 21/22».

In particolare, l’apertura dei termini riguarda: a) Bando di attuazione della sottomisura 10.1; b) Bando di attuazione della misura 11; c) Bando di attuazione della misura 13; d) Bando di attuazione della misura 14; e) Bando di attuazione della sottomisura 15.1; f) Bando per la presentazione delle domande di pagamento – Anno 2022 – Misure di imboschimento delle programmazioni antecedenti il 2007; g) Bando per la presentazione delle domande di pagamento – Anno 2022 – Misura 221 “Imboschimento di terreni agricoli” – sezione a superficie.

Pubblicate, inoltre, le Preinformative dei bandi per le Tipologie di Intervento: 4.1.1B – Supporto per gli investimenti nelle aziende agricole Azione B: Sostegno a investimenti nelle aziende zootecniche bufaline – dotazione 20 milioni di euro; 4.1.5 – Investimenti finalizzati all’abbattimento del contenuto di azoto e alla valorizzazione agronomica dei reflui zootecnici – dotazione 30 milioni di euro; 4.4.2 – Creazione e/o ripristino e/o ampliamento di infrastrutture verdi e di elementi del paesaggio agrario – dotazione 10 milioni di euro.

«È importante segnalare – osserva l’assessore Caputo – che con la pubblicazione delle preinformative, nel rispetto dei termini temporali previsti, vedono la luce due nuove misure, la 4.1.1 B e la 4.1.5, dedicate al settore zootecnico e bufalino, settore di centrale importanza per la nostra regione. Si tratta di una azione strategica per il comparto: i nuovi sostegni previsti, che in tutto ammontano a ben 50 milioni di euro, contribuiranno al miglioramento degli standard dei nostri allevamenti, per l’approdo a stalle 4.0, moderne ed efficienti».

«Anche la 4.4.2 segna una novità importante – conclude l’assessore Caputo – poiché è rivolta in particolare alle fasce costiere e alle isole. Questa misura darà contributo e slancio alle aree della cosiddetta agricoltura eroica della nostra regione».


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.