I TESORI NASCOSTI DEI PICCOLI COMUNI PRESENTATI A ROMA NELLA SEDE DELLA COLDIRETTI
Il Focus sulla Calabria
Delle 18 tipicità calabresi Dop e Igp solamente il Torrone di Bagnara riguarda un grande comune in provincia di Reggio Calabria, mentre le altre 17 nascono sempre sul territorio di 318 piccoli comuni e due rappresentano il risultato esclusivo di queste realtà sotto i cinquemila abitanti: il Limone di Rocca Imperiale e l’olio DOP Alto Crotonese.
E’ quanto emerge dall’esclusivo studio Coldiretti/Symbola su “Piccoli comuni e tipicità” presentato dalla Coldiretti a Roma a Palazzo Rospigliosi in occasione dell’apertura dell’anno nazionale del cibo italiano nel mondo per raccontare un patrimonio enogastronomico del Paese custodito fuori dai tradizionali circuiti turistici, che potrà ora essere finalmente valorizzata e promossa grazie alla nuova legge n.158/17 che contiene misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni. Le realtà sotto i cinquemila abitanti – spiega la Coldiretti – rappresentano in Calabria una rete diffusa su oltre il 65% del territorio, con una presenza che unisce il senso di comunità all’appartenenza geografica e la custodia di valori e tradizioni come quella del cibo e dei prodotti tipici. “Siamo impegnati – ha commentato il presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro – a valorizzare questi autentici tesori anche attraverso le iniziative di Campagna Amica consapevoli che nello sviluppo dei piccoli comuni, si eviti lo spopolamento e il mantenimento del territorio per la prevenzione del dissesto idrogeologico”.
11.01.2018 Ufficio Stampa Coldiretti Calabria
—————————————————————–
I TESORI NASCOSTI DEI BORGHI APRONO L’ANNO DEL CIBO ITALIANO: UNA OPPORTUNITA’ PER LA NOSTRA REGIONE PER EVITARE LO SPOPOLAMENTO
Previsto un focus specifico anche sulla Calabria dove sono urgenti politiche per le aree interne
L’anno nazionale del cibo italiano nel mondo si apre con i tesori nascosti dei piccoli comuni che saranno i protagonisti dell’appuntamento organizzato da Coldiretti e Fondazione Symbola domani giovedì 11 gennaio a Roma, al Centro Congressi di Palazzo Rospigliosi, in via XXIV Maggio 43. Alle ore 9,30 si inaugura la prima rassegna dei prodotti tipici dei comuni con meno di 5mila abitanti che raccontano la storia di un patrimonio naturale, paesaggistico, culturale e artistico senza eguali per la popolazione locale ma anche per il numero crescente di turisti italiani e stranieri che vanno alla ricerca dei tesori nascosti. In Calabria sono 318 i comuni con meno di 5000 abitanti con una popolazione di 613.507 il 31,2% della popolazione totale. E’ una iniziativa per far conoscere le specialità territoriali conservate da generazioni negli angoli piu’ remoti con l’esclusivo studio su “Piccoli comuni e tipicita’” con la mappa, i numeri e le dimensioni di una ricchezza straordinaria del Made in Italy regione per regione. Una risorsa del Paese custodita fuori dai tradizionali circuiti turistici che potrà ora essere finalmente tutelata e promossa grazie alla nuova legge n.158/17 che contiene misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni. “E’ una grande opportunità – commenta Molinaro – per evitare lo spopolamento e quindi diventano urgenti le politiche per le aree interne”. All’incontro insieme a diversi Sindaci dei piccoli comuni di tutto lo Stivale intervengono tra gli altri Antonio De Caro presidente Anci (associazione nazionale comuni italiani), Ermete Realacci presidente fondazione Symbola, Fiorello Primi presidente Borghi più belli, Giampiero Sammuri presidente Federparchi, Roberto Moncalvo presidente Coldiretti.
10.01.2018 Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Categorie: Olivicoltura

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.