ZOOTECNIA
“Impossibile per legge importare bufale dalla Romania, ipotesi nefasta.”

“E impossibile importare bufale dalla Romania, mi sento di dover smentire il ministro Paolo De Castro”. Così Raffaele Garofalo, presidente dell’Associazione nazionale allevatori bufalini sull’incontro bilaterale di ieri a Bucarest tra il ministro per le politiche agricole agroalimentari e forestali italiano Paolo De Castro ed il suo omologo rumeno Decebal Traian Remes.

Uno dei punti d’accordo tra i due ministri, come riportato da una nota della ApCom di ieri sera, riguarda la possibilità che l’Italia accorderebbe alla Romania di esportare bufale mediterranee rumene verso il nostro Paese, con lo scopo di rimpiazzare gli allevamenti affetti da brucellosi in Italia.

“Intanto la razza mediterranea italiana è riconosciuta con decreto ministeriale 201992 del 5 luglio 2000 quale tipo genetico autoctono, che vanta 9 secoli di presenza sul territorio italiano in purezza, inoltre – continua Garofalo – l’articolo 1 della legge 292/2002 di fatto vieta l’importazione di capi non appartenenti alla tipo genetico autoctono Bufala Mediterranea Italiana.”

Altro scoglio, secondo Garofalo, l’impossibilità di produrre mozzarella dop: ”Secondo il disciplinare di produzione della Mozzarella di Bufala Campana Dop è necessario utilizzare latte proveniente da animali nati nel comprensorio Dop e di razza mediterranea italiana, importando animali rumeni si taglierebbe drasticamente la produzione dop: siamo all’assurdo”.

Inoltre, Garofalo sottolinea:”Anni di selezione genetica, di lavoro intenso ed attento sulla capacità della bufale mediterranee italiane di produrre un ottimo latte e con elevata resa in mozzarella, andrebbe perduto, poiché la capacità di produrre latte delle bufale romene è bassa ed il latte ha una scarsa resa in mozzarella”.

Il meticciamento della razza mediterranea italiana sarebbe quindi un disastro: “Scriverò al ministro De Castro per scongiurare questa ipotesi nefasta. Gli organi tecnici del Ministero sanno che, per affrontare il problema della brucellosi bufalina, si può contare sul patrimonio nazionale, ed in particolar modo sul patrimonio indenne da brucellosi già presente in area Dop.”

Alcuni organismi di polizia giudiziaria hanno già interessato il direttore dell’Anasb Angelo Coletta per l’individuazione di capi bufalini importati illegalmente.

Da: Domenico Pelagalli – Giornalista Free Lance – Via Santella, Condominio Rosanna – 81055 Santa Maria Capua Vetere (CE) – Telefono 0823 840415 – Mobile 3355623169 –
E – mail 1 – pelagall4@domenicopelagalli.191.it
E – mail 2 – mimmopelagalli@virgilio.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.