FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA PER LA TUTELA DELLA RAZZA AGEROLESE.
Nella sala giunta di piazza Matteotti è stato firmato questa mattina il “Protocollo d’intesa per la tutela, salvaguardia, valorizzazione e sviluppo della razza bovina agerolese”.
Alla firma erano presenti il Presidente della Provincia di Napoli, Dino Di Palma, l’assessore all’agricoltura, Francesco Emilio Borrelli, Luca Mascolo, Vice Presidente della Comunità montana dei monti lattari e penisola sorrentina, il professor Vincenzo Peretti, del dipartimento di Scienze zootecniche ed ispezione degli alimenti dell’Università Federico II e Giosué De Simone, Presidente dell’Associazione Provinciale Allevatori di Napoli.
Il protocollo d’intesa mira a favorire la difesa e lo sviluppo dell’allevamento della razza bovina agerolese, una specie in via di estinzione pur se il latte che produce è di altissima qualità ed è alla base della produzione di prodotti tipici tutelati come il provolone del monaco ed il fior di latte di Agerola.
“La valorizzazione dei prodotti tipici della Provincia di Napoli passa necessariamente attraverso la tutela degli allevamenti e delle colture tradizionali. – ha detto Dino Di Palma, Presidente della Provincia di Napoli – La razza bovina agerolese è in via di estinzione e grazie a questa collaborazione riusciremo a salvaguardare, tra l’altro, il provolone del monaco e il fior di latte di Agerola, prodotti che fanno parte della storia e della cultura della nostra provincia. Lavoreremo affinché queste produzioni caratterizzino lo sviluppo anche economico della nostra Provincia”.
“Grazie al Protocollo d’intesa, abbiamo finalmente avviato la difesa della razza agerolese che rappresenta un patrimonio storico oltre che economico. – ha aggiunto l’assessore all’agricoltura, Francesco Emilio Borrelli – la difesa delle coltivazioni e degli allevamenti tradizionali è il primo passo per portare avanti una politica di sviluppo sostenibile dell’agricoltura che può e deve essere ancora una valida opportunità economica per la provincia di Napoli”.
“Il Protocollo firmato questa mattina – ha aggiunto Luca Mascolo, vice presidente della Comunità Montana dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina – va nella direzione che stiamo seguendo da due anni in difesa della razza agerolese. Solo con le nostre forze, siamo riusciti a raddoppiare la presenza di questo tipo di bovini che sono passati da 50 a 115, ora, grazie all’aiuto della Provincia, sono sicuro che riusciremo a fare molto di più favorendo l’agricoltura di nicchia e i prodotti tipici”.
Soddisfatto per la firma del Protocollo d’intesa anche Giosué De Simone, Presidente Provinciale dell’APA (Associazione Provinciale Allevatori) di Napoli che ha ringraziato l’assessorato all’Agricoltura “per l’attenzione mostrata verso questa razza che rischiava l’estinzione pur se grazie a questi animali si riesce ad avere il latte che è indispensabile per la produzione del provolone del monaco, prodotto tipico dell’area sorrentina che può trovare nuove opportunità economiche grazie alla razza agerolese”.
Nel corso della conferenza stampa, i rappresentanti della Comunità Montana dei monti lattari e della penisola sorrentina hanno portato in piazza Matteotti un’intera “famiglia” di razza agerolese: un toro, una vacca e due vitellini che hanno attirato l’attenzione dei giornalisti e di quanti erano di passaggio di fronte alla sede della Provincia di Napoli.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.