16 GIUGNO 2005 – REGIONE FORMAZIONE: AVVIATA LA PROCEDURA PER LA REVOCA DEI FINANZIAMENTI AIFA AI CORSI PER “VELINE”.L’Assessorato regionale al Lavoro, formazione e istruzione ha avviato le procedure per la revoca dei finanziamenti concessi, a seguito del bando AIFA, alla società che aveva avviato percorsi di formazione per 97 giovani nel mestiere di figuranti dello spettacolo per un importo di circa 1 milione di euro, risorse che saranno, una volta rese disponibili, riutilizzate per nuovi progetti di formazione ed inserimento lavorativo.“La procedura– ha ricordato l’assessore alla Formazione Professionale, Corrado Gabriele – è stata predisposta dagli uffici sulla base di accertamenti interni condotti in seguito al mancato rispetto dei previsti criteri per l’assunzione a tempo indeterminato di 75 unità, assunte con contratto part-time di sole 10 ore settimanali.Alle risorse del progetto AIFA destinate alla formazione di giovani disoccupati deve sempre corrispondere l’inserimento in azienda altrimenti si snatura il progetto stesso e vengono meno le condizioni concordate con le parti sociali.”Il caso del progetto delle “veline” è emblematico e pone il tema di una attività di verifica più accurata, di monitoraggio ma anche di vigilanza diretta nelle aziende che hanno assunto i giovani. Con personale della Regione e senza costi aggiuntivi, si dovrà provvedere nelle prossime settimane a verificare le condizioni di effettivo inserimento lavorativo delle figure professionali formate dai progetti.E’ condizione questa irrinunciabile per procedere a breve alla programmazione di un nuovo bando AIFA, da concertare con le parti sociali, ritagliato sulle esigenze delle rispettive vocazioni produttive dei singoli territori e con procedure di tipo diverso, basate sulla valutazione oggettiva dei progetti, su settori produttivi specificamente concordati, modificando la procedura a sportello che nelle passate edizioni aveva ingenerato una serie di problemi procedurali e organizzativi di non poco conto agli uffici regionali ed anche agli enti interessati.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.