1) AMATO(DS): LA RIFORMA DEL REGOLAMENTO E’ SVOLTA STORICA
NAPOLI, 15 GIUGNO 2005 – “La riforma del regolamento del Consiglio Regionale rappresenta una svolta storica. Un regolamento vecchio ed inconcludente ha consentito per intere legislature di bloccare l’attività del consiglio”.E’ quanto afferma il capogruppo dei Ds Antonio Amato.Noi Lavoriamo per rendere protagonista l’Assemblea Regionale di un importante stagione di svolta e di impegnative riforme. L’esperienza degli ultimi anni ci insegna che, senza la modifica del regolamento, l’attività legislativa stenterebbe a decollare – prosegue Amato, secondo il quale “le discussioni, il confronto nel Consiglio Regionale senza produzione di atti concreti risulterebbero sterili, improduttivi con impegno di danaro pubblico senza alcun beneficio per la collettività. Un Consiglio regionale che non riesce ad essere un legislatore efficiente, infatti, mortifica la partecipazione, la rappresentanza politica e le aspettative della società civile. Ecco perché – continua il capogruppo della quercia – in questa settimana ci siamo mossi con determinazione ed alla luce del sole per rendere possibile un accordo con le minoranze al fine di raggiungere la maggioranza dei due terzi necessaria per approvare le modiche del regolamento del Consiglio: cambiare il regolamento con le regole vigenti senza un accordo maggioranza – opposizione non solo è tecnicamente impossibile, ma anche politicamente inopportuno, trattandosi di una riforma istituzionale di straordinaria portata. Solo uno sterile ed inconcludente moralismo non coglie l’importanza dell’accordo al quale si sta lavorando: rapido cambio del regolamento e più garanzie di controllo da parte delle minoranze. In questo contesto si spiega l’incremento del numero delle commissioni speciali che, comunque, verranno sottoposte ad un attento controllo di produttività”.“Su questa linea, punto prioritario del programma elettorale del Centro Sinistra, i Democratici di Sinistra si muoveranno affinché il Consiglio Regionale della Campania possa avere una piena dignità, operare in modo efficiente e con incisiva, immediata efficacia” conclude Amato.
2) ERRICO(UDEUR): MOLTIPLICAZIONE COMMISSIONI CREA CONFUSIONE E PESA SU ECONOMIA
NAPOLI, 15 GIUGNO 2005 – “La moltiplicazione delle commissioni speciali contribuirebbe solo a creare uno stato di confusione amministrativa, ripercuotendosi negativamente anche sull’economia della Regione Campania”. E’ quanto afferma il consigliere regionale dei Popolari Udeur Fernando Errico.“ La vicenda riguardante l’istituzione di nuove commissioni speciali rimane argomento centrale del dibattito politico regionale – prosegue l’esponente della maggioranza, secondo il quale “è prioritario perseguire il rispetto delle regole nell’intenzione di garantire il corretto funzionamento dell’Istituzione del Consiglio regionale”.“Per questi motivi – prosegue Errico – sono contrario alla duplicazione delle commissioni speciali a meno che non ve ne sia l’effettiva necessità in relazione alle esigenze del territorio. Nonostante le posizioni di ciascuno, mi auguro che tale questione trovi presto una risoluzione e che in futuro il lavoro dell’assise regionale sappia tracciare percorsi amministrativi utili alla Regione Campania. A tal proposito credo che un’importanza prioritaria debba essere attribuita alla discussione del Regolamento del Consiglio regionale per il quale è necessario accelerare l’iter d’approvazione, interpretando le legittime aspettative dei cittadini campani. Solo lavorando in questo modo – conclude Errico – si potranno rincorrere progetti costruttivi evitando l’instaurarsi di situazioni che hanno tutto il sapore di un’inutile compensazione”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.