Problemi della navigazione nel Golfo di Napoli.
Acap associazione cabotaggio
armatori partenopei
COMUNICATO STAMPA
18.11.2008, ore 19.00
L’Acap revoca lo stato di agitazione proclamato per domani 19 dicembre e ripristina i collegamenti dopo l’approvazione del Decreto “Milleproroghe”.
A seguito del Decreto MIlleproproghe che è stato approvato questa sera dal Consiglio dei Ministri con l’inserimento dell’art.27 che proroga fino al 31 Dicembre del 2009 gli sgravi contributivi , le Compagnie di Navigazione Private aderenti all’ACAP venute a conoscenza di tale provedimento hanno immediatamente revocato lo stato di agitazione e la soppressione dei collegamenti con le isole della Campania proclamati oggi pomeriggio, e a partire da domani ripristineranno tutti i collegamenti, rispettando il piano orario invernale in vigore.
Riprenderanno domani mattina, 17 dicembre,i collegamenti marittimi con le linee veloci nel Golfo.
Le compagnie aderenti all’ ACAP, la Medmar Navi Spa, la Snav Spa, la Libera Navigazione del Golfo Spa, l’Alilauro Spa, L’Alilauro-Gruson Spa, l’Alicost Spa e il Consorzio Neapolis hanno accolto l’invito a sospendere per 48 ore lo sciopero in corso, arrivato da parte dell’Assessore Regionale ai Trasporti Ennio Cascetta, dal Prefetto e dai Sindaci delle Isole del Golfo dopo il vertice in Prefettura per cercare soluzioni idonee al ripristino dei collegamenti e alla risoluzione delle problematiche sollevate dagli armatori delle compagnie di navigazione privata.
I collegamenti saranno ripristinati a partire da domani mattina per 48 ore, mercoledi e giovedi, il tempo necessario per far attuare al Governo una normativa idonea al ripristino degli sgravi contributivi che non erano stati inseriti nella Finanziaria in corso d’approvazione.
Se non arriveranno risposte chiare e definitive le compagnie associate all’ACAP riprenderanno lo stato di agitazione e la soppressione dei collegamenti marittimi già da venerdì mattina, mantenendo in vigore le corse garantite.
Ufficio stampa Acap
081 808 0490
da: Associazione Cabotaggio Armatori Partenopei [acap.ufficiostampa@email.it]
————————
SOSPENSIONE DEI COLLEGAMENTI CON LE ISOLE: CASCETTA CHIEDE AL PREFETTO DI NAPOLI UN INCONTRO URGENTE
L’Assessore regionale ai Trasporti Ennio Cascetta, ha inviato oggi una lettera al Prefetto di Napoli, Alessandro Pansa.
“La sospensione dei servizi di collegamento marittimo nel golfo di Napoli attuata dagli armatori privati – scrive Cascetta – sta generando notevoli disagi alle comunità isolane. Nonostante l’atto di invito e diffida prodotto dagli uffici di questo Assessorato il 10 dicembre, riconfermato il successivo giorno 12, gli armatori hanno limitato a 32 corse giornaliere il servizio nel golfo di Napoli, a decorrere dal 13 dicembre. Per tali motivi, al fine di ripristinare il regolare svolgimento dei servizi in questione, considerata la peculiare condizione di disagio di quanti hanno necessità quotidiana di raggiungere Napoli dalle isole del golfo e viceversa, anche per prevenire eventuali problemi di ordine pubblico, si chiede alla S.V. di convocare un incontro urgente”.
REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 15 DICEMBRE 2008
——————————–

I nove sindaci dei comuni di Ischia, Capri e Procida terranno martedì prossimo, 16 dicembre, una conferenza stampa presso la sede dell’Anci in via S. Lucia 76, per denunciare la grave situazione dei trasporti marittimi nel golfo di Napoli.
Chiederanno di essere tranquillizzati sulla vicenda Caremar e sull’accoglimento delle richieste degli armatori privati che, in mancanza del rinnovo degli sgravi contributivi sul personale marittimo si vedranno costretti a ridurre drasticamente i servizi. In realtà risulta veramente poco comprensibile il perchè la nuova finanziaria preveda che tali sgravi vengano applicati agli armatori che effettuano servizi di cabotaggio maggiore e non a quelli che garantiscono i collegamenti con le isole minori.
info@romaneapolis.tv
——————–
I COMUNICATI ACAP
———————
acap – associazione cabotaggio
armatori partenopei
COMUNICATO STAMPA DEL 12.11.2008
Sospensione dei collegamenti marittimi : l’ACAP garantisce che saranno assicurati alcuni collegamenti necessari.
Non ci sarà il blocco totale dei trasporti marittimi delle società di navigazione aderenti all’ACAP, l’Associazione Cabotaggio Armatori Partenopei, che raggruppa la quasi totalità delle compagnie di navigazione della Regione Campania. Lo ha stabilito il Consiglio direttivo dell’ACAP in una riunione che si è svolta oggi pomeriggio nella sede dell’associazione dove si sono incontrati i rappresentanti delle compagnie di navigazione associate all’ACAP, la Medmar Navi Spa, la Snav Spa, la Libera Navigazione del Golfo Spa, l’Alilauro Spa, L’Alilauro-Gruson Spa, l’Alicost Spa e il Consorzio Neapolis.
Al termine dell’incontro, dove si dovevano decidere le linee strategiche da attuare nel corso della protesta che durerà fino all’adozione da parte dell’autorità competente di una giusta normativa mirata alla risoluzione del problema sgravi contributivi, gli armatori, per minimizzare i disagi agli utenti, quella fascia di passeggeri che o per lavoro o per studio o per altri motivi utilizzano le vie del mare ed anche nel rispetto delle normative in materia, hanno stabilito di garantire alcuni servizi effettuando le corse negli orari tradizionalmente più utilizzati. Partiranno a partire da domani quindi dal Molo Beverello per Capri, Ischia Sorrento, Procida e Pozzuoli, una quindicina di corse tra aliscafi, catamarani, jet e navi che assicureranno ai residenti e ai pendolari di poter raggiungere le località di destinazione senza sottoporsi ad eccessivi disagi.
La scaletta degli orari, che andrà in vigore da domani, 13 dicembre, è stata approvata all’unanimità.
Per il Piano Orari Corse Garantite
telefonare all’Ufficio stampa Acap
081 808 0490
da: Associazione Cabotaggio Armatori Partenopei [acap.ufficiostampa@email.it]
——————————-
Comunicato stampa dell’ Acap – Associazione cabotaggio
armatori partenopei
Sospensione dei collegamenti marittimi con le isole a partire dal 13 Dicembre in poi.
Il Presidente dell’Associazione Cabotaggio Armatori Partenopei, Nicola D’Abundo in una nota inviata al Ministro dei Trasporti, all’Assessore Regionale ai Trasporti della Regione Campania e al Prefetto di Napoli, ha comunicato a nome di tutte le società che aderiscono all’ACAP, , che essendo rimasta priva di riscontro la lettera inviata a nome di tutte le compagnie del 5 Dicembre, in cui veniva messa in evidenza l’emergenza dovuta al mancato inserimento in Finanziaria degli sgravi contributivi, a decorrere da Sabato 13 Dicembre 2008 sospenderanno i collegamenti marittimi con le isole della Regione Campania.
Un provvedimento teso a richiamare l’attenzione del Governo sulla crisi del comparto trasporto marittimo locale” sottolinea nella sua lettera il Presidente D’Abundo “generata dalla soppressione degli sgravi contributivi previdenziali sui lavoratori marittimi.
Tutte le compagnie di navigazione associate all’ACAP, Snav Spa, Società di Navigazione Medmar Navi Libera Navigazione del Golfo, Alilauro Spa e Alilauro Gruson, Alicost, e il Consorzio Neapolis, colpite da un nuovo e insostenibile costo, sono costrette quindi a sospendere i servizi sino a quando non sarà adottata da parte delle autorità competenti una misura normativa idonea alla risoluzione del problema.”
Ufficio stampa Acap
081 808 0490
Email: acap.ufficiostampa@yahoo.it
——————————
IL COMUNICATO STAMPA DEL 5 DICEMBRE 2008
A RISCHIO SOSPENSIONE COLLEGAMENTI MARITTIMI
NEL GOLFO DI NAPOLI A PARTIRE DAL 12 DICEMBRE 2008
Nicola D’Abundo, il presidente dell’ Acap (associazione cabotaggio armatori partenopei) che rappresenta la totalità delle compagnie di navigazione che operano nella Regione Campania, annunzia lo stato di agitazione ed il rischio della sospensione dei collegamenti marittimi a partire dal 12 dicembre.
Lo stato di agitazione si collega alla legge finanziaria in corso d’approvazione che non contiene (nonostante le rassicurazioni dal Ministero dei Trasporti) nessuna norma per parificare le società aderenti all’Acap alle aziende armatoriali che operano in regime di cabotaggio internazionale e a quelle armatoriali europee.
Le motivazioni che porteranno allo sciopero degli associati all’ Acap sono state espresse in un documento che si allega al comunicato e che è stato inviato a tutti gli Enti preposti ed alle Istituzioni interessate al problema a partire dal Presidente del Consiglio dei Ministri.
NAPOLI. 5.12.2008
Ufficio stampa Acap
081 808 0490
Email: acap.ufficiostampa@yahoo.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.