SANITA’, IL PRESIDENTE BASSOLINO FIRMA LA LEGGE APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE
Il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, ha già firmato, subito dopo l’approvazione del Consiglio Regionale, la legge recante
”Misure di razionalizzazione e riqualificazione del sistema sanitario regionale per il rientro del disavanzo”, e l’allegato Piano di ristrutturazione e riqualificazione della rete ospedaliera.
“Forte è il mio apprezzamento per il lavoro intenso portato avanti dal Consiglio in queste settimane per approvare il piano nei termini previsti”, ha detto Bassolino.
“Con questo provvedimento segniamo una vera svolta per la riforma del nostro sistema sanitario: portiamo le ASL da 13 a 7, riduciamo il numero dei distretti sanitari, aboliamo i coordinamenti tecnico provinciali, tagliamo e riconvertiamo i posti letto in eccesso nelle strutture pubbliche e private, riorganizziamo la rete dell’emergenza e riqualifichiamo le aziende ospedaliere, riconvertiamo e unifichiamo ospedali dove è necessario, rendiamo più efficienti le procedure di accreditamento. Grazie a queste scelte è possibile avere meno apparati e più qualità dei servizi.
“I risparmi derivanti da questa razionalizzazione dei costi e la riduzione della spesa farmaceutica introdotta con le ultime delibere della giunta sono essenziali per rispettare il piano di rientro concordato col governo. Stiamo compiendo un nuovo e importante passo del cammino di risanamento avviato negli anni scorsi, quando il disavanzo ammontava a 8 miliardi di euro”, ha aggiunto Bassolino.
“Nell’incontro di questi giorni e nei contatti col governo e con il sottosegretario Letta – ha infine sottolineato Bassolino – ci si è concentrati esclusivamente sulle misure necessarie a evitare il commissariamento. E’ evidente dunque che non si è parlato di alcun nome”.

A BENEVENTO LA SCUOLA DI CITTADINANZA ATTIVA
Domenica 30 novembre a Benevento, presso il centro La Pace, si aprono le lezioni della Scuola di Cittadinanza Attiva.
E’ una iniziativa promossa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Campania, in collaborazione con il Forum Regionale della Gioventù, per promuovere la partecipazione dei giovani ai Forum comunali.
La Scuola propone seminari e lezioni sul concetto di cittadinanza, la cura di sé e degli altri, la progettazione e la gestione delle reti.
Destinatari del progetto, 60 giovani dai 16 ai 29 anni selezionati tra i coordinatori e i componenti dei Forum comunali della gioventù.
Ai giovani sarà consegnato un “Kit iniziale”, contenente gli strumenti informativi e formativi, per un approfondimento ulteriore degli argomenti trattati.
Alla Scuola interverranno i formatori Giovanna Borrello, Michele La Piccirella, Ramon Magi, Monica Murero, Giulio Salivotti, Paola Trifoni, Silvia Volpi.
L’iniziativa verrà conclusa il 4 dicembre dall’assessore alle Politiche Giovanili Alfonsina De Felice con un intervento su “Lavoro e Costituzione”.

INCENTIVI, LA GIUNTA FINANZIA IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA’ A BREVE PER ALTRE 100 IMPRESE. COZZOLINO: “UNA MISURA ESTREMAMENTE IMPORTANTE PER FRONTEGGIARE LA CRISI. PRESTO ULTERIORI FINANZIAMENTI”.
Su proposta dell’assessore regionale alle Attività Produttive Andrea Cozzolino, la Giunta Regionale ha stanziato ulteriori risorse per finanziare 100 imprese ammesse ad usufruire degli incentivi regionali per il consolidamento delle passività a breve. A partire dalla prossima settimana, le 100 imprese destinatarie dell’incentivo riceveranno complessivamente 9,581 milioni di euro di contributi pubblici erogati, grazie ai quali potranno essere consolidati dal breve al lungo periodo crediti bancari per 53,619 milioni di euro.Dal punto di vista territoriale, il maggior numero di imprese ammesse all’incentivo è concentrato in provincia di Salerno, con 42 finanziamenti, seguito da Napoli con 28, Avellino con 19, Benevento con 5 e Caserta con 6. Dal punto di vista settoriale, invece, il maggior numero di imprese ammesse al finanziamento si concentra nell’industria, con 41 progetti di consolidamento finanziati. Seguono il commercio con 28 istanze finanziate, le costruzioni con 14 istanze e le attività estrattive con 11. L’81% di richieste di consolidamento finanziate sarà erogato a favore di piccole imprese, il 19%, invece, a favore di imprese di media entità. Complessivamente, la media dell’importo per ogni consolidamento richiesto è pari a 536.196 euro. L’incentivo per il consolidamento delle passività a breve è una delle cinque misure previste dalla nuova legge regionale sugli incentivi, in vigore dal dicembre 2007. Questa normativa ha razionalizzato lo strumento degli incentivi, passati da 44 a 5 (innovazione e sviluppo; credito d’imposta per gli investimenti; credito d’imposta per l’occupazione; consolidamento delle passività a breve; contratto di programma regionale), semplificando e sburocratizzando le procedure grazie al sostegno del sistema bancario e agli sportelli on line dove presentare le domande.Lo sportello per il consolidamento delle passività a breve è stato aperto lo scorso 14 luglio e si è chiuso in meno di 24 ore con 236 domande idonee presentate e il conseguente esaurimento delle risorse messe a disposizione. Il 31 ottobre scorso sono state finanziate le prime 82 imprese, per complessivi 10,2 milioni di euro di contributi pubblici già erogati, grazie ai quali sono stati consolidati dal breve al lungo periodo crediti bancari per 61,8 milioni di euro. “La legge sugli incentivi si sta dimostrando uno strumento estremamente efficace a sostegno del sistema delle nostre imprese”, dichiara l’assessore Cozzolino.”Proprio adesso che la crisi finanziaria sta riversando i suoi effetti negativi sull’economia reale della produzione e del lavoro, il consolidamento per le passività a breve si sta rivelando una misura di grande utilità e concretezza per quelle aziende che hanno fatto investimenti importanti per lo sviluppo del territorio e ora hanno bisogno di più tempo per reggere all’impatto della difficile congiuntura.”Uno dei risultati più positivi dei nuovi incentivi regionali lo stiamo ottenendo proprio sul versante del fattore tempo. Nei momenti di maggiore difficoltà è, infatti, importante attuare le giuste misure nella maniera più veloce possibile. Attraverso passaggi semplici e trasparenti, alleggerendo il peso della burocrazia e delle lunghe intermediazioni, a poche settimane dall’apertura del bando, siamo riusciti a finanziarie oltre l’80% dei progetti. Entro la fine dell’anno completeremo tutte le pratiche per le imprese che hanno dimostrato di avere le carte in regola e procederemo al finanziamento anche per gli incentivi per innovazione e sviluppo e, successivamente, per il contratto di programma regionale.”Ora attendiamo soltanto che il Governo ci permetta di chiudere la convenzione con l’Agenzia delle Entrate per far partire anche i bandi sul credito d’imposta per gli investimenti e l’occupazione. Si tratta di misure che abbiamo fortemente voluto e per cui sono già disponibili le risorse. Sono due incentivi estremamente importanti per il rilancio dell’occupazione e della competitività”.

REGIONE CAMPANIA.COMUNICATI UFFICIO STAMPA DEL 28 NOVEMBRE 2008


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.