Sono 30 i vini campani eccellenti per l’Associazione Italiana Sommelier.
Nella edizione della Guida Vitae 2021, 30 vini della nostra regione sono stati insigniti delle quattro Viti, il simbolo che viene assegnato dai degustatori ai prodotti che hanno ottenuto un punteggio minimo di 91 punti, vini di eccellente profilo stilistico e organolettico.

Sabato 28 novembre, l’AIS presenterà ufficialmente la Guida Vitae 2021, in un evento che quest’anno si terrà via web. Durante la presentazione del 28, dalle 11 alle 13, l’Associazione Italiana Sommelier annuncerà inoltre i nomi dei ventidue produttori, uno per regione, insigniti del Tastevin Ais: Sono i vini che hanno contribuito a imprimere una svolta produttiva al territorio d’origine, che rappresentano modelli di riferimento di indiscusso valore nella rispettiva zona o che hanno strappato dall’oblio e riportato all’attenzione del settore vitigni dimenticati. La presentazione potrà essere seguita dagli schermi di casa. Saranno i produttori insigniti con il Tastevin, insieme ai rappresentanti dell’Associazione, a parlare delle proprie etichette, e a descrivere le vicende affrontate durante un anno vinicolo peculiare come il 2020.

I numeri della versione cartacea di Guida Vitae 2021: 2014 aziende del territorio nazionale recensite; 694 i vini premiati con le 4 Viti, il massimo punteggio; 169 i vini premiati con l’icona del “Salvadanaio”, per avere espresso un esemplare rapporto tra valore produttivo e prezzo di vendita; 114 infine i vini “Cupido”, capaci di emozionare fin dal primo sorso.

«Il mio intervento di quest’anno è carico di emozioni, di intensi stati d’animo, nel raccontarvi ancora una volta una Campania del vino che ha reagito con passione e che ha intrapreso con ancor più convinzione la strada della qualità. Troverete nella Guida Vitae 2021 talentuosi produttori – ha commentato Il Presidente di Ais Campania Nicoletta Gargiulo -, autori di prodotti dalla spiccata identità territoriale, e con sempre nuove possibilità di esaltare con il vino la ricchissima gastronomia regionale e nazionale».

I 30 VINI CAMPANI PREMIATI CON LE QUATTRO VITI

AGLIANICO DEL TABURNO 2016 – Nifo Sarrapochiello

AGLIANICO DEL TABURNO TERRA DI RIVOLTA RISERVA 2017 – Fattoria La Rivolta

AGLIANICO DEL TABURNO VIGNA CATARATTE RISERVA 2015 – Fontanavecchia

CAMPI FLEGREI FALANGHINA 2018 – Contrada Salandra

CAMPI FLEGREI FALANGHINA CRUNA DELAGO 2018 – La Sibilla

CILENTO AGLIANICO SIOPÈ 2016 – Luigi Maffini

COSTA D’AMALFI FURORE BIANCO FIORDUVA 2019 – Marisa Cuomo

FIANO DI AVELLINO 2019 – Ciro Picariello

FIANO DI AVELLINO ALIMATA 2018 – Villa Raiano

FIANO DI AVELLINO CAMPORE 2016 – Terredora

FIANO DI AVELLINO SARNO 1860 2018 – Tenuta Sarno 1860

FIANO DI AVELLINO TOGNANO 2017 – Rocca del Principe

GRECO DI TUFO PICOLI 2018 – Bambinuto

GRECO DI TUFO VIGNA CICOGNA 2019 – Benito Ferrara

GRECO DI TUFO VIGNA LAURE 2018 – Cantine di Marzo

KAPNIOS 2017 – Masseria Frattasi

LACRYMA CHRISTI DEL VESUVIO BIANCO VIGNA DEL VULCANO 2018 – Villa Dora

MEL 2018 – Cantine Antonio Caggiano

MONTEVETRANO 2018 – Montevetrano

MORRONE 2018 – Alois

OI NÌ 2017 – Tenuta Scuotto

TAURASI FREN 2016 – Stefania Barbot

TAURASI LA LOGGIA DEL CAVALIERE RISERVA 2014 – Tenuta Cavalier Pepe

TAURASI PIANO DI MONTEVERGINE RISERVA 2015 – Feudi di San Gregorio 

TAURASI POLIPHEMO RISERVA 2015 – Luigi Tecce

TAURASI RADICI RISERVA 2015 – Mastroberardino

TAURASI T31 2012 – Contrade di Taurasi

TAURASI VIGNA CINQUE QUERCE RISERVA 2012 – Salvatore Molettieri

TAURASI VIGNA QUINTODECIMO 2015 – Quintodecimo

TERRA DI LAVORO 2018 – Galardi



0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *