La Comunità Montana di Vallo di Lauro e Baianese, in provincia di Avellino, ha posto al centro del suo interesse la comprensione, lo studio e la valorizzazione del suo territorio, ritenendo che vi fossero spazi ignorati dalla cultura ufficiale e territori ricchi di potenzialità, da utilizzare nel modo migliore con opportuni interventi e con azioni mirate. Le notevoli emergenze della Comunità si possono riscontrare e sono ben visibili, nel sito archeologico di Avella che contiene l’anfiteatro, tombe di epoca romana, suppellettili e monili conservate nel museo irpino di Avellino, e di Taurano che comprende la splendida Villa Signorile del II, III secolo d.C.) il castello medievale di Avella e di Lauro, il gran numero di chiese, le corti e i palazzi padronali, e, infine, gli straordinari ambiti naturali e paesaggistici del territorio montano del massiccio del Partenio. Studi sono stati fatti sulle origini dei sentieri montani, sulla flora e sulla fauna del Partendo e del Vallo di Lauro. Piatti tipici comprendono fusilli, orecchiette, gnocchi, taralli, dolci e salati, agnello alla brace, castagnaccio, pizza di granturco, zuppa di ortaggi. L’artigianato si realizza attraverso i cesti, cestini e botti. In particolare i cesti vengono realizzati con i giunchi del posto realizzando modelli di varie forme e dimensioni. Nel territorio prevalentemente collinare della Comunità irpina la coltura più rappresentativa è certamente il nocciolo, le specie Mortadella e S.Giovanni, nella Valle di Lauro, sono le più diffuse in una serie di coltivazioni negli appezzamenti ampiamente frammezzati. Il noce occupa una superficie molto limitata mentre come pianta sparsa occupa posizioni di privilegio nei filari che crescono a delimitare i campi. Famose e richiestissime sono le Noci di Sorrento e la Malizia. L’olio doc è l’Irpinia., Il ciliegio è destinato per lo più all’industria con le qualità Nero di Mugnano, Secondo Nero di Mugnano, Ferrovia, Cervone.Gli agrumi di Marzano di Nola, Domicella e Lauro sono di ottima produzione e nella zona montana abbondano castagneti e boschi. Le castagne Marrone di S.Cristina sono note anche in America, mentre sotto gli abbodanti faggi crescono funghi e aspargi selvatici. La zootecnia non è molto diffusa se non nelle zone di Avella, le bufale, e Quadrelle, gli ovini. Il famoso Salame di Napoli è prodotto con i suini di Mugnano del Cardinale ed è fattore di crescita economica con un indotto che coinvolge pressoché tutti gli allevatori di suini. La Comunità Montana del Vallo di Lauro e Baianese, situata in provincia di Avelino, comprende i comuni di Avella, Baiano, Domicella, Lauro, Marzano di Nola, Moschiano, Mugnano del Cardinale, Pago del Vallo di Lauro, Quadrelle, Quindici, Siringano, Sperone, Taurano. L’alto Agro nolano, costituisce il territorio della Comunità compresa nella Campania Felix, con gli antichi centri abitati ai piedi o sulle prime balze del massiccio del partendo coperto da una ricca macchia mediterranea e da alberi di alto fusto sui pianali. Le due valli di lauro e Baiano, costituenti la Comunità Montana intersecate dalle vie di comunicazione tra Napoli e le Puglie, sono baricentriche rispetto ai capoluogo delle province di Caserta, Salerno, Napoli e Avellino. La collocazione geografica, tutta ancora da sfruttare ai fini turistici e agrituristici, così vicina spazialmente alla metropoli Napoli e da questa altrettanto distante morfologicamente, ha caratterizzato la storia, lo sviluppo e il carattere della gente. Al clima fresco, alla tranquillità dei siti, ordinati ed ospitali, agli ottimi collegamenti su ferro e su gomma , l’autostrada Napoli-Bari e l’Asse mediano praticamente l’attraversano tutta, va addebitato l’interesse sempre maggiore dei napoletani che prediligono la naturalità, mentre si va facendo strada un pendolarismo di qualità alla ricerca scoperta dei luoghi a forte predominio del verde ambiente ricco di fiere, tradizioni artigiane e contadine. Parti notevoli della Comunità sono state incluse nel parco del Partendo con i comuni di Avella, Baiano, Mugnano del Cardinale, Quadrelle, Sirignano, Sperone.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.