La Politica Agricola regionale è ormai da tempo orientata alla qualificazione e valorizzazione delle produzioni agroalimentari campane, nella certezza che la sfida alla “globalizzazione” dei mercati si possa vincere non solo promuovendo la qualità ma anche attraverso l’esaltazione della tipicità, che rappresenta il vero valore aggiunto delle produzioni agricole campane. E’ quanto dichiara l’assessore regionale all’agricoltura Vincenzo Aita riferendo che proprio in quest’ottica sono state presentate, nei giorni scorsi, le domande di registrazione delle denominazioni di origine “Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP, Denominazione di origine protetta,”, “Noce di Sorrento IGP, Indicazione geografica protetta” e “Kaki Napoletano DOP”, a cura dei rispettivi Comitati promotori. Aita spiega che in tal modo si avvia l’iter istruttorio sino alla trasmissione, nei prossimi giorni, al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali che provvederà, una volta completata l’istruttoria nazionale, ad inoltrarle ai competenti Uffici della Commissione UE. Aumenta, pertanto, l’elenco dei prodotti campani tutelati o da tutelare con marchi di origine protetta. Ad oggi la Campania possiede 7 marchi DOP, 6 IGP e 1 STG già riconosciuti anche in ambito europeo, mentre sono 16 (di cui 10 DOP) quelli in attesa che si completi l’iter previsto dal regolamento comunitario. Tale ottimo risultato premia anche l’impegno con il quale l’Amministrazione regionale sta affrontando la complessa e laboriosa opera di promozione e tutela delle produzioni agroalimentari tipiche, per i quali si cominciano ad avere anche i primi positivi risultati applicativi: aumentano le adesioni delle imprese ai sistemi di certificazione e quindi aumenta anche la quantità di prodotto commercializzato con i marchi DOP/IGP; inoltre, sono ormai in via di costituzione i Consorzi di tutela per tutti i prodotti finora registrati che si tradurrà in un’ancor maggiore attenzione e vigilanza sull’utilizzazione corretta delle stesse DOP e IGP. L’Arga della Campania, attraverso il presidente, Francesco Landolfo, ha fatto pervenire all’assessore Aita una sua nota di adesione al sostegno delle motivazioni pubblicizzando la sua iniziativa e diffondendola alle altre Arga presenti sl territorio nazionale.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.