06/03/2006 – 17:48
PERUGIA: “PROCESSO AL PROSCIUTTO” OCCASIONE PER DISCUTERE DI CIBO E TURISMO
(AGE) PERUGIA – In occasione dello scherzoso ‘Processo al prosciutto’, svoltosi sabato e domenica scorsa a Norcia nell’ambito della 43esima edizione della Mostra-mercato Internazionale del Tartufo, si sono confrontati presso la Sala del Consiglio Maggiore del Municipio amministratori, produttori ed operatori dei diversi settori. A far da base al dibattito di una ‘tavola rotonda’ sull’argomento, il volume di Flaminia Ventura e Pierluigi Milone, che per conto della Regione hanno redatto uno studio sui modelli di sviluppo delle economie locali. ‘Traiettorie di sviluppo’ s’intitola il volume, che prende in esame due realtà esemplari dell’Umbria, Montefalco e la Valnerina: nella prima, intorno ad un vino, il Sagrantino, che ha fatto da ‘motore’, si è attuato il ‘miracolo’ di uno sviluppo che – sono parole degli autori – ‘ha riguardato tutti i settori in modo integrato e sinergico’, così che oggi il Comprensorio di Montefalco esercita una grande forza di attrazione per il paesaggio, l’ospitalità delle strutture ricettive, la ricchezza dei suoi tesori dell’arte medievale e rinascimentale; nella seconda, la Valnerina: luoghi, prodotti e mestieri non riescono invece a trovare una ‘identità di sistema’, un ‘forte collegamento fra loro, che generi quelle sinergie necessarie ad avviare un processo di sviluppo sostenibile, di lungo periodo, del comprensorio’. «La strada da seguire – ha sottolineato nel corso del dibattito Ernesta Maria Ranieri, neodirettore dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Umbria – è quella che mette insieme ‘differenziazione e identità’: nel caso della Valnerina – ha detto – paesaggio e prodotti tipici compongono un quadro unico, che parla di una ‘forte integrazione fra prodotti e territorio’». (AGE) -COM- ANT

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.