(ANSA)- Servizio veterinario della Asl Napoli Uno ha ”rigidamente” applicato il protocollo previsto in questi casi: l’ eliminazione dei pappagallini, fra i quali si era diffuso il virus che e’ all’origine della malattia di Newcastle, un agente molto patogeno altamente infettivo, era dovuta. La soppressione degli uccelli e’ stata attuata secondo quanto previsto dalla legge, con modalita’ di assoluta sicurezza, nel rispetto della salute pubblica, per evitare conseguenze dannose al patrimonio zootecnico. Dell’ accaduto sono state immediatamente avvertite le strutture della Regione Campania e del ministero della Salute. La precisazione e’ del direttore del servizio veterinario della Asl Napoli Uno, Vincenzo Caputo il quale spiega che l’allarme sulla diffusione del virus e’ venuto dall’ Istituto Zooprofilattico di Portici(Napoli),mentre i pappagallini provenienti dal Pakistan, cosi’ come previsto dalle norme sull’importazione di animali, erano ancora rinchiusi nella stazione di quarantena che si trova a Napoli, nel quartiere Poggioreale. La stazione viene utilizzata per trattenere tutti gli animali importati che rimangono in quarantena fino a quando non sono completati i controlli sanitari. ”Gli esami biologici – spiega il dott. Caputo – hanno evidenziato in questo caso la presenza del virus della malattia di Newcastle, un agente estremamente infettivo. A questo punto abbiamo provveduto alla soppressione degli uccelli, cosi’ come previsto dalla normativa internazionale”. Caputo fa notare anche che per la soppressione dei pappagallini si e’ proceduto nel ”rigido rispetto” delle norme di legge. Le carcasse degli animali sono state poi eliminate in un termodistruttore specializzato. ”Se non si fosse proceduto alla eliminazione forzata dei pappagalli infetti – fa rilevare il dott. Caputo – la maggior parte degli uccelli sarebbe comunque morta per la malattia. In quel caso pero’ sarebbe stato messo a rischio il patrimonio zootecnico nel quale si sarebbe potuto diffondere il virus”. (ANSA).
Firmate la petizione contro le importazioni nell’UnioneEuropea degli uccelli catturati in natura.

Categorie: Ornitologia

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.