L’ARMONIA DELLE NAZIONI
XI Festival Barocco e…

Napoli – Complesso monumentale di San Lorenzo Maggiore – Sala Sisto V

domenica 29 giugno, ore 19.00

Les Goûts réunis
musiche di C. Debussy, J. Hotteterre, K. Penderecki,
B. Marini, A. Clementi, F. M. Veracini, J. S. Bach, B. Maderna

flauto dolce e traverso Tommaso Rossi
cembalo Maria Rosaria Marchi
clarinetto Gaetano Russo

NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI

Biglietto Euro 8,00 – Prevendite abituali

Invenzioni musicali tra barocco e postmoderno

Sabato 29 giugno, alle ore 19.00, nella Sala Sisto V di San Lorenzo Maggiore (Napoli, Via dei Tribunali, 316), Les Goûts réunis, secondo appuntamento dell’XI Festival Barocco e… della Nuova Orchestra Scarlatti, realizzato con il sostegno dell’Assessorato al Turismo e ai Grandi Eventi del Comune di Napoli.

La suggestione di Syrinx per flauto solo di Claude Debussy, la celebre pagina con cui il compositore francese inaugura il XX secolo aprendo un nuovo spazio sonoro liberato dal tempo e dalla storia è il punto di partenza ideale per un percorso che – fedele a un’impostazione
«trasversale» alle epoche e ai generi che caratterizza la rassegna della Nuova Scarlatti fin dalle sue prime edizioni – si muove liberamente tra forme dell’invenzione musicale barocca e contemporanea, alla ricerca di inedite assonanze.

Tre bellissime pagine settecentesche per flauto dolce e cembalo, rappresentative rispettivamente del gusto francese – la Suite in mi minore di Jacques Hotteterre -, italiano – la Sonata n. 6 in la minore di Giovanni Maria Veracini – e tedesco – la Sonata in fa BWV 1035 di Johann Sebastian Bach -, (ovvero i tre «gusti riuniti» a cui si riferisce il titolo del concerto), si alterneranno e si intrecceranno con un concentratissimo Prelude per clarinetto solo di Krzysztof Penderecki, il più significativo compositore polacco vivente, l’ipnotico Impromptu per clarinetto e quartetto d’archi di Aldo Clementi, una pagina del 1989 in cui il grande compositore catanese (sulla scia di Debussy) si tuffa nella materia musicale espandendola in superfici sonore dense e multicolori e, infine, la Serenata per un satellite (1969) del veneziano Bruno Maderna, capolavoro di estro e divertimento che invita gli esecutori a ricreare ogni volta la partitura con i loro interventi estemporanei «in diretta».

Partecipano al concerto il flautista Tommaso Rossi, la cembalista Maria Rosaria Marchi, il clarinettista Gaetano Russo. Presenta Enzo Viccaro.

INFO
Nuova Orchestra Scarlatti tel./fax 081.410175 – stampa: Silvia Pepe (348.4778292)
info@nuovaorchestrascarlatti.it www.nuovaorchestrascarlatti.it

da: pepe.silvia@email.it

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.