Luna e frutta.
La luce lunare influenza la maturazione dei frutti che devono essere colti al momento opportuno. Sembra, addirittura, che alcune varietà di mele del tipo Spur concentrino fioritura e fruttificazione in sintonia con i ritmi lunari. Il ciliegio per fruttificare bene, abbisogna del plenilunio seguito da temperature miti e clima nient’affatto umido. Prugne e albicocche vanno piantate con luna crescente ed i loro frutti raggiungono il pieno sviluppo in prossimità della luna piena., allorché il tenore zuccherino dei frutti è al massimo. Il pesco si dimostra particolarmente sensibile ai raggi lunari che influiscono in maniera rilevante sulla vellutatezza della buccia e la fragranza della polpa. Il mandorlo è particolarmente predisposto alla fase crescente della luna, tanto che i suoi fiori si aprono in prossimità del primo quarto. Il noce, come il nocciolo, risente a sbalzi degli effetti lunari: una luminosità troppo intensa secca le foglie, mentre sopporta meglio la luce della luna calante. Per una migliore conservabilità la raccolta di noci e nocciole va eseguita con la luna calante. Le conserve di frutta vanno fatte nell’ultimo quarto di luna calante.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.