Lo scempio della pineta di Licola con la macchia mediterranea che ne ha fatto l’oasi protetta della Regione, la più antica del circondario, è cosa che va avanti da decenni senza che nessuno riesca a fermare ivandali. Ogni tanto però succede qualcosa di buono e la forestale di Pozzuoli stavolta ha pizzicato un mega-residence pronto al grezzo sequestrandolo. Ma sono stati scoperti ben 12 scheletri di cemento per altrettanti mini alloggi e un parcheggio da destinare a box per cavalli. Il tutto su terreni vincolati, naturalmente. Si cerca di fare il possibile, dicono le autorità, ma la lotta è impari. Addirittura qualcuno suggerisce: perché non fare intervenire l’esercito? Sarebbe una soluzione, visto che le istituzioni preposte proprio non ce la fanno a sorvegliare i tanti chilometri di spiaggia e di pineta.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.