Le piante, per svilupparsi e riprodursi, hanno bisogno di determinati elementi. Alcuni, come il carbonio, l’idrogeno, l’ossigeno, vengono assorbiti dall’aria e dall’acqua, gli altri dal terreno. Mentre alcuni di questi elementi vengono consumati dalla pianta in grande quantità, come fa l’uomo col pane, altri sono sufficienti in quantità minime. Tutti, però, sono indispensabili. I primi si dicono macroelementi e sono l’azoto, il fosforo, il potassio, lo zolfo, il calcio, il magnesio. I secondi si dicono microelemnti e sono il ferro, il manganese, lo zinco, il rame, il boro. Di tutti questi quelli che di solito vengono a deficitarie sono l’azoto, il fosforo e il potassio. , ma sarebbe inutile distribuire decine di kg. di concimi azotati se il terreno mancasse di pochi grammi di boro.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.