Le liliacee
Questa simpatica famiglia alla quale appartengono cipolle, aglio e porri, comprende pure parecchie varietà di fiori. Le liliacee hanno la caratteristica di possedere alla base il bulbo che è un vero e proprio organo di riserva alimentare dal quale esse traggono nutrimento.
Cipolla, Allium cepa
Varietà e riproduzione: tra le molte varietà di cipolla si ricordano l’ibrido F ! Massa, precocissima, a scorza gialla, la Rossa di Bassano medio precoce, a scorza rossa, la Borettana medio precoce a scorza gialla, adatta per sottaceti come la Barletta a scorza bianca. La riproduzione avviene per seme o per bulbi.
Clima e terreno: predilige i climi temperati, pur adattandosi al freddo. Il terreno deve essere sciolto, sabbioso, senza ristagni d’acqua, e ricco di sostanza organica . non vanno bene i terreni argillosi ed eccessivamente umidi.
Semina, raccolta e conservazione: l’epoca di semina varia a seconda della destinazione del prodotto. Le cipolle da sottaceti vanno seminate nell’orto in primavera. Quelle per consumo fresco, vanno semnate in semenzaio in estate o inverno e trapiantate dopo l’emissione della quarta foglia., distanti 30cm. tra le file e 15cm.sulla fila. La profondità di semina è di un paio di cm. scarsi. La raccolta avviene quando l’apparato aereo è essiccato. Una volta estirpati i bulbi si lasciano asciugare sull’orto, al riparo dell’acqua, oppure in ambienti adatti. La conservazione avviene in frigorifero.
Concimazioni e cure colturali: si concima con 3q. di letame maturo ogni 100 mq.di orto Le cure colturali prevedono irrigazioni , zappature e scerbature per tenere mondo il terreno dalle erbe infestanti ed interrompere la capillarità. Alcuni orticoltori prima della raccolta usano piegare le foglie delle piante per favorire l’ingrossamneto dei bulbi.
Avversità: sono parecchie le malattie che attaccano la cipolla. Tra i parassiti animali la mosca della cipolla che si può combattere spargendo sulle file fiori di zolfo o fuliggine. Le angullule provocano l’avvizzimento degli apici e combattono con fumiganti , bruciando le parti colpite ed evitando di piantare sull’appezzamento infestato cipolle per almeno sei anni. Altri parassiti pericolosi sono la tignola che attacca le foglie, il punteruolo, la criocera. Delle crittogame si ricorda la peronospora , la ruggine e la muffa nera. Tra le virosi è pericoloso il mosaico della cipolla.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.