Nonostante i divieti si continua a costruire abusivamente snella zona rossa dei comuni vesuviani. E’ di ieri la scoperta di cantieri abusivi a Boscoreale e Terzino, ben dieci, che il Corpo forestale ha provveduto a sigillare. L’ordinanza di abbattimento dovrebbe seguire a breve e questo dovrebbe chiudere il caso ma non la voglia dei palazzinari che le provano tutte pur di violare un territorio abbondantemente compromesso e ora anche a rischio perché col Vesuvio c’è poco da dormire sonni tranquilli. Ma anche a Capri e in costiera, la forestale vigila e non sono pochi i cantieri che, nati come funghi nottetempo, all’alba vengono scoperti, sigillati ma non abbattuti, perché c’è il tempo di far ricorso al Tar che fino ad oggi ha sempre dato ragione alle istituzioni; ma i soldi spesi e il tempo perso non si contano più.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.