La Propoli: un’arma in più contro i parassiti.
La propoli deriva da sostanze periodi, resinose e gommose, prodotte dalla pianta per difendere le gemme fiorali e gli apici vegetativi. Le api raccolgono queste sostanze da un gran numero di piante (pioppo, ippocastano, betulla, castagno, abete, pino, quercia, ecc.)la elaborano con le loro secrezioni salivari trasportandola quindi all’alveare dove viene utilizzata per turare fessure, smussare le asperità, rinforzare favi, verniciare pareti. Fino a non molto tempo fa, la propoli trovava impiego in medicina per le numerose proprietà che possiede: antinfiammatoria, cicatrizzante, battericida, antivirale. Ora l’attenzione degli studiosi si è rivolta alla possibilità di usarla in agricoltura come antiparassitario. Del resto, trattandosi di prodotti vegetali emessi dalle stesse piante a loro protezione, era consequenziale approfondire questei aspetti. Gli studi condotti in tal senso hanno dimostrato che la propoli raccolta dalle api in primavera ha proprietà stimolanti sulla fioritura e lo sviluppo fogliare, la propoli raccolta dalle api a tarda estate invece, possiede proprietà antiparassitarie e ne viene consigliato l’impiego in inverno dopo la caduta delle foglie per contrastare gli attacchi dei microrganismi patogeni e dei parassiti. L’utilizzazione della propoli sulle colture orticole hanno fornito risultati incoraggianti. I pomodori trattati con propoli hanno denotato una ridotta comparsa di peronospora e di marciume apicale, fagioli e fagiolini attaccati da pidocchi sono stati disinfestati con 2-3 irrorazioni lo stesso si è riscontrato su bietole verze e cavolfiori. Sulle patate si è ottenuto l’arresto della peronospora e della ruggine con nessun attacco di dorifora. Da questi accnni si possono intravedere i possibili vantaggi che un impiego più perfezionato e diffuso della propoli potrebbero introdurre in agricoltura,. Un trattamento antiparassitario pressoché naturale eliminerebbe i danni collaterali apportati con pesticidi chimici. La propoli è pronta dunque ad entrare con pieno diritto nell’ambito di una razionale agricoltura biologica.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.