Finocchio selvatico, Feonicum vulgare.
Pianta a portamento elegante, il finocchio selvatico oltre possedere discrete proprietà medicinali trova impiego come aroma nella preparazione di insaccati e pietanze. Il suo sapore delicato e piacevole aggiunge ai cibi una nota di sicuro effetto.
Riproduzione: per seme.
Clima e terreno: tipico delle colline solatie e asciutte, il finocchio predilige i climi mediterranei caldi, pur adattandosi anche a condizioni non ideali. Il terreno non deve avere particolari caratteristiche.
Semina, raccolta e conservazione: la semina avviene in marzo direttamente sull’orto in file distante 60cm. Il diradamento che segue lascerà sulla fila una pianta ogni 30cm. La raccolta oltre ai semi maturi si orienta pure sulle foglie e i giovani getti. Questi vengono asportati lungo tutto il ciclo dell’anno. La conservazione dei semi avviene in buste di carta o vasetti di vetri.
Cure colturali: particolarmente importanti sono le scerbature per eliminare la concorrenza delle piante infestanti.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.