La clonazione nell’arte significa copia. La copia del Ratto d’Europa, trovata a Castellammare di Stabia, è stata esposta finalmente negli scavi di villa San Marco, mentre il suo originale è esposto a Chantilly. Un tempo in giro si mandavano le copie, ora si fa al contrario. Non è male ma è meno sicuro. Certamente. E poi, far guardare ai tanti italiani in visita a Castellammare, Pompei e Ercolano gli originali dei beni archeologici è tutt’altra cosa. A parte il fatto che essi sono nati là, non si capisce perché debbano andare in giro per il mondo come Ulissse, che però tornò ad Itaca. Questi nostri beni, torneranno mai alla loro casa?


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.