Dal Consiglio Regionale della Campania

30 agosto 2011
———————–
Campania. Riesame per le demolizioni di costruzioni abusive.
Il ministero delle Infrastrutture avvierà le valutazioni di merito sulla moratoria delle demolizioni degli abusi di necessità in Campania così come chiesto a fine giugno dal Presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, con una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Silvio Berlusconi, a seguito di un’incontro svoltosi presso la sede dell’istituzione regionale con una delegazione del Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni Unite in difesa del Diritto alla Casa.
A darne notizia è lo stesso presidente Romano rinviando a un nota trasmessa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri all’Ufficio di Gabinetto del Ministero dei Trasporti e per conoscenza alla Presidenza del Consiglio regionale della Campania.
“La nostra regione, che per le note ragioni politiche, non fu messa in condizione di accedere all’ultimo condono edilizio del 2003, – ha spiegato il presidente Romano – sconta una grave emergenza abitativa che in alcune realtà, come quella napoletana e casertana, riveste caratteri di vera e propria drammaticità”.
“In un contesto difficile come quello campano già fortemente gravato da altre emergenze e nel quale non tutti gli abusi rinviano alla speculazione edilizia ma rivestono a volte il carattere della pura necessità – aggiunge Romano – appare davvero fuori luogo procedere a sommarie, seppur a prima vista legittime, demolizioni”.
“La politica, dunque, anche e soprattutto rispetto ai diritti dei cittadini, e quello alla casa è certamente tra i primi, – ha aggiunto Romano – ha il dovere di dare quelle risposte fino ad oggi negate. Do atto e ringrazio il presidente Berlusconi per l’impegno che ha voluto assumere, certo che il ministero delle Infrastrutture saprà trovare quei giusti percorsi per arrivare ad una soluzione sostenibile di una questione che in Campania costituisce un vero e proprio problema sociale”.
Napoli, 30 agosto 2011
Ufficio Stampa Presidenza Consiglio Regionale Campania [ufficiostampa.presidenza@consiglio.regione.campania.it]
————————-
3 agosto 2011
———————–
Il Presidente Consiglio Regionale Paolo Romano su via libera cipe a piano sud.
“Il via libera del Cipe al Piano del Sud grazie al quale la Campania potrà aprire cantieri per almeno un miliardo e 700 milioni di euro, è una notizia di straordinaria portata per la nostra regione della quale va dato atto al Governo Berlusconi e alla capacità di dialogo dei presidenti delle Regioni coi ministri economici”.
Così il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, che aggiunge:
“Le decisioni assunte oggi a Roma testimoniano non solo come il Mezzogiorno costituisca, nei fatti e non solo negli annunci, una priorità assoluta per il Governo Berlusconi ma confermano anche la rinnovata capacità di programmazione e governance delle Regioni del Sud, grazie alla quale è stato possibile oggi sbloccare le risorse necessarie ad un forte rilancio infrastrutturale a dir poco fondamentale per lo sviluppo dei nostri territori”.
“Sono certo – ha concluso il presidente Romano – che la significativa sinergia tra i diversi livelli istituzionali messa in campo, di cui diamo atto anche e soprattutto al presidente Caldoro, saprà produrre quei risultati, in termini di sviluppo e occupazione, di cui le nostre comunità sentono un estremo bisogno”
Napoli, 03 agosto 2011
———————
1 agosto 2011
———————–
“L’approvazione dell’atteso Regolamento attuativo delle norme che disciplinano la formazione degli strumenti urbanistici, territoriali e di settore in Campania è senz’altro un dato positivo che apre la strada ad una disciplina organica dello sviluppo dei territori, in una positiva logica di confronto e collaborazione tra i diversi enti e livelli istituzionali”.
Così il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, commentando l’approvazione della legge regionale attuativa dell’art. 43 bis della legge regionale 16/2004 ‘Norme sul Governo del territorio’.
“Si tratta di norme che assumono una particolare valenza – ha tenuto a rimarcare il Presidente Romano – se si pensa che, attualmente, su 551 Comuni campani, solo 12 hanno approvato propri Piani Urbanistici Comunali programmando in maniera corretta e certa il futuro del proprio territorio”.
“Oggi, dunque, grazie al senso di responsabilità di tutti i gruppi consiliari, all’impegno degli assessori Taglialatela e Romano e dell’intera commissione Urbanistica, il Consiglio Regionale della Campania ha potuto compiere un importante passo avanti nella direzione di una corretta programmazione dello sviluppo territoriale dell’intera regione che, con la prossima approvazione del Piano Paesaggistico Regionale potrà trovare pieno compimento”.
Napoli, 1 agosto 2011
———————————
IL CALCIO NAPOLI HA 85 ANNI
———————————
Un augurio “perché, come sempre, all’insegna degli alti e nobili ideali dello sport, si possano conseguire traguardi sempre più prestigiosi”, è stato espresso oggi a nome dell’intera assemblea legislativa campana, dal Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, in occasione dell’85° anniversario della fondazione della S. S. C. Napoli “al Presidente Aurelio de Laurentiis, alla squadra, ai suoi sostenitori e all’intera città di Napoli”.
“Sono stati ottantacinque anni scanditi da grandi sogni e da traguardi importanti, ma soprattutto da un entusiasmo incrollabile che, sono certo, – ha aggiunto il presidente Romano – saprà continuare a dare alla società e ai tifosi le più che meritate soddisfazioni”.
Napoli, 1 agosto 2011
——————————-
Napoli, 28 luglio 2011
——————————–
SANITÀ: ROMANO, IN CAMPANIA 30% DIPENDENTI INABILE AL LAVORO
NAPOLI – “Apprendo che il 30% dei dipendenti della sanità pubblica risulterebbe inabile al lavoro per il quale è stato assunto: infermieri che non possono fare turni di notte e medici che per inabilità varie non possono entrare in sala operatoria. Lo stiamo verificando perché se così fosse sarebbe davvero incredibile: La sanità campana funziona male, nonostante le ingenti spese (oltre il 75% dell’intero bilancio viene utilizzato per il comparto), perché in passato è stata usata come ammortizzatore sociale e come strumento di clientelismo”.
Lo ha detto Paolo Romano, presidente del Consiglio Regionale della Campania, nel corso di un’intervista che andrà in onda lunedì 1 agosto alle 19.30 sulle reti televisive Canale 9 e Polis (rispettivamente canali 10 e 696 del digitale terrestre), emittenti che fanno riferimento al gruppo Teleoggi.
“I servizi non possono essere utilizzati come ammortizzatori sociali e per fare clientelismo, e contro questo fenomeno bisogna intervenire con forza e decisione. In questi mesi stanno emergendo tutti gli errori fatti nel passato, che non riguardano solo chi ha governato negli ultimi anni ma anche chi non è stato in grado di denunciare queste criticità”.
Sul tema delle inchieste giudiziarie che hanno coinvolto alcuni consiglieri regionali per Romano, “il Consiglio Regionale si sta ponendo in maniera ineccepibile: abbiamo affrontato le questioni relative a Pietro Diodato e Pasquale De Lucia. Roberto Conte non è entrato in Consiglio e ho i miei dubbi che potrà entrarvi. Per quanto concerne il caso di Alberico Gambino, attendiamo il dispositivo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e, se sarà necessario, porremo immediatamente in essere tutti gli atti consequenziali. Stiamo affrontando queste problematiche in maniera forte chiara, e abbiamo risolto in pochissimo tempo la questione delle incompatibilità”.
Per quanto riguarda la crisi rifiuti, l’opinione del presidente del Consiglio Regionale della Campania è netta: “La politica deve avere la capacità di capire che alcune situazioni non sono risolvibili con modalità tradizionali. Ritengo che l’unica soluzione sia affidare la gestione dello smaltimento dei rifiuti all’esercito per un paio di anni, in modo tale da porre fine alle difficoltà e da allontanare i forti interessi della criminalità organizzata”.
Sull’allargamento della giunta Caldoro, infine, il presidente Romano esprime alcune perplessità.
—————————–
Il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, esprime al maestro Riccardo Muti a nome dell’intera assemblea legislativa campana, “i più fervidi auguri” in occasione dei suoi 70 anni, compiuti oggi.
“Con gli auguri vanno al maestro Muti, orgoglio dei napoletani e dell’Italia intera, – ha affermato il presidente Romano – anche i nostri più sinceri sentimenti di riconoscenza per un impegno artistico che tanto lustro ha portato al nostro Paese. Auguri Maestro”.
—————————–
NAPOLI, 27 LUGLIO 2011
—————————–
“Solleciterò già in queste ore i colleghi della commissione Bilancio perché le problematiche relative ai lavoratori del Consorzio di Bonifica Valle Telesina possano trovare risposte adeguate in vista delle sedute del Consiglio regionale già programmate per venerdì e lunedì prossimo”.
Lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, dopo aver incontrato questa mattina una rappresentanza dei lavoratori del Consorzio di Bonifica Valle Telesina, ente in gestione liquidatoria dal 2002.
All’incontro erano presenti il Commissario liquidatore del Consorzio, Lucia Ranucci e il segretario regionale della Filbi-Uil Roberto Chiarelli.
Auspicando che “in commissione si riescano a trovare le risorse necessarie alla copertura finanziaria degli arretrati dovuti ai dipendenti del Consorzio”, il presidente Romano, che ha ricevuto dalla delegazione un documento sintetico sulle diverse problematiche che dal 2002 interessano l’ente di bonifica, ha manifestato la piena volontà politico-istituzionale a seguire personalmente il caso.
Napoli, 27 luglio 2011
————————————-
COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI: CONSUNTIVO META’ ANNO E PROGRAMMAZIONE ATTIVITA’
CONFERENZA STAMPA GIOVEDI’ 28 LUGLIO ORE 11 SEDE CDN
–“Conciliazione, par condicio, provvidenze pubbliche: consuntivo di metà anno e programmazione delle attività del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Campania”.
E’ il tema della conferenza stampa che il Presidente del Corecom Campania, Lino Zaccaria, e i componenti dell’organismo terranno giovedì 28 luglio alle ore 11 presso la sede del Centro Direzionale di Napoli isola F8 – 13° piano -.
——————————-
Altra vittima italiana in Afghanistan, la terza nel mese di luglio, la 41 dall’inizio delle operazioni militari nel paese asiatico. Il primo caporal maggiore David Tobini è stato ucciso in un conflitto a fuoco con un gruppo di insorti a nord-ovest di Bala Murghab, nell’area occidentale sotto responsabilità italiana. Nell’attacco sono rimasti feriti altri due militari, paracadutisti come la vittima: uno di loro è in gravi condizioni, mentre l’altro non sarebbe in pericolo di vita. Il primo caporal maggiore Tobini, nato a Roma il 23 luglio 1983, era in forza al 183esimo reggimento paracadutisti “Nembo” di Pistoia.
Il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, ha espresso oggi a nome proprio e dell’intera assemblea legislativa campana “il cordoglio per la morte del nostro paracadutista caduto in Afghanistan”.
“Ci uniamo con sincera commozione al dolore dei suoi familiari – aggiunge il presidente Romano – augurando pronta e completa guarigione ai due militari feriti ed esprimendo la nostra gratitudine a quanti, con grande sacrificio, sono quotidianamente impegnati per la sicurezza internazionale, per la pace, la democrazia e la libertà nel mondo”.
Napoli, 25 luglio 2011
———————————
COSTI DELLA POLITICA, ROMANO:
“ACCORPAMENTO ENTI NON È PANACEA DI TUTTI I MALI”
“Il dibattito sull’abolizione o sull’accorpamento delle Province intesi come strumento per semplificare la geografia amministrativa del Paese e delle regioni sì da poter affrontare più efficacemente le problematiche territoriali e magari abbattere i costi della politica ha, soprattutto in Campania, un difetto di prospettiva”.
Così il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, che aggiunge:
“La nostra regione, infatti, ha un’estensione particolarmente vasta ma è su di una superficie che supera di poco il 20%, particolarmente congestionata, che si concentrano con particolare evidenza le emergenze”.
“Siamo certi – si chiede il presidente Romano – che accorpando due Province come quelle di Avellino e Benevento, peraltro nemmeno particolarmente sovraccariche di problemi e con identità culturali diverse, risolviamo il problema? Ma anche, non è che, come pure vorrebbe fare qualcuno, tagliando di tutto e di più, non si finisca poi di fare peggio?”.
“Sono convinto – prosegue Romano – che sia doveroso amministrare all’insegna della sobrietà demolendo il sistema degli sprechi sul quale certa politica ha fatto la propria fortuna e non certo quella dei cittadini. Ma in questo senso, allora, il nodo non è più tanto quello di accorpare qualche ente, che pure potrebbe portare a qualche risparmio sebbene limitato, ma quello di concepire una nuova logica di gestione, una gestione diversa degli enti stessi”.
“In Campania, ritengo, questo è necessario soprattutto in riferimento alle grandi aree metropolitane, – spiega il presidente del Consiglio regionale – che rappresentano in termini di costi, anche sociali oltre che politici, vere e proprie aree di criticità e che sono portatrici di problematiche particolarmente spinose”.
“In questo senso, più che allo strumento dell’accorpamento bisognerebbe guardare con maggiore attenzione – conclude Romano – a quello di un reale decentramento amministrativo, di funzioni, di personale e risorse perché curare i bisogni laddove sorgono è certamente più produttivo che tentare di risolverli con delle mannaie politiche che spesso provocano più danni che benefici”.
Napoli, 22 luglio 2011
——————————
COMUNITÀ MONTANE, GRIMALDI: “BENE UNANIMITÀ A TRASFERIMENTO DIRETTO DELLE RISORSE PROVINCIALI”.
“Con l’emendamento che ho presentato oggi e che ha proficuamente ottenuto il sì unanime dell’aula le Province potranno, anzi dovranno, trasferire direttamente alle Comunità montane e non più alla Regione le risorse accantonate allo scopo. Eliminiamo dunque un doppio passaggio che fino a ieri creava lungaggini burocratiche assolutamente inutili e incertezze nei trasferimenti”
Così il presidente della Commissione Bilancio del Consiglio regionale della Campania, Massimo Grimaldi (Nuovo Psi – Caldoro Presidente) che aggiunge:
“Si tratta di una piccola ma importante conquista che snellisce procedure inspiegabilmente farraginose e che va nella direzione di un atteso e reale decentramento amministrativo nel quale tutti gli enti di prossimità sono chiamati, al servizio dei cittadini, a fare la loro parte, e ad assumere e a svolgere funzioni sempre più adeguate ai bisogni del territorio”.
“Do atto all’intera assemblea legislativa – ha concluso Grimaldi – che con l’unanimità espressa alla mia proposta ha voluto dare un significativo segnale politico, un segnale di buon governo”.+
Napoli, 21 luglio 2011
——————————
“Con l’approvazione delle nuove norme sul servizio di trasporto scolastico volte a regolamentare il settore e a contrastare efficacemente i fenomeno dell’abusivismo; con la costituzione del Comune unico di Montoro fortemente voluto dalle comunità locali e con il via libera alla semplificazione delle procedure di trasferimento delle risorse provinciali alle Comunità Montane, il Consiglio regionale ha dato oggi un suo ulteriore contributo di buon governo ai cittadini campani”.
Così, il presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano, che rende intanto nota la convocazione di due sedute del consiglio regionale previste per giovedì 28 e venerdì 29 luglio, “laddove, oltre alla prosecuzione dell’esame della proposta di legge sulla rappresentanza di genere in materia di nomine di competenza della Regione, affronteremo, tra gli altri, – ha spiegato Romano – alcuni significativi provvedimenti in materia di accreditamento in sanità e di regolamentazione dei procedimenti amministrativi di formazione dei piani urbanistici, territoriali e di settore”.
“Provvedimenti assolutamente attesi – ha concluso Romano – che, se necessario, ci vedranno al lavoro anche nei giorni successivi”.
Napoli 21 luglio 2011
————————–
Il presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano ha formulato oggi, a nome dell’intera assemblea legislativa campana, il sentimento di “profonda e commossa gratitudine a un uomo, Paolo Borsellino, che ha lottato instancabilmente, insieme con Giovanni Falcone, per l’affermazione dei valori della giustizia e della liberta del nostro Paese”.
“A diciannove anni dalla loro tragica scomparsa – ha affermato il presidente Romano – il ricordo di quell’eroico impegno, del loro sacrificio, così come quello degli uomini della loro scorta, è ancora vivissimo e indelebile, e costituisce un segnale straordinario, assolutamente positivo, poiché contribuisce concretamente a consolidare ancora di più l’impegno coeso delle istituzioni nella promozione di tutte quelle azioni volte a diffondere la cultura della legalità, della sovranità dello Stato e del rispetto delle sue istituzioni stesse”.
“Torniamo dunque ad associarci – ha concluso Romano – al dolore ancora vivo dei loro familiari e degli italiani tutti per la perdita di uomini simbolo della lotta contro ogni forma di criminalità organizzata, della battaglia per l’affermazione della legalità e della giustizia”
Napoli, 19 luglio 2011
—————————–
Il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, ha rilasciato la dichiarazione:
“Lungi da me l’intenzione di aprire una polemica con il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, ma se oggi il presidente della Regione applica, certamente controvoglia, una legge dello Stato, lo dobbiamo a quanti hanno voluto e sottoscritto con convinzione quella norma a Roma.
Il Presidente della Provincia di Caserta conosce certamente a fondo, poiché l’ha votato, il comma 7 bis della legge n. 1 del 2011 nel quale c’è scritto che in presenza del permanere di criticità derivanti dalla non autosufficienza del sistema di gestione dei rifiuti, e fino alla completa realizzazione dell’impiantistica necessaria alla chiusura del ciclo integrato dei rifiuti, il Presidente della Regione provvede, e quindi è obbligato, ad emanare una o più ordinanze, per garantire una gestione ottimale dei rifiuti e dei relativi conferimenti per ambiti territoriali sovraprovinciali. Per quale ragione, dunque, l’onorevole Zinzi ha dato il suo assenso a questa norma mentre il presidente Zinzi non ne vuole sapere nulla?
Mi chiedo se tutto questo è noto ai tanti sindaci del Casertano, di cui condivido appieno le legittime preoccupazioni e la battaglia politica. Me lo chiedo perché conosco bene certi meccanismi di certa politica sempre pronta a scaricare su altri responsabilità proprie.
Viceversa, se oggi, dopo oltre 15 anni di nulla qualcosa comincia a muoversi persino a Napoli, dove pure sono stati individuati 5 siti di stoccaggio, lo si deve anche alla politica regionale del presidente Caldoro e al peso politico di tantissimi consiglieri regionali, soprattutto di maggioranza. Quella stessa maggioranza, ricorderei, grazie alla quale il Casertano, nella riformulazione dei Grandi Progetti da finanziare coi fondi europei potrà contare, oltre che su opere che andranno ad interessare l’intera regione, anche su progetti assolutamente centrali per il nostro territorio come quelli della bonifica dei Regi Lagni o del risanamento del litorale Domitio”.
Napoli, 18 luglio 2011
—————————-
Netta contrarietà alla cessione dello stabilimento Irisbus di Valle Ufita.
Ad esprimerla oggi, nel salone di Rappresentanza del Consiglio Regionale della Campania “Caduti di Nassyria”, è stata la Conferenza dei Capigruppo guidata dal Presidente dell’assemblea legislativa campana, Paolo Romano.
In un documento sottoscritto all’unanimità dall’organismo rappresentativo di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale e dalle rappresentanze sindacali regionali di Cgil, Cisl, Uil, Uilm e Ugl, si chiede “al Presidente della Giunta Regionale, onorevole Caldoro, di impegnarsi, nel prossimo incontro di mercoledì 20 luglio, con il Ministero per lo Sviluppo Economico, a porre in essere ogni utile azione tesa a garantire la conservazione di questo patrimonio tecnologico e manifatturiero della Provincia di Avellino”.
Al governo, viene dunque chiesto l’impegno ad attivare “tutti i livelli istituzionali affinché si potenzi e si implementi la politica del trasporto locale con l’ammodernamento del parco autobus del nostro Paese (a partire da quelle della nostra Regione), realizzando gli obiettivi di difendere l’occupazione nei trasporti, garantire una prospettiva produttiva all’unico stabilimento di autobus del nostro Paese, servizi più efficienti ai cittadini e favorire, infine, misure d’impatto ambientali e della sicurezza compatibili con le norme comunitarie”.
Nel documento così sottoscritto, i capigruppo chiedono dunque che vengano attivati “una pluralità d’interventi anche con misure fiscali e di sviluppo con il coinvolgimento delle istituzioni provinciali e comunali per realizzare un obiettivo di forte coesione territoriale e attrattività degli investimenti”.
Su questi punti le parti istituzionali e sociali si sono impegnate a sensibilizzare, già in queste ore, anche i propri organismi nazionali.
“La forte unità di intenti condivisa con le parti sociali e la grande coesione istituzionale registrata su di una vertenza complessa, che investe i lavoratori di un importante stabilimento produttivo campano ma che si riflette sull’intero settore del trasporto pubblico – ha affermato il presidente Romano a margine della riunione – costituiscono un segnale molto importante che, sono certo, sarà tenuto in debito conto dal ministero”.
Napoli, 18/07/2011
—————————–
“Il lavoro della magistratura va sempre e comunque rispettato ed il dovere delle istituzioni è e resta sempre quello della piena e serena collaborazione”.
Così il presidente del Consiglio Regionale della Campania, Paolo Romano che aggiunge:
“La cultura politica garantista alla quale bisogna sempre ispirarsi, e i cui principi sono peraltro cristallizzati nella Costituzione della nostra Repubblica, impone, dunque, tanto nella vicenda che vede coinvolto il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro, quanto in quella che vede coinvolto il consigliere Alberico Gambino, equilibrio e buon senso, partendo dall’auspicio che vicende che sono, anche sotto il profilo giuridico, personali possano sempre registrare la possibilità, per chi ne è implicato, di dimostrare la propria estraneità ai fatti contestatigli”.
“Quello che invece andrebbe sempre evitato – conclude i presidente Romano – è l’abbandonarsi a facili strumentalizzazioni politiche”.
Napoli, 15 luglio 2011
————————-
Bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio, previsto per oggi alle 18.00, in Consiglio Regionale della Campania.
A disporlo, in occasione dei funerali di Stato riservati al Caporal Maggiore, Roberto Marchini, morto a seguito dell’esplosione di un ordigno a Farah in Afghanistan. è stato il Presidente dell’assemblea legislativa campana, Paolo Romano, che ha rinnovato, a nome proprio e dell’intera assemblea legislativa, “il profondo cordoglio e la vicinanza alla famiglia del giovane militare campano”.
“A lui e a quanti, veri eroi, sono caduti in difesa degli alti ideali di libertà e democrazia, per la Pace e la sicurezza internazionale e del nostro Paese, – ha affermato Romano – va la nostra più sincera e commossa gratitudine”.
Napoli, 14 luglio 2011
—————————
Il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Paolo Romano, ha espresso oggi l’auspicio che “il Parlamento accolga l’emendamento grazie al quale viene concessa agli enti regionali e locali destinatari dei fondi strutturali la possibilità di poter utilizzare le quote di cofinanziamento in deroga alle rigide regole del Patto di stabilità liberandole dai relativi vincoli di finanza pubblica”.
“Le condizioni politiche e di finanza pubblica, come ha anche ricordato oggi il presidente del Tavolo di Partenariato Economico-Sociale, – ha aggiunto il presidente Romano – ci sono tutte: si tratta infatti di una proposta che non incide sul saldo complessivo della manovra ma che darebbe maggior respiro ai bilanci degli enti regionali e locali del Mezzogiorno, da sempre alle prese col rischio sforamento, e la possibilità, inoltre, di poter orientare una quota sempre più consistente di queste risorse alla qualità degli investimenti”.
“Non credo vi sia alcuna ragione – ha concluso Romano – per ipotizzare un voto contrario del Parlamento a questa importante provvedimento finanziario da noi fortemente auspicato e da tempo. Credo, invece, che questa norma, che rappresenta anche un sostanziale riconoscimento della capacità di buon governo dell’istituzione regionale campana, costituisca un ulteriore ed importante opportunità di crescita che, sono certo, sapremo mettere a frutto”.
Napoli, 12 luglio 2011
—————————–
Il Presidente Paolo Romano, ha inviato oggi, al sindaco del comune di Viterbo, le espressioni di “commosso cordoglio dell’assemblea legislativa campana” per la morte del caporal maggiore Roberto Marchini.
“Ci associamo al dolore della vostra comunità – scrive Romano – ed in particolare a quello della famiglia del giovane e valoroso militare italiano al quale, come ai tanti impegnati in aree geografiche particolarmente instabili per garantire la sicurezza internazionale e l’affermazione della pace, della libertà e della democrazia, va la nostra più profonda gratitudine”.
—————————-
Il Presidente Romano, ha ricevuto oggi in visita istituzionale, presso la sede dell’assemblea legislativa campana del Centro Direzionale di Napoli, il Procuratore Generale di Napoli, Vittorio Martusciello, (entrambi nella foto).
“Si è trattato di un incontro particolarmente cordiale – ha reso noto il presidente Romano a margine della visita – che ci ha offerto la possibilità di un’interessante scambio di opinioni e vedute sui temi più attuali e le problematiche emergenti in Campania”.
“Da entrambi – ha aggiunto il presidente Romano – c’è stata naturalmente la più ampia, convinta e reciproca disponibilità alla massima collaborazione istituzionale, che sono certo non mancherà di dare buoni frutti”.
Napoli, 12 luglio 2011

INFO
Ufficio Stampa Presidenza Consiglio Regionale Campania [ufficiostampa.presidenza@consiglio.regione.campania.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.