Artemisia, famiglia Compositae (1)
Pianta erbacea perenne spontanea e coltivata in giardino e nell’orto come pianta medicinale ed aromatica.
Caratteristiche della specie: oltre alle specie comuni che appartengono alla flora italiana si ricordano:
A.lactiflora, originaria della Cina Occidentale, specie molto rustica e ornamentale adatta a rivestire scarpate. Raggiunge anche i 150cm di altezza e ha fiori bianchi.
A.stelleriana, specie vigorosa con fogliame tormentoso glauco, capolini gialli. E’ originaria dell’Asia nord-orientale adatta per la formazione di bordure, fiorisce d’estate.
A.vulgaris, specie comunissima quasi a carattere infestante, foglie verdi, ampie e poco incise.
A.austriaca, specie adatta a terreni acidi, torbosi o di brughiera, fogliame argenteo molto lobato.
A.genepi, specie molto aromatica come altre: A.laxa, A.glacialis, A.nitida. Con le infiorescenze essiccate si preparano dei liquori aromatici, specialità di località montane.
A.lanata, pianta specifica di zone alpine, portamento nano, foglie glauche aromatiche, capolini gialli in agosto.
A.vallesiaca, anche questa è una specie alpina, ma piuttosto rara, viene coltivata per l’estrazione dell’essenza con cui si fabbricano liquori.
A.gnaphalodes, rustica, con foglie pennato lobate profondamente incise. I capolini, bianco crema molto profumati, riuniti in infiorescenze a pannocchia piramidale, sbocciano in agosto-settembre.
Il genere Artemisia annovera oltre 400 specie difuse in Europa, in Asia, nell’America del Nord. In Italia sono comuni solo circa 20 specie tra cui A.abrotanum, A.absinthium, A.arborescens, A.campestris, A.canphorata, A.Cina, A.coerulescens, A.dracunculus (il noto dragoncello), A,glacialis, A.marittima, A.mutelina, A.pontica, A,spicata, A.variabilis.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.