Anche il ministro per l’ambiente, Alterio Matteoli, si è schierato dalla parte di chi vuole il Cdr di Acerra. Si deve fare là, fa sapere, perché dai tecnici non vengono segnali di preoccupazione. D’altra parte, sembra che siano i soli termovalorizzatori a garantire la soluzione dell’emergenza rifiuti a Napoli e provincia; così come non serve a nulla che a pochi metri sorga il polo pediatrico: l’impatto ambientale sarebbe nullo. Le associazioni ambientaliste hanno compulsato un’autorità in materia, il prof. Carlo Rubbia, premio Nobel, che ha esposto il suo pensiero: il Cdr, bruciando una tonnellata di rifiuti, procura una quantità di energia equivalente a quella prodotta da 40 kg. di carbone che costa 20 euro la tonnellata. Nessun guadagno ma solo una spesa in più, dovendo utilizzare petrolio per bruciare i rifiuti.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.