L’ARRIVEDERCI A NAPOLI DI LI PIRA
Un arrivederci e non un addio. Il congedo definitivo dal servizio attivo del generale Francesco Li Pira comandante della Regione Militare Sud, si è svolto serenamente e in un clima di grande cordialità, con un elegante cocktail nei saloni del Circolo Ufficiali di Palazzo Salerno: vicino a lui, la simpatica ed estroversa moglie Antonella Spada, Dama dell’ Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e i figli Michele e Davide.
Originari del Sud – calabrese lei e siciliano lui – i coniugi Li Pira lasciano in città un folto gruppo di amici che hanno imparato ad apprezzare le notevoli doti di umanità e comunicativa della coppia
Molto interessante è il percorso militare effettuato dal generale Li Pira che ha svolto un ruolo di comando per circa 40 anni: diplomatosi nel 1964 presso l’Istituto chimico “Donegani” di Crotone ha subito dopo frequentato i corsi dell’Accademia Militare e della Scuola di Applicazione nel quadriennio 1964-1968, laureandosi in scienze strategiche presso l’Università degli studi di Torino
Nominato Tenente dei bersaglieri, ha iniziato il servizio alle truppe presso il XXXVIII Battaglione Bersaglieri del 132° Reggimento Carri “Ariete”: ha comandato il 27° Battaglione Bersaglieri “Jamiano” della Brigata Corazzata “Ariete” (1987-1988) ed è stato il primo Comandante del ricostituito 3° Reggimento Bersaglieri (1991-1992), comandando inoltre il Comando Unità Supporto Legnano (1996-1997) con sei reggimenti alle dipendenze.
E’ stato Vice Comandante del 1° FOD (2000 – 2001) e dal 28 Settembre 2001 al 10 luglio 2003 ha Comandato la Brigata Logistica di Proiezione in Treviso: Li Pira, dopo aver frequentato il 106° Corso Superiore di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra di Civitavecchia (1984 – 1985), ha ricoperto incarichi nell’Ufficio Piani Logistici dello Stato Maggiore della Difesa (1981-1984), nell’Ufficio Programmi di Approvvigionamento dello Stato Maggiore dell’Esercito (1985-1987), nell’Ufficio Operazioni e Addestramento (Capo Ufficio) del Comando 5° Corpo d’Armata in Vittorio Veneto (1988-1991), nello Stato Maggiore del 3° Corpo d’Armata (Sottocapo di Stato Maggiore Operativo e Capo di Stato Maggiore in sede vacante) in Milano (1992-1996), nel Gabinetto del Ministro come Vice Capo di Gabinetto del Ministro della Difesa (1997-1999), nella Direzione Generale del Personale Civile come Vice Direttore Generale Militare (1999-2000).
E’ insignito della medaglia di Cavaliere, di Ufficiale e di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, della Croce di Commendatore con Spade dell’Ordine “al Merito Melitense” del Sovrano Militare Ordine di Malta, della Medaglia Mauriziana, della medaglia d’Oro al Merito di Lungo Comando, della Croce d’Oro per anzianità di servizio e della medaglia per le operazioni di soccorso alle popolazioni colpite dal sisma del Friuli (1976).
Molti consensi anche per la nuova coppia ai vertici della regione Militare Sud, il dinamico generale di Divisione Franco Giannini, nativo di Lucca, con l’avvenente moglie Francesca di origini emiliane: genitori di una deliziosa bambina di otto mesi, i coniugi Giannini hanno già conquistato le simpatie dell’ambiente partenopeo per l’amabilità del tratto, l’ innata cortesia e la vivace progettualità con cui intendono impostare eventi culturali per gli ufficiali italiani e per quelli stranieri della Nato residenti in Campania, all’interno degli spazi ricreativi della regione Militare Sud. Anche il generale Giannini vanta un invidiabile curriculum e ha conseguito importanti riconoscimenti come la Medaglia Mauriziana, la Medaglia di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, la Croce d’Oro per Anzianità di Servizio, la Medaglia di Bronzo al Merito di Lungo Comando, la Croce commemorativa per le operazioni di peacekeeping in Kossovo e la Medaglia per la partecipazione alle attività di ordine pubblico nell’Operazione “Domino”.
Laura Caico

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.