30 marzo 2004 – 55. Bonsai, III parte: utensili, annaffiature, fertilizzanti.(3)
Altri utensili. Serviranno un buon paio di cesoie, una vanga, una zappetta, una spazzola a setole fini e una sorta di mini rastrello che servirà a liberare le radici dalla terra che le circonda e a districarne il groviglio.
Si dovrà avere a disposizione del filo di rame e della reticella di plastica che servirà a ricoprire i fori del drenaggio del contenitore. La stessa rete potrà anche tornare utile per proteggere l’alberello da eventuali animali e da particolari condizioni atmosferiche.
Manutenzione. Tenere tutti gli strumenti di lavoro a portata di mano per non dover mai interrompere a metà un’operazione delicata; si eviterà di lasciare durante l’operazione di rinvaso, le radici troppo a lungo fuori dalla terra.
Bisognerà prendersi cura degli strumenti, ripulendoli dopo l’uso, affilandoli e oliandoli quando è il caso, proprio come si farebbe per qualsiasi normalissimo attrezzo da giardinaggio.
Trattare con maggiore attenzione gli strumenti originali giapponesi, se si ha la fortuna di averne, perché di norma non vi si applica l’antiruggine e sono quindi particolarmente delicati.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.