CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA
Pasquale Parziale campione della “Pizza Napoletana Stg 2006”
La “Pizza Napoletana Stg” ha il suo novo campione per l’anno 2006/2007. L’affascinante ventenne veronese, alta 1,78cm., con i suoi occhi e capelli castani, Miss Wella in carica Giuliana Adami, madrina del 14° Campionato mondiale della pizza appena conclusosi a Salsomaggiore Terme, ha incoronato Pasquale Parziale del ristorante “’O Cafone“ a Miano di Napoli, campione del mondo per la categoria “Pizza Napoletana Stg”. Qualche polemica è sorta per la mancata presenza della Miss Italia in carica Edelfa Chiara Masciotta, che impegnata per lo spettacolo di pattinaggio con Milli Carlucci, non ha potuto essere presente all’evento di Salsomaggiore, giustificando la mancata presenza anche con necessità contrattuali con lo sponsor che partono dal 9 aprile. Parziale aveva recentemente, durante i lavori del 1° congresso nazionale dei pizzaioli, tenutosi presso l’Ipsar di Monterusciello, promesso al ministro Gianni Alemanno, artefice della approvazione e pubblicazione del disciplinare per la produzione di Pizza Napoletana Stg sulla G.U. della Repubblica Italiana tutto il suo impegno e tutte le sue capacità di maestro pizzaiolo per gareggiare e portare nuovamente a Napoli il prestigioso titolo che lo scorso anno venne conquistato dal maestro pizzaiolo Umberto Fornito titolare dell’”Antica Pizzeria Frattese” a Frattamaggiore. Il nuovo campione già noto per altre vittorie ottenute in numerose gare, per partecipazione a trasmissioni televisive ed anche per il suo costante impegno umanitario che offre ai ragazzi a rischio dell’istituto di Nisida, ha così un motivo in più per diffondere la sua arte di pizzaiolo in Italia e nel mondo. A Parziale, esultante di gioia perché è riuscito a mantenere l’impegno con il ministro Alemanno, ma soprattutto con il popolo napoletano perché la “Pizza Napoletana Stg” potesse essere l’emblema della pizza nel mondo abbiamo chiesto:
D. Con questa coppa ti senti un grande campione e quali sono i tuoi nuovi obiettivi?
R. Ho partecipato al Campionato più importante al mondo della pizza, una qualificata giuria ha valutato quella pizza che sempre io produco nella pizzeria dove lavoro, come la migliore da premiare e sono felicissimo del titolo conquistato ma non mi monto la testa. Dato che il nostro passaggio terreno impone all’uomo di essere partecipe alla società, continuerò con maggiore impegno a trasmettere l’arte del pizzaiolo a nuove leve oltre che napoletane anche di altri paesi al mondo che vorranno accettare i miei insegnamenti. Sono un umile pizzaiolo che ha imparato un mestiere che è una grande arte apprezzata come elemento primario della gastronomia nel mondo e sono felice anche perché sono napoletano e la Verace pizza è quella nata a Napoli. Antonio Pace, attualmente presidente dei pubblici esercizi napoletani e Sergio Miccù, presidente dell’”Associazione Pizzaioli Napoletani” insieme a Rosario Lopa, delegato del ministro per le politiche agricole e forestali, per il comitato di tutela per la “Pizza Napoletana Stg” hanno ottenuto questo grande successo con l’approvazione del disciplinare, stanno estendendo con la ratificazione da parte della U.E. dello stesso in campo europeo e come dice Alemanno intende portarlo ad un rispetto ed una approvazione mondiale per la difesa del prodotto italiano e di coloro che operano nel settore anche attraverso un riconoscimento a questi della loro opera lavorativa. Sono felicissimo e darò il mio modesto contributo a nuovi successi per la pizza, sono anche tanto felice perché appena informato dei risultati di questo concorso il ministro Alemanno, che è a Verona per il Vinitaly, ed è sempre al corrente di tutto, mi ha telefonato per complimentarsi del risultato da me conseguito con Stg. Otre il titolo più significativo per la “Pizza”, altri campani hanno dato lustro alla nostra regione classificandosi ai primi posti per varie categorie. Marco Di Pasquale del “Giardino degli Dei” di Salerno si è classificato al primo posto per la specialità “Pizza in teglia” e secondo per la pizza classica. Per la categoria “Stile libero acrobatico” sono giunti al primo posto ex equo i fratelli Antonio e Aniello Manzi di Salerno. Mentre per la ”Squadra acrobatica” Ciccio Pizza di Battipaglia è giunto secondo classificandosi alla stessa posizione anche per la gara dell’Stg vinta da Pasquale Parziale. Anche la bella ucraina Tatiana che vive e lavora a Scafati è riuscita a conquistare il secondo premio per il titolo di “presentazione”. Infine il tre volte campione del mondo per la pizza “senza glutine” Marco Amoriello, titolare della pizzeria “dal Guappo” di Moiano BN, ha segnato un passo nella storia del campionato salendo sul palco, relazionando sul senza glutine ed i progressi fatti nel campo della celiachia e successivamente premiando il nuovo campione Claudio Padovano, della pizzeria “Ladison” di Nocera Inferiore.
Giuseppe De Girolamo


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.