Orto Botanico – Facoltà di Agraria – Portici (Na)

Inaugurazione sabato 31 maggio ore 13

Domani all’inaugurazione della mostra-mercato di piante insolite “Mediterraneo e dintorni” si brinda con il “Mediterraneo Cup” il cocktail ufficiale ideato per l’occasione dal Gruppo SIRE

Il Gruppo SIRE ritorna a Mediterraneo e Dintorni con il drink creato in esclusiva per la manifestazione che, nell’Orto Botanico della Facoltà di Agraria di Portici, celebra le piante insolite del Mediterraneo.

E’ il Mediterraneo Cup, cocktail ufficiale dell’evento, a base di ingredienti profumati che annunciano l’estate. Un mix vivace di succo di ananas, fragola, maraschino, rhum chiaro e cointreau.

L’estro dei barman del Gruppo SIRE sorprenderà gli ospiti di Mediterraneo e dintorni (www.mediterraneoedintorni.com) sabato 31 maggio ore 13 in occasione dell’inaugurazione della mostra-mercato che proseguirà fino al 2 giugno.

SIRE partner della quinta edizione di Mediterraneo e dintorni, da oltre un decennio è leader nel settore eventi, banqueting e alta ristorazione.

IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

MEDITERRANEO E DINTORNI V EDIZIONE
PORTICI 31 MAGGIO 1-2 GIUGNO 2008

Mediterraneo e dintorni, la prestigiosa manifestazione dedicata alle piante, agli arredi e ai prodotti mediterranei compie quest’anno il quinto anno di vita e si svolgerà come sempre nell’incantevole cornice dell’Orto Botanico della facoltà di Agraria di Portici (NA) che anche quest’anno si apre alla suggestiva area della Pallacorda. L’edizione 2008 sarà arricchita da nuovi espositori provenienti da Sicilia, Toscana, Lazio e Lombardia e proporrà, come ogni anno, eventi legati alle produzioni alimentari campane e alle tematiche ambientali, nonché manifestazioni dedicate alle arti figurative.
Obiettivo: Ospitare vivaisti provenienti da tutt’Italia, alcuni dei quali sconosciuti al grande pubblico locale, che hanno il merito di dedicarsi alla coltivazione di alcuni gruppi di piante di difficile reperibilità e di interesse particolare, essendo in prevalenza piante originarie di regioni a clima mediterraneo. Queste specie stanno riscuotendo un successo sempre maggiore presso gli amatori del verde per la loro adattabilità, per la bellezza delle loro fioriture e l’intensità dei profumi

Attività collaterali

Tree-climbing: dimostrazione di arrampicata sugli alberi effettuata da tecnici specializzati sulle piante secolari dell’Orto.

Mostra fotografica: Il fotografo Mauro Fermariello interpreta le realtà produttive dell’agricoltura campana con particolare riferimento alle produzioni vitivinicole.

Vini per preludio d’estate: appuntamento curato dal Movimento Turismo del Vino Campania attraverso la formula del Banco di Assaggio, particolarmente adatta per coinvolgere appassionati e curiosi che si avvicinano al vino. Presentati da sommeliers professionisti, in degustazione i vini delle cantine associate che hanno aderito all’iniziativa, rappresentativi della diversità e ricchezza della realtà vitivinicola regionale. Saranno presenti: Terredora, Villa Matilde, Terre del Principe, Torre Gaia, Grotte del Sole, Mustilli, De Conciliis e numerose altre.

Prove in equilibrio: Antonio De Rosa, artista e pianista concertista espone tre pianoforti a coda a grandezza reale, progettati e realizzati con diversi materiali trasformati in “oggetti muti” che gli consentono di esprimere altro dalla musica. In un personale coinvolgimento emotivo “le installazioni” saranno sospese e messe in equilibrio, con un contrastato sentimento fra peso e leggerezza. Nel silenzio fermo, senza forma, il pianoforte che è strumento, ha un centro possibile. Con un equilibrio che si espande in casuali volute, si mostra…nella sua leggerezza.

Torna a casa PET:
Socib in collaborazione con Erreplast raccoglierà le bottiglie in PET per riciclarle e ricavarne materia prima da trasformare in tessuti di pile, t-shirt ecc.
Chi consegnerà 10 bottiglie in PET all’ingresso riceverà un euro di sconto sul biglietto d’ingresso.

Visite gratuite: con guide specializzate, alle serre dell’Orto dove si possono ammirare gli straordinari esemplari di Welwitschia mirabilis, oltre alla splendida collezione di succulente (Pachypodium, Aloe, ecc.)

Orari di apertura

Sabato 31 ore 10-20
Domenica 1 ore 10-20
Lunedi 2 ore 9-19

Costo
Biglietto d’ingresso 3 € (gratuito per portatori di handicap, studenti e personale della Federico II)

Per informazioni
Dr Riccardo Motti
tel.: 081-7755136 – 3335214704, fax: 081-7755114 – 7760104
www.mediterraneoedintorni.com, www.ortobotanicoportici.unina.it
e-mail: motti@unina.it

Perché a Portici: I motivi per i quali una struttura universitaria decide di avviare questo genere di manifestazioni sono molteplici. Da un lato la volontà di diffondere la conoscenza di siti di rilevante importanza architettonica, storica e naturalistica quali sono il Parco, l’Orto Botanico e la Reggia di Portici, dall’altro l’opportunità di organizzare una mostra di questo tipo per la provincia di Napoli per diffondere la conoscenza di piante di particolare interesse giardinistico anche in questa zona. D’altro canto, la centralità dovuta alla vicinanza a Napoli e ad imponenti bacini turistici quali Pompei, Ercolano e la Penisola Sorrentina, favoriscono di gran lunga tale possibilità. Questa manifestazione costituisce inoltre un momento importante di autofinanziamento della struttura che, come tutte le omologhe italiane, vive un momento di grande difficoltà economica che ne mette a rischio la sopravvivenza stessa.
Cenni storici
L’Orto Botanico di Portici è sorto nel 1872, all’atto della fondazione della Reale Scuola Superiore di Agricoltura alla quale venne assegnata come sede il Palazzo Reale di Portici insieme al suo parco ed i suoi giardini.
Al suo interno è conservata una collezione di oltre mille specie vegetali con circa 4000 piante; quella delle piante desertiche è senza dubbio la più importante contando oltre 600 specie suddivise in diverse famiglie fra cui le più importanti sono le Cactaceae (circa 400 specie), Aizoaceae, Euphorbiaceae, Didieraceae e Agavaceae. Dal punto di vista didattico questa collezione riveste particolare interesse sia per quanto riguarda i diversi aspetti (morfologia, fisiologia, riproduzione) di ciascuna specie, sia per la possibilità di osservare direttamente il fenomeno della convergenza evolutiva. Particolarmente ricche sono le collezioni di Mamillaria, Haworthia, Gymnocalycium, Euphorbia e Rhipsalis. Notevole interesse rivestono inoltre piante provenienti dal Sud Africa e Madagascar appartenenti ai generi Aloe, Didierea, Alluaudia e Kalanchoe. Fra le altre ricordiamo, in particolare, splendidi esemplari staminiferi e carpelliferi di Welwitschia mirabilis Hook. dei deserti Sudafricani, che ha trovato nel substrato lavico vesuviano condizioni di crescita ottimali.
Il resto delle collezioni è costituito prevalentemente da conifere (in particolare Cycadacee), piante insettivore ed arbusti provenienti da diverse zone del mondo (Australia, Sudafrica, California) caratterizzate da clima di tipo mediterraneo. Una piccola sezione è dedicata alle piante di uso alimentare e medicinale.
L’Orto Botanico di Portici svolge da sempre un’intensa attività legata alla didattica, alla sperimentazione ed alla conservazione della natura. Gli ultimi due anni hanno visto la presenza di oltre 10.000 visitatori costituiti per larga parte da studenti delle scuole primarie e secondarie della Campania e di altre regioni meridionali. L’intento principale è stato quello di creare un collegamento con la didattica svolta nelle scuole e fornire quindi un’attività di completamento del percorso conoscitivo del regno vegetale attraverso un percorso ragionato e guidato all’interno delle collezioni e mediato da esperienze pratiche svolte dagli studenti.
Inoltre l’Orto Botanico di Portici è – insieme con gli Orti Botanici di Lisbona e Manchester – partner nel progetto U.E. “RAPHAEL”, che ha come scopo la valorizzazione dei giardini botanici storici. Tra le finalità a medio termine del progetto vi è quella di rendere le collezioni disponibili ad un pubblico più ampio, anche attraverso la messa a punto di proposte didattiche a tema, fondate sulle collezioni dell’Orto e del Museo Botanico Comes.

INFO

Gruppo SIRE
Via Bernini, 50
80129 Napoli
0815560856 – 0815563812
www.sirericevimenti.it

Per il Gruppo SIRE_Contatti con la stampa
Mariacristina Coppeto per Ogham m.coppeto@libero.it cell. 338 2425968


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.