LE NEWS DAL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO
a cura di Giovanni Ciao

Proseguendo nelle iniziative tese ad agevolare l’accessibilità delle aree di pregio naturalistico, l’Ente Parco ha ultimato un progetto per la realizzazione di percorsi, spazi e supporti tecnici destinati a favorirne la fruizione. Sono stati previsti percorsi con un andamento quanto più possibile semplice e regolare, contemperando le esigenze di salvaguardia e tutela degli ecosistemi naturali, evitando di apportare modifiche rilevanti ed incompatibili con le caratteristiche naturali e paesaggistiche delle aree. Lungo il percorso dei sentieri natura, inoltre, sono state installate bacheche e tabelle divulgative a contenuto naturalistico, storico e culturale. Sono state realizzate alcune piccole aree di sosta, generalmente poste all’inizio del sentiero o lungo l’itinerario, costituite da tavoli e panche. Altre panche sono state ubicate lungo i sentieri. Buona parte dei sentieri sono delimitati da staccionate e corrimano al fine di garantire una maggiore sicurezza.

Per ulteriori dettagli e per le foto dei sentieri click sul seguente link:
http://www.cilentoediano.it/RETE_SENTIERI_NATURA.html

I sentieri oggetto di intervento sono:
Monte della Stella (Sessa Cilento)
Il sito ricade in prossimità della vetta del Monte della Stella, nel comune di Sessa Cilento, in Zona 1 della perimetrazione del Parco. E’ accessibile tramite la strada comunale che da Omignano sale verso il Monte della Stella. Il percorso, completamente accessibile anche a persone con difficoltà motoria, si sviluppa per 130 metri sulla sommità del monte da cui, in giornate particolarmente nitide, si gode un magnifico panorama del golfo di Salenro e parte della costa calabra.
Vallelunga (Laurino)
L’area si raggiunge percorrendo la strada che ad ovest dell’abitato di Laurino si dirama dalla SS.488 per salire dal fondovalle del Calore verso la località Croce di Pruno. Il sentiero, realizzato completamente in terra battuta stabilizzata, si sviluppa all’interno di un bosco costituito in prevalenza da faggi, aceri e cerri, per una lunghezza di m. 1.350, con un dislivello complessivo di 105 m.
Serra di Falco (Laurino)
L’area è raggiungibile percorrendo la strada che da Laurino porta alla frazione di Villa Littorio. Tutto il sentiero è all’interno di un bosco costituito prevalentemente da querce per una lunghezza di circa un chilometro.
Scaraviello (Felitto)
L’area denominata “Scaraviello” ricade all’interno del territorio comunale di Felitto. All’area si accede percorrendo la SS.488, in direzione Felitto – Laurino e svoltando a sinistra poco prima di giungere al km 43. Il sentiero di circa ml.130 è in misto granulometrico stabilizzato.
Sorgenti del Sammaro (Sacco)
L’area denominata “Pastina” ricade in prossimità del centro abitato di Sacco, ed è limitrofa alle sorgenti del fiume Sammaro, luogo di notevole valore naturalistico e paesaggistico.
La strada di accesso al sentiero che porta alle sorgenti è percorribile nel primo tratto anche con normali automezzi. Mentre il tratto successivo è percorribile solo a piedi o con mezzi fuoristrada e presenta pendenze notevoli. Il sentiero inizia a circa m.356 di quota, e presenta pendenze limitate per il tratto che scende verso il fiume e che giunge, dopo circa m.650, in corrispondenza della gola del Sammaro.
Monte Gelbison (Novi Velia)
L’itinerario prende inizio dalla località Croce di Rofrano, posta a quota 1611 m. in prossimità della vetta del Monte Gelbison, e prosegue in direzione del Colle della Beta. La lunghezza dell’itinerario è di circa 1000 metri, con un dislivello di circa 60 m, per una pendenza media pari al 6,6%. Tutto il sentiero è su terra naturale con staccionata e si sviluppa attraverso la faggeta. L’area ricade nel comune di Novi Velia.

da: newsletter [newsletter@cilentoediano.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.