AMBIENTE, M5S presenta al MAV di Ercolano il Programma nazionale votato da 18.815 iscritti che hanno espresso 164.737 preferenze. Venerdì 12 gennaio 2018, Museo Archeologico Virtuale di Ercolano in via IV Novembre n.44.
Salvatore Micillo (firmatario legge ecoreati). M5S: “Con Alessandro Di Battista ed i colleghi delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato incontreremo gruppi di stakeholders e parti sociali, conferenza stampa-hangout con giornalisti collegati dalle redazioni di tutta Italia e presentazione dei punti ai cittadini a partire dalle 18.30.
Creare occupazione realizzando un circolo virtuoso dei rifiuti, smaltendo o riciclando, con l’ausilio di investimenti anche da parte dei privati lo dimostrerà concretamente il MoVimento 5 Stelle che, dopo venti tappe in tutta Italia si ferma ad Ercolano per illustrare in una maniera originale ed insolita il nuovo Programma nazionale Ambiente votato dalla rete.
Intervengono i Portavoce uscenti delle Commissioni Ambiente e Territorio della Camera dei Deputati e del Senato con Micillo, reduce dalle stampe del suo libro “Sessantotto” sui risultati prodotti dalla legge a sua firma che ha introdotto i crimini ambientali nel codice penale, dopo un’attesa di 21 anni. Ci saranno: Paola Nugnes, Vilma Moronese, Massimo De Rosa, Alberto Zolezzi, Federica Daga, Stefano Vignaroli, Mirko Busto, il portavoce di Torre del Greco Luigi Gallo e Alessandro Di Battista che pur avendo deciso di non candidarsi darà man forte alle presentazioni sull’Ambiente.
L’evento di presentazione del programma ai cittadini è fissato per le 18.30, ma, nel corso della giornata i Portavoce del M5S incontreranno alcuni gruppi di stakeholders e parti sociali. Alle 14.30 conferenza stampa via hangout con i giornalisti ambientali collegati dalle redazioni in tutta Italia.
Qui, il volantino del programma: Volantino_Ambiente2gen_a5.pdf
Video youtube: https://www.youtube.com/watch?time_continue=21&v=ewKyZVqiWHg

Un Programma che spingerebbe l’Italia a competere con i Paesi dell’Ue in tema di rifiuti, ambiente, energia, bonifiche, e senza aumentare tasse, contenendo o diminuendo la spesa pubblica nel settore e creando pure posti di lavoro. Infine acqua pubblica ed investimenti privati. «Abbiamo scelto Ercolano perché la questione vesuviana è emblematica delle scelte sbagliate e insostenibili fatte da chi ci ha governato fino ad oggi. I roghi tossici, la gestione delle discariche abusive, gli incendi e le difficoltà nelle operazioni di spegnimento causate dall’abolizione del Corpo forestale dello Stato, l’abusivismo edilizio, la salute di centinaia di migliaia di cittadini messa a rischio».

On. Salvatore Micillo


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.