ZOOTECNIA.
Incontro con gli allevatori al CReMoPAR di Borgo Cioffi (SA), giornata di studio sulle parassitosi degli ovini in Campania.
Dimostrazione alla stampa del software Mapzoo e delle sue molteplici utilità, dal monitoraggio satellitare dei parassiti all’individuazione di siti idonei per discariche.

Si terrà il prossimo 6 giugno alle ore 10 presso la sede del CReMoPAR (Centro Regionale per il Monitoraggio delle Parassitosi) Borgo Cioffi (SA), la Giornata di Studio sulle Parassitosi degli ovini in Campania.
Per la prima volta in Regione uno studio, condotto dal Prof. Giuseppe Cringoli ordinario di parassitologia veterinaria presso il Dipartimento di Patologia e Sanità Animale della Facoltà di Medicina Veterinaria di Napoli della Federico II di Napoli, ed i suoi collaboratori, riguardante la popolazione ovina le parassitosi che colpiscono questa specie e la relazione tra animale parassitato e diminuzione della quantità giornaliera di latte prodotta.
Verranno divulgati i dati riguardanti un protocollo di trattamento antiparassitario, tenuto dall’equipe di Cringoli dall’inizio dell’anno a tutt’oggi, sono 120 le aziende ovine trattate ed in tutto campionati più di 16000 capi ovini.
Il CReMoPAR ufficialmente attivo dall’ottobre del 2003 svolge attività diagnostiche, di ricerca, di epidemiologia e di prevenzione rivolte agli allevamenti Campani, e sempre in crescita sono le collaborazioni in tutt’Italia.
Questo studio è stato possibile anche grazie a MapZoo, strumento di notevole duttilità e di straordinario supporto a tutti quelli, enti o privati, che svolgono attività di monitoraggio e di pianificazione territoriale. Strumento tecnico importantissimo della Facoltà di Veterinaria il MapZoo ovvero la georeferenziazione cartografica degli allevamenti campani con database consultabili on line, è uno strumento divenuto oggi indispensabile per il monitoraggio territoriale.
Interessante, sarebbe, in un momento di emergenza rifiuti e dopo il piano del governo che prevede l’apertura di nuove discariche, osservare la dimostrazione delle potenzialità del programma Mapzoo nell’individuazione di siti idonei all’impianto di nuove discariche.

“Da anni – spiega il Prof. Cringoli – il mio gruppo è impegnato sul territorio in attività di ricerca, di prevenzione e di consulenza a supporto degli allevatori,
sempre in collaborazione con tutti gli enti di ricerca che intendono lavorare in sinergia con il mio gruppo”.
“ Il Mapzoo, strumento oggi indispensabile – continua Cringoli – per le nostre attività è in continua evoluzione, trattandosi di un sistema cartografico satellitare ricco di dati che vanno dalla sanità animale alla caratterizzazione dei suoli, questo può essere utilizzato per individuare siti idonei per discariche divenendo un innovativo sistema di democrazia avanzata rendendo partecipe la popolazione residente nei luoghi prescelti per la raccolta dei rifiuti mediante commissioni esperte che vigilano sul sito e decidendo il compenso al territorio circostante per il danno arrecato”.
Nando Cirella

INFO
Da: Nando Cirella,giornalista
www.zootec.it
[n.cirella@zootec.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.