14 MARZO 2006 – VINITALY: RAGGIUNTO ACCORDO IN REGIONE. SPAZIO PER ALTRE DIECI AZIENDE SANNITE
La decisione della Regione di raggiungere l’accordo con i 10 produttori vitivinicoli di Benevento esclusi dalla mostra vitivinicola “Vinitaly” di Verona, rende giustizia ad una zona, il Sannio, dove la coltura vinicola dà lavoro a migliaia di addetti che si avvalgono di tutti i veicoli di ampia diffusione per la conoscenza e vendita del proprio prodotto proprio nelle mostre specializzate.
Vinitay ormai lo è sempre di più e francamente sembrava un’assurdità una dimenticanza di tal fatta da parte degli organizzatori, riservandso solo a 20 espositori sanniti la presenza negli stand campani.
Si sono dovute mobilitare le massime istituzioni provinciali del Sannio, per spingere alla conclusione di questa vertenza che ancora una volta dimostra che essere “piccoli” non è sempre bello.
Agli organi preposti a tutelare e valorizzare le risorse agro-alimentari, olearie e vitivinicole della Campania il compito di evitare di giungere a questi “faccia a faccia” che mettono in rilievo l’assenza di una organizzazione tra gli enti. E’ mancata la comunicazione, il dialogo.
La Campania è una delle venti regioni italiane e la sua rappresentanza non può essere maltrattata da chicchessia, tra l’altro danneggiando proprio la provincia che sul piano quantitativo produce il 50% dei vini campani, mentre su quello qualitativo sta facendo sforzi enormi e positivi per imporre i suoi vini tra i migliori d’Italia.

Nel comunicato dell’assessorato regionale all’agricoltura la conclusione della protesta:

“È stato raggiunto l’accordo per risolvere la questione dell’esclusione di dieci aziende vitivinicole beneventane dal Vinitaly di Verona. L’intesa è giunta al termine di un incontro avvenuto questa mattina negli uffici dell’Assessorato all’Agricoltura e alle Attività Produttive della Regione Campania.
Al tavolo, con la Regione, erano presenti Aurelio Grasso, Presidente della Cia di Benevento, Gennaro Masiello, Presidente della Coldiretti Regionale e della provincia di Benevento, Pippo Gramanzini, Commissario della Camera di Commercio sannita, Raffaele Beato e Gennaro Limone, rispettivamente direttore e commissario dell’Ersac, Andrea Postiglione, presidente della Confagricoltura di Benevento e Antonio Ciabrelli, presidente dell’Associazione “Strada dei Vini Terre dei Sanniti”.
In base all’accordo sottoscritto saranno aggiunte dieci unità negli spazi che deriveranno da una revisione del progetto iniziale che, tuttavia, non subirà modifiche estetiche e funzionali. “Le parti – si legge nel verbale dell’incontro – concordano sull’urgenza di prospettare le necessarie modifiche anche rivedendo gli areali di degustazione e parte degli spazi istituzionali. Ciò al fine di conservare il modulo organizzativo distinto per unità provinciali”. Nei prossimi giorni, l’Ersac provvederà alla definizione degli spazi secondo l’accordo raggiunto.
Soddisfazione, al termine dell’incontro, è stata espressa da tutti i partecipanti alla riunione, che hanno chiesto un nuovo incontro all’Assessore all’Agricoltura, dopo la conclusione della manifestazione veronese, per stabilire per tempo i criteri da seguire per il prossimo anno nell’assegnazione degli spazi al Vinitaly.
“Al prossimo tavolo – ha detto l’ Assessore all’Agricoltura e alle Attività Produttive – vogliamo che siano coinvolte anche le organizzazioni professionali rappresentative dei produttori campani. In questo modo, sarà possibile prendere decisioni condivise che ci permettano di valorizzare al meglio le eccellenze vitivinicole della nostra regione, uno dei fiori all’occhiello dell’intera offerta agro-alimentare campana”.

La vicenda è nata il 2 marzo scorso, quando i produttori vitivinicoli del Sannio scontenti di non aver avuto spazi rappresentativi come tutte le altre province presenti al Vinitaly di Verona, avevano deciso di esporre il loro vino con un’unica etichetta listata a lutto.

Ed ecco il comunicato emesso dall’Ansa, fattoci pervenire il 2 marzo dalla Mira Relations su richiesta di Antonio Ciabrelli, presidente dell’associazione ‘Le Strade dei Vini – Terre dei Sanniti’.
VINITALY: PROTESTA PRODUTTORI; ETICHETTE A LUTTO PER SANNIO
BENEVENTO
(ANSA) – BENEVENTO, 2 MAR – ‘Lutto nel Sannio di-vino’: è questa la scritta che comparirà al Vinitaly di Verona sulle bottiglie delle 34 aziende produttrici di vino della provincia di Benevento a cui “gli enti preposti regionali – spiegano i produttori – non hanno riservato un giusto spazio espositivo, concedendo box sufficienti ad ospitare solo a 20 aziende”. La decisione è stata assunta al termine di un incontro, promosso a Benevento dall’associazione ‘Le Strade dei Vini – Terre dei Sanniti’, presieduta da Antonio Ciabrelli, insieme alle organizzazioni agricole della Coldiretti, Cia e Confagicoltura. “O tutti o nessuno – ha sottolineato Ciabrelli – sulla questione chiamiamo in causa il prefetto di Benevento e gli enti preposti (Unioncamere, Camera di Commercio e Provincia di Benevento, Regione Campania). Non subiremo ricatti, né ritorsioni, né cadremo nel tentativo di farci dividere”. “I produttori sanniti saranno compatti nella protesta – ha concluso Ciabrelli – non è giusto che la provincia di Benevento, che rappresenta il 50 per cento della produzione vinicola della Campania, abbia uno spazio inferiore a quello riservato alle aziende di Napoli o di Avellino”. Sulla legittimità della protesta si sono detti tutti d’accordo, a cominciare dal presidente regionale della Coldiretti, Gennaro Masiello e Alfonso Del Basso (Cia Benevento), fino alla presidenza della Confagricoltura, Andrea Postiglione. (ANSA).
> W10-TOR/ > S44 QBXO


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.