Uniti per la filiera
A tavola prodotti del territorio.

Sottoscritto nell’ambito di Basilicata food & wine”, il salone enogastronomico organizzato dall’Unione Regionale Cuochi Lucani (Urcl) nel quartiere fieristico di Tito scalo, un protocollo d’intesa tra Coldiretti Basilicata e Urcl. I due organismi hanno presentato l’iniziativa “Piatti a Km 0”.

L’idea è di costituire una filiera agricola tutta lucana, firmata dagli agricoltori e adottata dagli chef che con la loro arte culinaria trasformeranno le materie prime in gustose pietanze. Così i piatti racconteranno la storia e le tradizioni di un territorio. Un giusto mix tra saperi e sapori, due ingredienti molto apprezzati dagli enoturisti e dagli amanti della buona cucina che non perdono occasione per lasciarsi tentare dai piaceri della tavola.
Un’occasione per far dialogare domanda e offerta, mettendo in rete chi produce e chi trasforma per un’alimentazione sempre più attenta alla sicurezza alimentare

I ristoranti saranno contrassegnati successivamente da un marchio per garantire al consumatore che in quel locale si mangiano “piatti a Km 0”, preparati utilizzando esclusivamente prodotti agricoli. “Tale iniziativa potrà essere da stimolo anche per le istituzioni che gestiscono mense scolastiche, ospedaliere ed altre forme di ristorazione collettiva – ha detto il vice presidente della Coldiretti Basilicata, Piergiorgio Quarto – affinché possano preferire nella scelta dei loro menù giornalieri, piatti di qualità con prodotti agricoli lucani attivando così un circuito virtuoso tra imprese agricole, società e territorio. È l’occasione per promuovere le economie locali, la sostenibilità ambientale con la promozione di prodotti di stagione che effettuano brevi tragitti con conseguente bassa emissione di CO2 “.

Presenti all’evento i tanti soci dell’associazione, “Agrimercato di Coldiretti” che ha come obiettivo la valorizzazione e la promozione della vendita dei prodotti agricoli e agroalimentari. L’associazione potrà fornire un ricco paniere di prodotti del territorio. “Questo protocollo – ha detto Angelo Raffaele Rosa, giovane produttore di pomodorini, tra cui la varietà “nero” e titolare dell’omonima azienda a Lavello e presidente di Agrimercato – è un’ulteriore opportunità di vendita. È una risposta concreta alla crisi”.

Insieme per far riscoprire agli amanti della cucina, al turista per caso, ai clienti più affezionati e ai gourmet il gusto di mangiare genuino, di avere la garanzia di degustare prodotti di qualità, rintracciati e certificati.
“Coldiretti sceglie di investire sul futuro in un momento in cui il mondo sembra barcollare di fronte a una crisi finanziaria senza precedenti – ha aggiunto il direttore di Coldiretti Basilicata, Giuseppe Brillante – puntando a realizzare un sistema agroalimentare che valorizza le distintività locali e tutela il consumatore”. “Noi cerchiamo di valorizzare i nostri prodotti in ogni manifestazione e nei concorsi nazionali – ha aggiunto Rocco Pozzulo, presidente dell’Urcl. Quest’intesa è un’ ulteriore tassello al nostro percorso di valorizzazione e promozione della Basilicata”.
“Gli ambasciatori del gusto potranno promuovere nel mondo l’immagine della Basilicata a tavola – ha scritto nella prefazione del libro “Basilicata food and wine”, Quarto – facendo scoprire in un piatto la storia di un territorio, dei prodotti agricoli utilizzati, la cultura e la tradizione. Un piatto è racconto, emozione, sapori, odori che portano a scoprire le zone di produzione con i loro paesaggi. È questo quello che rende un piatto speciale da un altro. È la distintività il valore aggiunto anche per lo sviluppo delle imprese agricole lucane”.

INFO
Coldiretti Basilicata
Via dell’Edilizia snc – 85100 – Potenza
Tel. +39.0971.508211-
Fax +39.0971.508218
E-mail: basilicata@coldiretti.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.