Mimmo Ragozzino: Turismo, Napoli punta sul mercato inglese e si va a proporre a Londra dal 9 al 17
Camera di Commercio di Napoli e COM.TUR ospitano delegazione inglese per promuovere la Penisola Sorrentina
Puntare sul turismo inglese che, nonostante la crisi europea, sta dando segnali positivi per Napoli attraverso la promozione di un’immagine “integrata” (intesa come arte, cultura, tradizioni e sapori) della Penisola Sorrentina nel Regno Unito.
E’ stato questo, in sintesi, lo scopo dell’ “educational tour”, organizzato dalla Camera di Commercio di Napoli e della sua Azienda speciale COM.TUR in Penisola Sorrentina per un gruppo di 16 persone, cinque giornalisti e undici responsabili di vendita di alcune agenzie di viaggio britanniche, a cui è stata offerta una “vacanza – lavoro” al fine di stimolare il loro interesse a vendere il prodotto “Penisola Sorrentina”, inteso come bellezze naturali e paesaggistiche, enogastronomia e cultura.
“L’iniziativa – ha detto il presidente di COM.TUR., Pasquale Gentile – proseguira’ con due importanti presenze a Londra delle localita’ turistiche provinciali: la prima, dal 9 al 13 novembre, in occasione del Country Living Magazine Christmas Fair, e la seconda, dal 14 al 17 novembre, in occasione del World Travel Market, dove promuoveremo il prodotto turistico, assieme al prodotto artigianale e gastronomico. Porteremo il limoncello dell’area sorrentina, i nostri dolci e quanto c’è di bello nella nostra località”.
Alla delegazione inglese e’ stata riservata una full immersion di quattro giorni, ricca di piacevoli sorprese: la Costiera Sorrentina, Capri, Pompei e visite ai laboratori di intarsio, alle fabbriche di limoncello e di treccia sorrentina. Un percorso che si e’ concluso con una cena di gala presso il “Ristorante Don Alfonso” a Sant’Agata sui Due Golfi.
Sottolineando la riuscita della “vacanza-lavoro” per la delegazione inglese, Gentile ha poi aggiunto: “I giornalisti saranno utili per promuovere la bella immagine della nostra zona. L’addetto alle vendite e’ invece colui che potra’ orientare il cliente e, conoscendo il territorio, potra’ indirizzarlo direttamente. Riteniamo che in un momento come questo vadano adottate politiche di marketing territoriale ben individuate. Nello specifico, il mercato inglese ha bisogno di un’attenzione particolare, perché sta rispondendo bene nonostante la crisi europea. Le presenze che abbiamo registrato nel 2005, seppur in piccola flessione rispetto agli anni precedenti, ci danno notevole soddisfazione e i segnali ci fanno ben sperare affinché il turista inglese possa continuare a scegliere le nostre località”.
“Ritengo che la Camera di Commercio di Napoli e la COM. TUR. – ha concluso Gentile – stiano dando delle risposte concrete nel campo del turismo e in questo momento di particolare crisi economica per la nostra località, il turismo rappresenta una risorsa fondamentale”.
E LA REGIONE CAMPANIA A CASERTA
PROPONE UNA LEGGE PER IL TURISMO. Si è dato il via alla presentazione del nuovo disegno di legge regionale sul turismo. La conferenza degli Stati generali del Turismo in Campania si è svolta nello splendido scenario delle sale dell’ Holiday In Resort di Castel Volturno. La prima tavola rotonda ha trattato “la riforma del sistema turistico”e, la “capacità di accoglienza e la qualità del servizio.
Oltre all’intervento del capogruppo dello Sdi Gennaro Oliviero e dell’assessore al Turismo Marco Di Lello, sono intervenuti i maggiori esponenti del mondo imprenditoriale e sindacale campano. Poi la discussione su “ la paura della crisi e come combatterla:strategie di difesa e strategie di attacco”, con l’intervento del Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino che dopo la chiusura dei lavori, inaugura i campi da golf della struttura ospitante. È il presidente del Gruppo consiliare dello Sdi in regione Campania, Gennaro Oliviero, che dopo aver annnunciato con largo anticipo alla stampa questo importante appuntamento ha parlato del territorio casertano ed ha così dichiarato: “ Per la provincia di Caserta il turismo rappresenta una risorsa di fondamentale importanza, sia dal punto di vista economico, sia da quello sociale e culturale. L’offerta turistica casertana è ricca ed è capace di abbinare turismo culturale, balneare enogastronomico, congressuale e religioso, mettendo le località di Terra di Lavoro in una posizione di assoluto favore per ciò che concerne la loro capacità di attrarre turisti. La regione Campania, – ha proseguito Oliviero – ed in particolar modo l’Assessorato al Turismo, lavora affinché queste straordinarie ricchezze possano svilupparsi pienamente e tramutarsi in occasione di crescita per l’intero territorio. Per raggiungere questi obiettivi – ha concluso Oliviero – la Regione si è dotata di numerosi strumenti, la legge 24/84 che regola gli “interventi promozionali per l’incremento in Campania delle correnti turistiche italiane ed estere”, ma, è soprattutto grazie al sostegno dei fondi strutturali europei e nella loro concretizzazione nei Piani Integrati per il Turismo che si sono programmati e si realizzeranno una serie di interventi, rispettosi delle vocazioni specifiche di ciascuna area e coerenti con una visione del turismo campano inteso come unico sistema”.
CASERTA – Oliviero: “ Dobbiamo consolidare il marchio di “qualità Campania”.
“C’è una condizione favorevole in Campania che è costituita da un delicato ed originale equilibrio d’ambiente e beni culturali che, rappresentano sicuramente un bene d’assoluto valore perché parte essenziale e costitutiva dell’identità campana e nazionale ed anche perché importante fattore di sviluppo. Avvia così il suo intervento il capogruppo dello Sdi in Regione Campania, Gennaro Oliviero. “ Importantissimo è il complesso dei beni culturali che ha impresso all’intero territorio una fisionomia unica nella sua molteplicità. Tutto ciò, – prosegue Oliviero -costituisce un insieme da tutelare, valorizzare e sviluppare sempre di più e meglio. La rete dei musei, delle biblioteche, degli archivi, dei teatri storici, il sistema dei parchi naturali, inseriti a loro volta in situazioni ambientali e territoriali di gran pregio e qualità, permettono a questa regione di essere un grande ed unico contenitore ricco di vita, di storia. In quest’ambiente si è innestata negli anni un’efficace attività di produzione e sviluppo manifestazioni culturali d’elevata qualità che proietta l’immagine della regione a livello nazionale ed internazionale, con una serie d’eventi diffusi sul territorio promossi dalle comunità locali. Questo immenso patrimonio va dunque non solo difeso e tutelato ma reso sempre più, fattore dello sviluppo economico. Stimolare e sostenere la nascita di nuove imprese, promuovere percorsi formativi specifici, creare le condizioni per integrare nuove attività nel campo della tutela e godimento dei beni culturali e ambientali con i settori del turismo, dell’artigianato di qualità, dell’agricoltura. Per il turismo in particolare resta l’obiettivo di conseguire un progressivo prolungamento delle presenze e di consolidare, il marchio di qualità Campania. Difendere la qualità della Campania significa anche guardare con rinnovata attenzione al tema delle città, tanto più in un momento in cui importanti Comuni, stanno predisponendo i nuovi Piani Regolatori Generali. Rivitalizzare i centri storici e favorire il riutilizzo degli spazi per una molteplicità di funzioni abitative, sociali ed economiche. Ripensare drasticamente previsioni espansive che non hanno trovato corrispondenza nell’andamento demografico della regione. Riqualificare le aree periferiche più degradate e operare per riconnettere centri e periferie; contrastare i rischi di congestione che, non risparmiano le nostre città. Bisogna promuove politiche innovative della mobilità rispettose dell’ambiente. Tutto questo però, – ha concluso Oliviero -presuppone una progettazione ricca e innovativa e soprattutto una capacità d’efficaci investimenti che devono poter vedere il concorso di linee finanziarie pubbliche diverse (comunitarie, nazionale, locali) e di risorse private, anche attraverso la sperimentazione di nuovi strumenti d’intervento.
Addetto stampa: Raffaele Balletta.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.