TRAMONTI(SA). LA FESTA DELL’ENOGASTRONOMIA IL 17 E 18
Borgo da Favola chiude da domani la seconda edizione di Tramonti da Vivere

18 agosto 2010. Si chiude con le suggestioni di case ancorate l’una all’altra, giochi di luci e artisti da strada, l’edizione 2009 di Tramonti da Vivere. Mercoledì 18 e Giovedì 19 agosto a partire dalle ore 20,00, la frazione di Figlino si trasformerà in un “Borgo da Favola” per la terza edizione del Festival degli artisti da strada.
E’ questo il titolo dell’ultimo appuntamento del fitto cartellone promosso per far scoprire e apprezzare antiche borgate e tipicità enogastronomiche del cuore verde della Costa d’Amalfi. Nella piccola frazione di Tramonti, sarà festa per una notte intera, tra cortili e viti secolari.
Qui, dinanzi a centinaia di visitatori, torneranno ad armonizzarsi natura, musica e acrobazie. Mangiafuoco, trampolieri e giocolieri, animeranno l’antica borgata di Tramonti dove verranno allestiti stand degustativi che ripropongono il meglio delle tradizioni gastronomiche della Costa d‘Amalfi, a cominciare dai prodotti tipici. Con il Festival degli Artisti da Strada, dedicato anche ai più piccini, si chiudono gli appuntamenti con le tipicità che negli anni scorsi hanno calamitato a Tramonti, complessivamente, oltre diecimila persone.
Un successo che conferma la qualità degli eventi che non si propongono come sagre ma come vetrine del meglio della produzione agroalimentare della Costa d’Amalfi. Tramonti, con i suoi vini doc, i suoi prodotti caseari, la sua pizza terrà banco in questi giorni d’agosto animando ben 11 serate nelle frazioni di Corsano, Pietre, Polvica, Gete, Campinola e Figlino, dove va in scena l’ultimo degli appuntamenti dedicato stavolta agli artisti di strada in un Borgo da Favola.
—————————–
Martedì 17 agosto
—————————–
a Tramonti sarà Festa del Fior di Latte per esaltare un’altra strada del sapore.
Il penultimo appuntamento con i sapori della Costa d’Amalfi è martedì 17 nella frazione di Campionola a Tramonti. A tenere banco sarà la Festa del Fior di latte attraverso cui il cuore verde della Costiera svelerà un’altra entusiasmante strada del sapore. Quella del latte di vaccino e dei suoi derivati che attraversa in lungo e in largo le colline di Tramonti. Da Cesarano a Campinola; da Capitignato a Gete, dove la filiera segue ancora i metodi tradizionali. A cominciare dalla produzione di fior di latte e caciocavalli, tutti rigorosamente «fatti a mano».
E su quella che un tempo era l’attività più diffusa (oltre quaranta caseifici a fronte dei nove attuali) esistono persino due leggende, una delle quali conduce direttamente alla pizza, offerta alla regina Margherita da don Raffaele Esposito, il quale sostituì il formaggio proprio col fior di latte tramontano.
Scovare oggi gli ultimi casari in questo immenso cuore verde della Costiera Amalfitana, non è impresa facile, perché i loro piccoli laboratori sono per lo più nascosti tra grappoli di case che si arrampicano lungo le colline. Ed è per questo che l’iniziativa si propone di mettere in vetrina un prodotto di nicchia prima di invitare buongustai e turisti a inoltrarsi tra sterrati e piccole arterie interpoderali, per dar vita al gioco della conquista dei sapori con una singolare “caccia al casaro”.
I prodotti, preparati per la due giorni di degustazioni, comprendono un’ampia varietà di formaggi ma anche ricotta e l’inconfondibile provola affumicata. Un prodotto che si realizza con la stessa cagliata del fior di latte, ma con due importanti differenze: la consistenza della pasta e la salagione che avviene rigorosamente in salamoia. Con questo metodo la lavorano tutti i casari di Tramonti, molti dei quali, tra le loro delizie, annoverano anche provoloni stagionati che in qualche caso superano i 4 kg.
Bocconcini e caciocavalli (comprese le trecce) completano poi il paniere i cui sapori sono senza dubbio da 10 e lode.

———————–
La Festa del Vino
———————–
un happening di due giorni con i sapori,
le tradizione e il patrimonio vitivinicolo di Tramonti che ha nel suo vitigno autoctono Tintore il protagonista dello sviluppo territoriale
Il lungo week-end del sapore e dei profumi della Divina prosegue nel borgo di Gete, operosa frazione di Tramonti dove si concentra la maggiore produzione uve Tintore, straordinari grappoli a bacche rosse che prendono corpo su viti sorprendentemente a piede franco. L’iniziativa di esaltare il vino locale, organizzata dall’Associazione Gete e in programma domani mercoledì 11 e giovedì 12 agosto, si svolge anche stavolta nell’ottica del grande rigore e dell’alta qualità, rivolta com’è ad un pubblico di amatori e esperti che sanno apprezzare e gustare i vini Doc della Costa d’Amalfi e i “Terroir” locali, preziosità conosciuta in tutto il mondo.
Ma più in particolare ha l’intento di esaltare le qualità organolettiche del Tintore, uno dei più antichi vitigni della Campania. Anche a Gete, con le sue tre cantine, sono previste carrellate di prodotti tipici e vino a go go, oltre che allo straordinario percorso lungo la via degli Asceti, tra vigneti secolari e sentieri che si arrampicano tra i terrazzamenti. Lungo la strada del vino, sarà possibile degustare pietanze tipiche oltre che i vini delle quattro cantine di Tramonti. A fare da cornice sarà l’incanto dei luoghi con la Cappella Rupestre mentre l’atmosfera sarà garantita dal suono delle tammorre.
Gete è uno dei tredici borghi di Tramonti, cittadina abbarbicata tra i Lattari che scende a imbuto nella vallata che da Chiunzi arriva fin giù al mare di Maiori. Qui, pulsa il cuore di una città del vino grazie alle sue cantine e i suoi vitigni autoctoni che da secoli offrono nettare di insolita eleganza. Questa è una terra dove si coltiva il Tintore, un vitigno unico che in passato serviva solo a dare colore ai vini. I produttori della zona da qualche anno non lo cedono più con facilità ai commerciati di uva proprio perché è partita la fase della rivalutazione del vitigno. Il Tintore, infatti, lo si vinifica in purezza e i risultati sono lusinghieri, anche se necessitano nuovi studi e ricerche.
“Il Tintore di Tramonti non ha fratelli, né cugini, né sosia nel mondo”, è stato detto da qualche critico enogastronomico. Ed è così, se si considera che il vitigno è uno dei pochi autoctoni ad aver scampato la fillossera. Per questo, ad agosto, si celebra il trionfo dell’ orgoglio contadino, con degustazione dei bianchi e rossi della sottozona di Tramonti della Doc Costa di Amalfi. Ma anche balli, canti e prodotti tipici di una vallata verdissima e generosa in cui si opera e si lavora all’ombra dei Lattari.
INFO
Informazioni: Comune di Tramonti, Piazza Treviso (frazione Polvica) – Tel: 089-856801 info@comunetramonti.it
Ufficio Stampa: Casa del Gusto Costa d’Amalfi

————————————–
LA PRESENTAZIONE E IL PROGRAMMA
————————————–
A Tramonti (SA) tra vigne e sapori
Presentato oggi in Provincia il lungo happening d’agosto per la valorizzazione delle tipicità locali

Un lungo happening del sapore, tra nettare di uve, prodotti caseari e trionfo della pizza. E’ in programma a Tramonti dove i signori del vino di questa terra celebreranno il loro vitigno autoctono e l’intero comparto agroalimentare della Co-sta d’Amalfi. Il viaggio tra le vigne ed i sapori di Tramonti, si svilupperà attraverso alcune delle tredici frazioni del pae¬se in cui spiccano alcune produzioni tipiche a cominciare proprio dai vini doc realizzati dalle uve del vitigno centenario Tintore, sorprendentemente a piede franco, fino ad arrivare al fior di latte ed ai formaggi caprini.
Il progetto “Tramonti da Vivere” è stato presentato stamane in Provincia dal sindaco Antonio Giordano, dall’Assessore al patri¬monio Adriano Bellacosa, dal consigliere provinciale Matteo Bottone e dal presidente dell’Enoteca provinciale Fer¬nando Cappuccio.

Si inizia con il terzo Festival Enogastronomico di Corsano (sabato 7 agosto) per poi proseguire con

il Festival della Pizza (domenica 8 e lunedì 9 agosto), che coincide col tradizionale raduno dell’esercito di pizzaioli che dagli anni Cin-quanta ad oggi hanno impiantato circa 3000 pizzerie in tutta Italia contribuendo al successo della più antica delle pietan¬ze Made in Italy. Infatti, se la pizza figura ai primi posti nelle classifiche di gradimento degli italiani a tavola, il merito è soprattutto di quegli emigranti tramontini che hanno trasformato un’antica tradizione casalinga in autentica attività com-merciale.

Il percorso tra i sapori e i saperi della Costa d’Amalfi proseguirà martedì 10 agosto con Calici di Stelle, l’evento clou realizzato col sostegno della Regione Campania e dello Stapa Cepica di Salerno, prima ancora che una vetrina di tipicità per quei palati raffinati capaci di risvegliare il desiderio sopito delle cose buone.
Nel Convento di San Francesco sarà festa di stelle cadenti e di sapore con le tipicità del territorio realizzate dalle aziende agricole (insaccati, fior di latte e formaggi ovicaprini), dai ristoranti, dalle pasticcerie e dagli artigiani di Tramonti.
La manifestazione che sarà pre¬ceduta da una tavola rotonda sul tema
“Tramonti, crocevia ideale della strada del vino della Costa d’Amalfi”, è inserita anche quest’anno nel progetto Costiera dei Fiori con l’intenzione di promuovere e valorizzare le risorse territoriali, inte¬grando le tradizioni storico-culturali con quelle rurali ed enogastronomiche in un unicum in cui stelle, bellezze naturali e paesaggistiche fanno da cornice nella notte di San Lorenzo.

Il lungo week-end del sapore e dei profumi della Divina proseguirà nel borgo di Gete, operosa frazione di Tramonti dove si concentra la maggiore produzione uve Tintore, straordinari grappoli a bacche rosse che prendono corpo su viti sor-prendentemente a piede franco.
L’iniziativa di esaltare il vino locale con una Festa del Vino, organizzata dall’Associazione Gete e in programma Mercoledì 11 e Giovedì 12 agosto, si svolge anche stavolta nell’ottica del grande rigore e dell’alta qualità, rivolta com’è ad un pubblico di amatori e esperti che sanno apprezzare e gustare i vini Doc della Costa d’Amalfi e i “Terroir” locali, preziosità conosciuta in tutto il mondo.
Ma più in particolare ha l’intento di esaltare le qualità organolettiche del Tintore, uno dei più antichi vitigni della Campania.
Anche a Gete, con le sue tre cantine, sono previste carrellate di prodotti tipici e vino a go go, oltre che allo straordinario percorso lungo la via degli Asceti, tra vitigni secolari e sentieri che si arrampicano tra i terrazzamenti.
A fare da cornice sarà l’incanto dei luoghi con la Cappella Rupestre mentre l’atmosfera sarà garantita dal suono delle tammorre.

Penultimo appuntamento Lunedì 16 e Martedì 17 a Campionola con la Festa del Fior di latte per svelare un’altra en-tusiasmante, strada del sapore. Quella del latte di vaccino e dei suoi derivati che attraversa in lungo e in largo le colline di Tramonti. Da Cesarano a Campinola; da Capitignato a Gete, dove la filiera segue ancora i metodi tradizionali. A co-minciare dalla produzione di fior di latte e caciocavalli, tutti rigorosamente
«fatti a mano».
E su quella che un tempo era l’attività più diffusa (oltre quaranta caseifici a fronte dei nove attuali) esistono persino due leggende, una delle quali con-duce direttamente alla pizza, offerta alla regina Margherita da don Raffaele Esposito, il quale sostituì il formaggio proprio col fior di latte tramontano.
E scovare oggi gli ultimi casari in questo immenso cuore verde della Costiera Amalfitana, non è impresa facile, perché i loro piccoli laboratori sono per lo più nascosti tra grappoli di case che si arrampicano lun¬go le colline.
Ed è per questo che l’iniziativa si propone di mettere in vetrina un prodotto di nicchia prima di invitare buongustai e turisti a inoltrarsi tra sterrati e piccole arterie interpoderali, per dar vita al gioco della conquista dei sapori con una singolare “caccia al casaro”.

Ultimo appuntamento Mercoledì 18 agosto con “Borgo da Favola”, un itinerario enogastronomico e religioso imprezio-sito dalla presenza di artisti da strada.

INFO
Comune di Tramonti, Piazza Treviso (frazione Polvica) – Tel: 089-856801 info@comunetramonti.it
Ufficio Stampa: Casa del Gusto Costa d’Amalfi

———————————-
Venerdì 30 luglio ore 11.00
———————————-
presso la Sala Bottiglieri della Provincia di Salerno.
Conferenza stampa di presentazione degli eventi enogastronomici
A Tramonti(Sa) un lungo happening d’agosto per la valorizzazione delle tipicità locali

Si rinnova a Tramonti l’appuntamento con i saperi, i sapori e le tradizioni della Costa d’Amalfi.
Nel cuore verde della Divina, dove le terre si lasciano accarezzare qua e là da grappoli di case raccolte intorno a campanili svettanti, ritorna il consueto incontro con le tipicità locali in cui ciascuna produ­zione artigianale anche quest’anno avrà un suo spazio all’interno del fitto cartellone di eventi.

I cinque appuntamenti con le tradizioni, i saperi e i sapori di Tramonti e della Costa d’Amalfi saranno presentati nel corso di una conferenza stampa, in programma venerdì 30 luglio alle o­re 11.00 presso la Sala Bottiglieri della Provincia di Salerno, dal Presidnete Edmondo Cirielli, dall’Assessore all’Agricoltura Mario Miano e dal sindaco di Tramonti, Antonio Giordano.
Il viaggio tra le vigne ed i sapori di Tramonti, si svilupperà attraverso alcune delle tredici frazioni del paese in cui spiccano numerose produzioni tipiche a cominciare dai vini doc realizzati dalle uve del viti­gno centenario Tintore, sorprendentemente a piede franco, fino ad arrivare al fior di latte ed ai for­maggi caprini.
Non si tratta di sagre, ma di autentiche vetrine dei sapori, capaci di risvegliare il desiderio sopito del­le cose buone.
Una serie di manifestazioni che intendono promuovere e valorizzare le risorse terri­toriali, integrando le tradizioni storico-culturali con quelle rurali ed enogastronomiche.
Un modello, a cui si ispira ormai da sei anni, anche il consueto happening di Calici di Stelle in programma il 10 agosto.
Sarà questo, l’appuntamento clou della settimana dei sapori in cui stelle, bellezze naturali e paesaggistiche faranno da cornice alla notte di San Lorenzo. Notte di vini e di tipicità locali in vetri­na nella suggestiva location del Convento di San Francesco.

INFO
Comune di Tramonti, Piazza Treviso (frazione Polvica) – Tel: 089-856801 info@comunetramonti.it
Ufficio Stampa:
Casa del Gusto Costa d’Amalfi
Casa del Gusto – Costa d’Amalfi


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.