The Big Hack – HackNight@Museum: a Napoli 1 e 2 luglio un week end non-stop di creatività, tecnologia e condivisione nel Museo e Real Bosco di Capodimonte (Cellaio)

La premiazione del HackNight@Museum con gli 8 team vincitori. Inoltre, per la prima domenica ad ingresso gratuito, il Museo e il Real Bosco di Capodimonte hanno registrato i seguenti numeri:
– 2577 ingressi per mostra Picasso a 5 euro
– 1320 ingressi collezione
totale museo: 3897
Bosco: 7495
HACKNIGHT @ MUSEUM: dalla Campania otto idee per affrontare le sfide della contemporaneità
Centottanta ragazzi e ragazze hanno invaso il Museo di Capodimonte per sfidarsi a colpi di codice durante il The Big Hack – HackNight@Museum promosso da Regione Campania, organizzato da Maker Faire Rome – The European Edition e Sviluppo Campania, in collaborazione con il Museo di Capodimonte. La voglia di vincere li ha fatti lavorare per 30 ore di seguito a un computer cercando una soluzione alle otto sfide della maratona di programmazione, con l’aiuto dei mentor di Codemotion. Sviluppatori, maker, ingegneri, designer, startupper, studenti e comunicatori. Hanno in media 24 anni anche se non mancano gli under 18 e gli over 40 tra gli hacker di questa lunga notte. Trenta i team formati per rispondere alle challenge lanciate da Regione Campania, Regione Lazio, Museo di Capodimonte, Soresa, Asos, Cisco, STMicroelectronics, Tecno e Almaviva.
The Big Hack – HackNight@Museum è cominciato sabato mattina e si è concluso domenica sera con la grande premiazione nella splendida location dell’Auditorium del Museo di Capodimonte, in cui sono stati proclamati i vincitori. Sul palco dell’Auditorium i finalisti hanno presentato le loro idee per applicazioni e progetti concreti dalla mobilità, al turismo, alla valorizzazione dei beni culturali e architettonici, fino alla sanità e al fashion tech.
Ad aggiudicarsi i premi in palio sono stati:
Per Regione Campania
Team SCINTILLE – progetto CampUp – find your route
Applicazione mobile che valorizza i beni culturali attraverso l’uso di dati pubblici: il turista e lo stesso cittadino hanno la possibilità di usufruire di itinerari studiati in base a categorie da loro preferite. Punti di forza la costruzione della community, e la modalità Augmented Reality, oltre alla elevata accessibilità ai servizi app.
Per Regione Lazio
Team HARIBO – progetto ELSA
Una assistente personale che consente di fruire in modo intuitivo e interattivo dei dataset offerti dalle istituzioni pubbliche, completamente scalabili e fruibile. Un’applicazione perfettamente funzionante che matcha la sfida della Regione Lazio con quella di Soresa, dimostrando come la contaminazione aiuta a raggiungere risultati tangibili.
Per Museo di Capodimonte
Team WATT THE DUCK– progetto EMMA – Environment Monitoring Mesh Advisors
EMMA è un sistema di monitoraggio che permette di raggiungere qualsiasi punto del Bosco di Capodimonte. Obiettivo rendere fruibili open data a tutti: per gli amministratori che avranno accesso dati critici per la salvaguardia dei beni ambientali, per gli utenti che potranno massimizzare la loro esperienza e fruire di tutte le opportunità offerte dal Bosco. Il sistema fa largo uso di tecnologie ST ed è applicabile a qualsiasi contesto.
Per Soresa
Team SOCIAL DEV – progetto E.L.S.A. Assistant
App che può ricercare tutte le informazioni disponibili sul portale SORESA: le news, bandi di concorso, bandi di gare e contratti, i profili del personale e molto altro. In base alle ricerche, ELSA impara a conoscere te e le tue necessità. ELSA permette di rendere fruibili le informazioni presenti sul portale Soresa in modo semplice ed intuitivo ad utenti privati, pubbliche amministrazioni, imprese e tutte le altre categorie di utenti supportati.
Per Asos
Team BAGNINI – progetto asos Virtual Wardrobe
Più di una semplice app, ma un vero e proprio stilista personale che consiglia degli outfit in base al luogo, alle condizioni climatiche e all’occasione d’uso. Inoltre tiene memoria degli acquisti già effettuati e propone soluzioni in linea con il proprio stile. Realtà aumentata e una community di shopper, danno il valore aggiunto.
Per Cisco
Team THE ALPACAS – progetto Cicero
Applicazione iOS che sfrutta la piattaforma Cisco Spark per connettere cittadini e visitatori con i luoghi. Il visitatore ha la possibilità di scoprire la città tramite gli occhi e l’esperienza di qualcuno che la vive tutti i giorni, mentre il cittadino può incontrare nuove persone, entrare in contatto con altre culture e vivere le esperienze più belle di un viaggio, come scoperta e condivisione, a casa propria.
Per ST Microelectronics
1° classificato Team WATT THE DACK – progetto EMMA – Environment Monitoring Mesh Advisors
EMMA è un sistema di monitoraggio che permette di raggiungere qualsiasi punto del Bosco di Capodimonte. Obiettivo rendere fruibili open data a tutti: per gli amministratori che avranno accesso dati critici per la salvaguardia dei beni ambientali, per gli utenti che potranno massimizzare la loro esperienza e fruire di tutte le opportunità offerte dal Bosco. Il sistema fa largo uso di tecnologie ST ed è applicabile a qualsiasi contesto.
2° classificato Team HELLO WORLD – progetto IoTour
Obiettivo della soluzione è unire i vantaggi della realtà aumentata con le potenzialità dell’Internet of Things in modo da migliorare l’esperienza dei visitatori ed offrire ai gestori dei musei uno strumento utile per avere informazioni e veicolare il flusso delle visite.
Per Tecno
Team OK OK – progetto Shareseat
Un’applicazione che permette il car sharing tra gli utenti di un’azienda, diminuendo i consumi d’energia, e ottimizzando il tragitto.
da: Luisa Maradei

———————————————————
26 giugno 2017 – Promosso dalla Regione Campania e organizzato da “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0” con Sviluppo Campania in collaborazione con Codemotion, e grazie al supporto del Museo di Capodimonte, #HackNight@Museum è una maratona di programmazione che si inserisce nella strategia regionale di promozione e diffusione delle competenze digitali, in particolare presso i giovani per avvicinarli allo studio delle materie scientifiche.
Il week end dell’1-2 luglio vedrà, dunque, la città di Napoli protagonista con i suoi migliori talenti al servizio dell’innovazione. L’evento si terrà, infatti, presso il Bosco di Capodimonte, nel Cellaio (via Miano 2, Napoli).
The Big Hack-HackNight@Museum è un evento gratuito rivolto a sviluppatori, maker, ingegneri, designer, startupper, studenti e comunicatori per dare vita ad applicazioni e progetti concreti in ambiti che toccano molti aspetti della vita quotidiana di milioni di persone: dalla mobilità alla sanità passando per la valorizzazione dei beni culturali.
L’iscrizione e la partecipazione all’hackathon sono personali e gratuite. I passaggi per iscriversi sono due: pre-registrazione tramite piattaforma Eventbrite a questo link: https://hacknightmuseum.eventbrite.it; compilazione e invio modulo, che arriverà per posta elettronica, per la conferma definitiva. L’evento comincerà alle ore 9 del primo luglio con la registrazione dei partecipanti, proseguirà con la presentazione delle 8 Challenge lanciate dai promotori, comincerà così la maratona che terminerà alle ore 16 di domenica 2 luglio con i pitch di presentazione dei vari team. Ogni promotore sceglierà il team che ritiene abbia più soddisfatto i requisiti della propria Challenge.
HackNight@Museum è il primo appuntamento di “Aspettando Maker Faire Rome”, percorso di avvicinamento alla quinta edizione del più grande evento europeo sull’innovazione che si terrà, a Roma, dall’1 al 3 dicembre 2017 presso il centro fieristico della Capitale.
Che cos’è un hackathon?
L’hackathon è una maratona di sviluppo codice in cui, in poche ore, sviluppatori, hacker, maker, esperti di IoT e appassionati di tecnologia si uniscono in team e, con l’aiuto di mentor esperti, sviluppano prototipi di progetti hardware e software, condividendo idee, creatività e accrescendo le competenze in modo innovativo e divertente.
Le Challenge di #HackNight@Museum-The Big Hack sono promosse da: Regione Campania, Regione Lazio, Museo di Capodimonte, Soresa, Almaviva, Asos, Cisco, STMicroelectronics e Tecno.
Durante tutta la maratona i partecipanti saranno seguiti da un gruppo di mentor che li supporteranno dal punto di vista tecnico e li assisteranno nello sviluppo dei progetti.
“L’HackNight @ Museum sarà un appuntamento disruptive che vedrà i nostri giovani più creativi alle prese con le sfide tecnologiche legate a problemi e opportunità reali. Come Giunta De Luca puntiamo fortemente sulle nuove generazioni e le loro capacità di contaminazione e visione futura. Teniamo molto a questa iniziativa, che già lo scorso anno lanciammo in piazza del Plebiscito, e la riproponiamo con nuove challenge in una location dal grande valore simbolico. L’hackaton nel Museo di Capodimonte, infatti, per la prima volta sperimenterà il lavoro in connessione di competenze tecnologiche e saperi umanistici. Sarà una maratona molto vivace in cui i team, con l’aiuto di mentor esperti, svilupperanno prototipi di progetti hardware e software, condividendo idee, creatività e accrescendo le competenze digitali in modo innovativo”. Così ha commentato l’iniziativa, l’assessore alle Startup, Innovazione e Internazionalizzazione della Regione Campania, Valeria Fascione.
“Siamo orgogliosi di ospitare #HackNight@Museum nello splendido Bosco di Capodimonte, un evento che coniuga innovazione tecnologica, curiosità, immaginazione e creatività. Tecnologia, beni culturali, paesaggistici, botanici insieme diventano un attrattore culturale unico, il loro incontro fa entrare i beni culturali nel XXI secolo, traccia il futuro dei nostri musei, e renderà ancora più ricca e diversificata la nostra offerta culturale e più piacevole per visitatori, d’orizzonti sempre più diversi, la scoperta e l’uso dei nostri musei” ha affermato il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger. PREMI
Ogni Challenge avrà un premio da 2.500 euro, complessivi, in buoni Amazon da destinare al Team vincitore e offerti dagli sponsor privati ad eccezione della Challenge di STMicroelectronics che assegnerà i seguenti premi:
Al Team primo classificato:
– 5 Wearable Sensor Units (STEVAL-WESU1)
– 1 Sensor Tile (STEVAL-STLKT01V1)
– 1 Arduino Star OTTO Light (ARD-OTTO-STM32)
– 1 STM32F7 discovery kit (STM32F769I-DISCO)
– 1 Nucleo-64 (NUCLEO-F446RE)
– 1 Nucleo-32 (NUCLEO-F303K8)
– 1 spazio espositivo al NeaPolis Innovation Technology Day 15 novembre.
Al Team secondo classificato:
– 5 Wearable Sensor Units (STEVAL-WESU1)
LE CHALLENGE
CHALLENGE PROMOSSA DA REGIONE CAMPANIA IN COLLABORAZIONE CONALMAVIVA
Alla scoperta della Campania
La Regione Campania, in collaborazione con Almaviva, lancia una Challenge per la realizzazione di un tool di interazione con il turista (app, chatbot…) in grado di segnalargli opportunità, permettergli di fare domande, inviare foto e ottenere informazioni sui luoghi, indicargli percorsi alla scoperta delle bellezze delle nostre città. Per la realizzazione del progetto si potrà utilizzare una combinazione di dati tra quelli resi disponibili dalla Regione Campania e relativi alle tematiche Cultura e Luoghi di interesse turistico, presenti sul portale I.Ter, e quelli reperibili online sulla mobilità cittadina, sviluppando così soluzioni che adottino un uso innovativo delle tecnologie digitali (data visualization, geocaching, geofencing, interazione mondo reale-mondo virtuale attraverso i sensori disponibili e la piattaforma IoT, realtà aumentata, ecc.). La sfida intende promuovere l’utilizzo degli Open Data per incentivare la nascita di imprese in grado di sviluppare nuovi modelli di business.
CHALLENGE PROMOSSA DA REGIONE LAZIO
Open Data – Politiche sociali e giovanili
La Regione Lazio vi sfida a sviluppare soluzioni per applicazioni mobile che utilizzino, anche in maniera non esclusiva, i dataset relativi alle politiche sociali e giovanili pubblicati sul suo portale Open Data: dati.lazio.it
Le soluzioni devono rappresentare un servizio innovativo per i cittadini, con particolare attenzione ai giovani, oppure per le imprese e gli altri portatori di interesse territoriale. I progetti possono essere destinati a differenti scopi di pubblica utilità o a finalità commerciali.
Al team vincitore della Challenge “Open Data Politiche Sociali e Giovanili” di Regione Lazio, oltre ai buoni Amazon, verrà data la possibilità di usufruire dei servizi di supporto per lo sviluppo dell’applicazione realizzata, erogati dagli Spazio Attivo e dai FabLab regionali.
CHALLENGE PROMOSSA DA MUSEO DI CAPODIMONTE
Tech Museum
Il Museo di Capodimonte apre le porte alla programmazione e alla tecnologiaLiberate la vostra creatività e mettete in pratica le vostre competenze per proporre soluzioni innovative che possano secondo voi migliorare l’esperienza dei numerosi visitatori che quotidianamente frequentano il museo. La sfida è aperta in ogni ambito: potete concentrarvi sulle oltre 47.000 opere presenti o, se preferite, sui poetici giardini che lo circondano. Anche il sito ufficiale può essere un ottimo campo di battaglia, se riuscirete a capire come renderlo più smart e più in linea con le esigenze di chi lo consulta. I limiti, dunque, sono solo quelli della vostra fantasia. Pronti? Per realizzare i progetti vi verranno messe a disposizione delle schede di sviluppo STMicroelectronics ideali per la prototipazione rapida.
CHALLENGE PROMOSSA DA ASOS
Virtual Wardrobe
La sfida proposta da ASOS è sviluppare una funzionalità per iOS o Android che permetta all’utente di creare i propri outfit e salvarli all’interno di un guardaroba virtuale. Per la realizzazione del progetto verranno messe a disposizione le API di Search e Product Details di ASOS, le stesse usate dalle shopping apps e dal sito di ASOS.Da questo punto di partenza, potete poi dare sfogo alla vostra creatività per creare possibili evoluzioni della feature e renderla facile e coinvolgente, come ad esempio la gestione di sondaggi per far votare un outfit agli amici o magari chiedere loro quale prodotto preferiscono tra quelli salvati nel guardaroba virtuale dell’utente o altre idee per creare punti di contatto nella community di più di 10 milioni di utenti che usano regolarmente le shopping apps di ASOS.
CHALLENGE PROMOSSA DA CISCO
Interagire con le nostre città
Cisco lancia una sfida per Creare un effetto WOW nell’esperienza digitale di cittadini e turisti mettendo a disposizione dei partecipanti della hacknight le proprie piattaforme di interazione tra persone e cose.
Con la piattaforma CiscoSpark potrete sviluppare delle interfacce conversazionali verso I dati e le facilities della citta’ in modo da sviluppare dei nuovi servizi ma sopratutto delle nuove esperienze di interazione con il nostro patrimonio urbanistico e culturale. Quale miglior luogo di un museo in una meravigliosa metropoli della cultura e della scienza per poter liberare la creatività grazie a piattaforme digitali potenti ma semplici da usare.
CHALLENGE PROMOSSA DA SORESA
Electronic Layer Soresa Assistant (E.L.S.A.) – Intelligenza Artificiale e ChatBot
Soresa vi invita a sviluppare un sistema di Intelligenza Artificiale che permetta all’utente di accedere alle informazioni di proprio interesse, presenti sul portale web di Soresa, in maniera immediata e rapida.L’applicazione (E.L.S.A.) che andrà sviluppata dovrà comportarsi come un vero e proprio “assistente personale virtuale” e dovrà essere in grado di interagire con l’utente tramite una chat di un servizio di instant messaging oppure per il tramite di un’app per Android™ e Ios™ sviluppata ad hoc.
Alla luce delle differenti categorie di soggetti che si interfacciano con Soresa, sarebbe auspicale la previsione di diversi “profili utente”, quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, operatori economici privati, aziende del sistema sanitario regionale, pubbliche amministrazioni, stakeholder generici, a seconda delle necessità informative di ciascuno.Le notizie da veicolare tramite E.L.S.A. sono tutte pubblicate sul sito web www.soresa.it e possono riguardare, in particolar modo, dati inerenti le gare d’appalto (indizione, aggiudicazione etc.), di particolare interesse per gli operatori economici, e dati riguardanti l’attivazione di Convenzioni nonché di Accordi Quadro, di particolare interesse, invece, per le aziende sanitarie e le pubbliche amministrazioni che ricorrono a Soresa in qualità di Centrale di Committenza.
CHALLENGE PROMOSSA DA STMICROELECTRONICS
Smart Art
STMicroelectronics offre la possibilità ai partecipanti dell’hackathon di usare le loro innovative schede di sviluppo per affrontare un’avvincente sfida, quella di trovare soluzioni tech per migliorare, esaltare, rendere unica l’esperienza della visita alle bellezze artistiche e architettoniche di una città che fa di questi aspetti uno dei suoi punti di forza. Napoli è senza dubbio lo scenario ideale per sviluppare idee, progetti e tecnologie volti a rendere la fruizione dell’arte più smart e innovativa per i turisti di oggi e di domani.
CHALLENGE PROMOSSA DA TECNO
Mobilità elettrica al servizio del turista
Tecno, società di consulenza nel settore dell’efficienza energetica, vi propone una sfida in linea con la sua attività e con la sua mission sociale, volta alla promozione e alla valorizzazione della cultura.
Lo scopo della challenge “Mobilità elettrica al servizio del turista”, infatti, è quello di realizzare una app che permetta ai visitatori di accedere ai principali punti di interesse turistico della Campania mediante l’utilizzo di un’auto elettrica. In vista di uno sviluppo di nuove flotte presso i principali hub cittadini (stazione centrale, stazione marittima, aeroporto), la app consentirà all’utente di verificare in tempo reale la disponibilità del veicolo rispetto alle proprie esigenze di viaggio e di prenotare l’auto interfacciandosi con i sistemi e le flotte in via di attivazione in città e con quelle che saranno certamente attivate nel prossimo futuro.
Oltre ad includere le attività di monitoraggio del car sharing, lo sviluppo ideale della app prevede la presenza di dati sul risparmio di emissioni nocive rispetto ad una automobile a carburante e informazioni sulla tipologia di guida del conducente, allo scopo di indurlo a tenere un comportamento virtuoso. Come ulteriore stimolo, l’utente può essere premiato con buoni sconto o servizi aggiuntivi.
Efficienza, mobilità, sostenibilità, risparmio sui consumi energetici si uniscono dunque allo spirito di accoglienza che da sempre caratterizza la Regione Campania e i suoi abitanti.
Per ulteriori informazioni e per consultare il regolamento: http://hacknight.makerfairerome.eu/it/
#HackNight@Museum – The Big Hack è un format registrato da Innova Camera, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma che organizza la “Maker Faire Rome – The European Edition 4.0”.
ufficio stampa Museo e Real Bosco di Capodimonte
Luisa Maradei – 333.5903471 – luisamaradei@gmail.com giornalista associata arga campania


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.