Sperimentazioni sui conigli: 18mila esemplari da salvare
Articolo scritto da AmbienteQuotidiano in Ecosistema 24 novembre 2014 tweetinShare.0
La Coalizione Europea contro la sperimentazione animale – ECEAE, rappresentata in Italia dalla LAV, impegnata da sempre a livello comunitario per cambiare le obsolete leggi che vincolano il ricorso ad animali , annuncia che finalmente la Commissione UE si è impegnata a superare i test su conigli per irritazione oculare e dermica richiesti dal REACH (Normativa per le sostanze chimiche) sostituendoli con metodi alternativi a base di epidermide umana ricostruita, dimostratasi attendibile, etica e rapida.
Nonostante, vari metodi alternativi fossero già stati validati tra il 1998 e il 2009, ancora oggi si utilizzano conigli vivi in cui la sostanza potenzialmente irritante viene cosparsa sulla pelle privata del pelo o nell’occhio, una pratica raccapricciante che ricorda immagini di oltre 50 anni fa che sono, purtroppo, ancora attuali.
La coalizione ha stimato che in questi 5 anni, da quando è stato definitivamente approvato il metodo sostitutivo, sono stati sottoposti a queste agonie e uccisi 10.500 conigli.
Ora, grazie alle pressioni esercitate dall’ECEAE potremmo salvarne 18.000: un passo in avanti importante nella storia dei diritti degli animali e di una ricerca libera dalla vivisezione. La strada però è ancora lunga, contro le numerose leggi che richiedono ancora test su animali.
da: Ambiente Quotidiano [newsletter@ambientequotidiano.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *