SCALA(SA)INCONTRA NEW YORK.
Col Memorial Day e lo spettacolo “11 settembre – Un canto di Pace”
a Scala l’ultimo atto del ricordo dell’apocalisse delle Twin Towers

Giovedì,10 settembre dinanzi alle telecamere della Rai, si chiude la rassegna Scala Incontra New York.
All’evento, presentato da Massimo Gilletti, partecipano Peppino Di Capri, Amedeo Minghi,Rosalia Misseri e gli Zero Assoluto
Si chiude giovedì 10 settembre l’ottava edizione della rassegna Scala Incontra New York, organizzata dall’Associazione Scala nel Mondo col sostegno della Regione Campania, della Provincia di Salerno e del Comune di Scala.
Dopo lo straordinario concerto evento di mercoledì scorso con Andrea Bocelli (due delle più belle canzoni del maestro verranno riproposte nel corso della giornata conclusiva) a Scala si rinnova l’appuntamento con il ricordo dell’apocalisse dell’11 settembre attraverso riflessioni e musica.
Nel corso dell’evento conclusivo, anticipato a giovedì 10 per esigenze televisive (la Rai registrerà l’appuntamento conclusivo, condotto da Massimo Giletti, per poi trasmetterlo in differita il giorno successivo alle ore 15,45 sulla prima rete), si alterneranno le testimonianze dei giornalisti Roberto Olla, Giulio Borrelli e Gerardo Greco, questi ultimi due rispettivamente corrispondenti da New York di Tg1 e Tg2, e dello storico Franco Cardini.
Tra i ricordi, anche quelli delle persone miracolosamente scampate all’attentato tra cui mister Sullivan, che offrirà la propria testimonianza come elemento di riflessione.
Nel parterre riservato alle autorità il Ministro Andrea Ronchi, diplomatici in rappresentanza delle ambasciate statunitense e italiana, nonché personalità politiche, religiose, civili e militari.
Sul palco, per lo spettacolo “11 settembre – Un canto di Pace”, che seguirà il Memorial Day (verrà deposta una corona di fiori dinanzi al “Resurrection day”, il primo monumento d’Italia dedicato alle vittime dell’11 settembre e raffigurante il dramma delle Torri Gemelle, realizzato nel 2002 da Silvio Amelio e collocato in Piazza Municipio) si alterneranno gli Zero Assoluto, Peppino Di Capri, Amedeo Minghi, Rosalia Misseri, mentre i tempi saranno scanditi dalla conduzione di Massimo Giletti.
La serata conclusiva, registrata dalla Rai andrà in onda l’11 settembre su RaiUno alle 15.45 orario in cui, 9 anni fa, il primo aereo si schiantò contro le torri gemelle. Nel corso dell’evento verrà riproposta una parte del concerto “Notte Stellata” che Andrea Bocelli, il 2 settembre scorso, ha dedicato alle vittime delle Twin Towers.
La registrazione dell’evento conclusivo avrà inizio alle ore 15,45, pertanto si invitano i colleghi giornalisti a raggiungere Scala entro e non oltre l’orario fissato per l’inizio della manifestazione
—————————————-
Scala celebra l’opera missionaria
—————————————
di Fra Gerardo Sasso fondatore in Oriente del primo ospedale xenodochio
Il 3 venerdì, il tributo al Figlio più illustre della città
Nell’ambito della rassegna Scala Incontra New York
Nel nome della pace e di quell’opera missionaria condotta circa mille anni fa in Oriente, Scala celebra la venerabile figura di fra Gerardo Sasso al quale sarà dedicato una statua di bronzo all’ingresso del paese più antico della Costiera Amalfitana.
Il 3 settembre, con inizio alle ore 19, la cittadina, dove nel 2002 rientrarono sotto forma di reliquia parte delle spoglie del frate
“mecenate”, celebrerà il suo tributo all’opera di frate «Geraldus» originario di Scala dove dimorava la nobile famiglia dei «De Saxo».
Le origini e la figura del frate «mecenate», a cui la storia attribuisce la gestione dell’ospedale-xenodochio, edificato dagli amalfitani intorno all’XI secolo a pochi passi dal Santo Sepolcro, è stata al centro di una lunga contesa tra amalfitani e provenzali soprattutto per il ruolo nella fondazione dell’ordine dei Cavalieri di San Giovanni.
L’iniziativa organizzata dal Comune di Scala, ed a cui prenderanno parte personalità religiose, politiche militari e civili, si inquadra in due momenti: quello di carattere locale e quello internazionale.
Il primo aspetto punta al recupero di una identità storica fondata sulla valorizzazione della figura di Fra Gerardo Sasso, nobile scalese che fondò il più grande ospedale del Mediterraneo che, nel 1118, anno della sua morte, disponeva di ben duemila posti letti per la cura di ebrei e musulmani, cattolici ed ortodossi, senza alcuna discriminazione religiosa.
Per questo il Comune, in collaborazione col Sovrano Ordine, ha fatto erigere una statua di bronzo collocata sul viale dei Cavalieri di Malta, all’ingresso del centro abitato di Scala, e che verrà scoperta nel corso della cerimonia in programma domani. Del peso di 530 kg e dell’altezza di 2,30 metri la statua è posta al centro di una croce ottagona – o “irsuta d’otto punte”, per dirla alla D’Annunzio – in una particolare posizione che tiene conto del sorgere del sole quando i primi raggi illuminano proprio il volto del Beato Gerardo mentre dell’acqua corrente scorre al di sotto della base, simbolo di purezza e carità.
L’opera, realizzata dal maestro Ennio Tesei, decano della classe degli scultori della pontificia accademia di belle arti e lettere, è stata fusa a Verona. Questa di fra Gerardo Sasso è l’ultima opera del grande maestro figurativo scomparso solo pochi mesi fa. La benedizione dell’opera sarà impartita da S.E. Mons. Orazio Soricelli, Arcivescovo della diocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni insieme all’archimandrita, frate Johannes della chiesa greco-cattolica di Ucraina.
A presenziare la manifestazione saranno il principe Sforza Ruspoli, che nel 2002 in maniera quasi fortuita riuscì a mettere le mani sulle reliquie di frate «Geraldus», custodite a Malta nel Monastero Gerosolimitano di Sant’Ursola, insieme col marchese Giovanni de Centelles, il quale donò alla città di Scala un’urna in argento e oro che custodisce i resti sacri del Beato.
Tra le presenze illustri, l’industriale Silvano Pedrollo, ambasciatori del Sovrano Ordine Militare di Malta a La Valletta, il quale ha spesso sottolineato come il gemellaggio tra Scala e La Valletta costituisca una parte importante del recupero della memoria del mediterraneo, il marchese De Centelles, promotore dell’iniziativa e tra i frequentatori più assidui della città di Scala, il costruttore romano Roberto Mezzaroma e il barone Santagata.
DA: Scala Incontra New York
—————————————
BOCELLI IL 31 INCONTRA I GIORNALISTI
—————————————
PER PRESENTARE IL CONCERTO DEL 2 SETTEMBRE.
A Scala incontra New York “il Festival del Limone”
Il 1° settembre, omaggio allo sfusato amalfitano
Dalle 21,30 sarà “notte gialla” con artisti da strada e piatti della tradizione
Sarà festa dell’oro giallo, mercoledì 1 settembre, a Scala. Si celebra lo sfusato amalfitano, il limone tipico della Costiera Amalfitana coltivato nei limoneti digradanti verso il mere. Un presidio contro il dissesto idogeologico i terrazzamenzi scavati lungo i fianchi dei lattari e per i quali da tempo è partita una campagna di sensibilizzazione per evitarne l’abbandono.
La “bella e impossibile” Costiera, raccontata in un romanzo da Flavia Amabile che attraverso la prosa ha denunciato poroprio l’abbandono dei terrazzamnti che a lungo andare rappresentano la morte per una delle zone patrimonio mondiale dell’umanità, si risveglia grazie alla kermesse di Scvala incontra New York per tornare a promuovere uno dei suoi più importanti prodotti tipici.
Organizzato in collaborazione con il consorzio di tutela del Limone Igp Costa d’Amalfi e il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, l’evento punta a valorizzare la produzione del limone della Costiera Amalfitana, terrra, che da sempre, rappresenta nell’immaginario collettivo uno dei simboli della“mediterraneità”, per i suoi paesaggi unici, che uniscono l’asprezza dei monti alla discesa verso ilmare.
“Quella del limone, e dell’enogastronomia ad esso legato in generale, è un’area di vasto interesse diffuso che attrae la curiosità e richiama l’attenzione dell’opinione pubblica e del panorama mediatico, anche sul fronte internazionale, attivando l’intervento della filiera produzione-distribuzione-commercio fino al consumo finale”, spiegano dal consorzio Costa d’Amalfi.
Di qui, l’idea di creare un segmento nel corso della rassegna tra le più importanti della Costiera per promuovere una valorizzazione dei prodotti locali, in particolare agevolando, mediante un’azione collettiva, l’accesso ai mercati per le piccole infrastrutture produttive. L’appuntamento è per le 21,30 in Via Vescovado dove verranno allestitio stand per la degustazione di tipicità e di piatti della tradizione.il tutto allietato da musica popolare e da artisti di strada.
Organizzazione:
Associazione Scala nel Mondo, Piazzetta delle Camelie, 3 – 84010 Scala (SA)
www.scalanelmondo.org – info@scalanelmondo.org—Tel. 339.5891655
Ufficio Stampa: 338.6979019
—————————–
30 agosto 2010
—————————–
La Costa d’Amalfi attende Bocelli
Il maestro giungerà a Scala venerdì 27 agosto
Martedì 31, incontro con i giornalisti
nella chiesa paleocristiana di Minuta
Attesi al concerto gli ambasciatori degli Stati Uniti, il cardinale Sepe e il presidente della Regione, Caldoro
Entra nel vivo l’annuale manifestazione Scala incontra New York che da otto anni, attraverso una serie di eventi, celebra i valori della pace nel ricordo della catastrofe dell’11 settembre. Grande fermento nella cittadina costiera in vista dell’appuntamento clou della kermesse: il concerto di Andrea Bocelli in programma a Scala il 2 settembre. Il grande artista toscano si esibirà per la prima volta in provincia di Salerno accompagnato dai maestri Carlo e Enrico Bernini (rispettivamente al pianoforte e al violino) e dal soprano Paola Sanguinetti. “La presenza del maestro nel cuore della Costa d’Amalfi, comune più antico del comprensorio, rende l’intera manifestazione un vero e proprio evento” afferma con soddisfazione Ivana Bottone presidente di Scala nel Mondo, l’associazione organizzatrice dell’evento. Scala, in attesa del grande appuntamento di giovedì prossimo, è un paese in fibrillazione. Soprattutto per la grande attenzione che i media riserveranno al concerto. Infatti, in Costiera, sono attesi decine di giornalisti provenienti da ogni parte d’Europa nonché le principali emittenti statunitensi (*). Dinanzi a taccuini e telecamere Bocelli terrà proprio a Scala la sua conferenza stampa di presentazione del concerto. Teatro dell’appuntamento in cui la stampa internazionale avrà la possibilità di interloquire con il maestro sarà la chiesa paleocristiana di Minuta dove martedì 31 agosto (ore 19.00) si svolgerà l’atteso incontro con i giornalisti. Oltre all’imponente servizio d’ordine previsto per la serata del 2 settembre, (l’accesso sarà libero in alcune aree della piazza dove si potrà assistere in piedi all’evento) a Scala giungeranno centinaia di autorità ecclesiastiche, politiche, civili e militari.
Un parterre ristrettissimo di ospiti, tra i quali il cardinale Crescenzio Sepe e il presidente della Regione, Stefano Caldoro. A Scala sono inoltre attesi gli ambasciatori degli Stati Uniti e alcune delle più alte cariche dello Stato. Andrea Bocelli, che per la prima volta in assoluto canterà in una piazza della Campania a sud di Napoli, giungerà a Scala la mattina (ore 11) di venerdì 27 agosto e qui vi rimarrà per una settimana ospite presso una residenza privata.
Bocelli giungerà in elicottero presso il campo sportivo comunale di Scala accompagnato dalla moglie e dai due figli e soggiornerà a Scala fino al 3 settembre.
“Scala è un cantiere aperto – avverte il sindaco Luigi Mansi – stiamo lavorando alacremente con l’intera amministrazione, in sinergia con Provincia e Regione, per consentire che tutto sia a posto in occasione del concerto di Bocelli. La città di Scala è orgogliosa di ospitare il maestro insieme alla sua famiglia. Il paese e l’intera Costa d’Amalfi stanno rispondendo con entusiasmo. E’ una grande soddisfazione per me sentire il paragone della visita di Bocelli a Scala con quella di Jacqueline Kennedy a Ravello. In tutti noi vi è la consapevolezza di vivere un momento storico”.
(*) Per le richieste di accredito alla conferenza stampa del 31 agosto e al concerto del 2 settembre comunicare, entro e non oltre il 30 agosto, i dati personali al seguente indirizzo mail: scalaincontranewyork@gmail.com
———————————-
A SCALA TORNANO GL INCONTRI
———————————-
Dall’ 11 agosto, ritorna “Scala incontra New York”
Il Ministro Renato Brunetta inaugura l’ottava edizione
Giulio Borrelli, corrispondente Rai da New York, presenta il suo ultimo libro e a seguire concerto in piazza di Ron
Ritorna nel segno della Luce il consueto appuntamento con “Scala Incontra New York” che da domani 11 agosto e fino all’11 settembre animerà il più antico comune della Costa d’Amalfi.
L’apertura della rassegna è affidata al Ministro Renato Brunetta che taglierà idealmente il nastrodi di questa ottava edizione.
Poi, Giulio Borrelli, corrispondente Rai da New York, presenterà la sua ultima fatica editoriale dal titolo “Le mani sul Tg1 – Da Vespa a Minzolini, l’ammiraglia Rai in guerra” (piazza Municipio ore 21).
Il volume ripercorre gli ultimi vent’anni del più importante telegiornale italiano, una vera
“inside story” di quanto avviene nelle sue stanze e nei suoi corridoi.
Alle 21,30 spazio alla musica, con il concerto acustico di Ron, uno tra i migliori cantautori del panorama nazionale.
Per il concerto, con ingresso gratuito, il cantante lombardo, nell’unica data in Costa d’Amalfi del suo tour acustico, riproporrà i brani che gli hanno regalato il successo in quarant’anni di carriera.
“Una città per cantare”, “E non abbiam bisogno di parole”, “Joe temerario”,
“Vorrei incontrarti fra cent’anni”,
“Sei volata via”, sono solo alcuni dei brani che Ron proporrà in versione unplugged per un evento che si preannuncia a dir poco emozionante.
“Scala Incontra New York”, che gode del sostegno della Regione Campania, della Provincia di Salerno e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, vuole rafforzare di anno in anno quei valori di pace e di solidarietà.
La kermesse proseguirà venerdì 13 agosto presso la Chiesa di Minuta con la mostra multimediale “Immaginare l’antico” curata da Marco Capasso (dalle 18 alle 22).
Un viaggio nel restauro, nella ricostruzione virtuale e nel recupero della basilica di Sant’Eustachio a Minuta, risultato di un lavoro di ricerca effettuato di concerto con l’Università di Napoli “Federico II”. Alle 21, presso l’Aula Consiliare, l’inaugurazione della mostra “Buon giorno Scala.
Vedute di luci ritrovate”, riproduzione dei disegni e degli schizzi di Carl Blechen, che nell’ottocento immortalò diversi paesaggi e stradine della Cttà del castagno. L’allestimento consentirà di confrontare il paesaggio di oltre due secoli fa con quello attuale. Con una sorpresa: il tempo pare essersi fermato.
Sempre venerdì alle 21.30, a largo Monastero, presentazione del libro “Good Morning America” di Gerardo Greco, viaggio negli Stati Uniti del nuovo Presidente e di una nuova recessione, che racconta un paese al di là degli stereotipi, mettendone in luce le contraddizioni, e mostrando parallelismi con lo scenario italiano.
Fiore all’occhiello del palinsesto 2010 è senza dubbio il concerto di Andrea Bocelli (2 settembre), per la prima volta in Costiera Amalfitana. L’11 settembre, nel giorno del ricordo, si terrà la solenne commemorazione “Un canto di pace”, condotta da Massimo Giletti, che vedrà sul palco autorità politiche, ambasciatori, testimonianze di sopravvissuti e gli artisti Peppino di Capri, Irene Fornaciari, Max Gazzè e Rosalia Misseri, che terranno un concerto in memoria delle vittime dell’attentato alle Twin Tower. Quest’ultimo evento si terrà il 10 settembre e mandato in onda su Rai Uno il giorno 11.

INFO
Organizzazione:
Associazione Scala nel Mondo, Piazzetta delle Camelie, 3 – 84010 Scala (SA)

www.scalanelmondo.org – info@scalanelmondo.org
Tel. 339.5891655
Ufficio Stampa: 328.5493139
Scala Incontra New York scalaincontranewyork@gmail.com
>——————————-
SCALA INCONTRA NEW YORK,
——————————-
VIII EDIZIONE LUNEDI’ CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE IN SALA GIUNTA
Lunedì 2 agosto, con inizio alle ore 11,30 presso la sala Giunta di palazzo S. Lucia si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’ottava edizione di “Scala incontra New York”.
Prenderanno parte ai lavori l’assessore regionale Giovanni Romano, il presidente dell’associazione “Scala nel mondo” Ivana Bottone, il sindaco di Scala Luigi Mansi e il presidente della Fondazione Italia – Usa Rocco Girlanda.
La manifestazione è dedicata alla memoria dell’11 settembre 2001.
Il tema scelto quest’anno è “La Luce”: da un mondo di odio e di tenebre ad un mondo di pace.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 31 LUGLIO 2010


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.