ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE
“SEBASTIANO GUIDI”
GUARDIA SANFRAMONDI (BENEVENTO)
Guardia Sanframondi, 28 aprile 2006
GUARDIA SANFRAMONDI (BN): UN CONVEGNO SU “BULLISMO E PREVENZIONE” NELLA “GIORNATA DELLA LEGALITA'” DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “SEBASTIANO GUIDI”
La sala conferenze del castello medievale ha ospitato il convegno su “Bullismo e Prevenzione: Ruolo della famiglia, della scuola e delle istituzioni”, promosso dall’Istituto Comprensivo Statale “Sebastiano Guidi” nell’ambito della “Giornata della Legalità”.
All’incontro, presieduto da Antonio Giordano (Dirigente Scolastico I.C.S. “S. Guidi”), hanno partecipano: Silvio Falato (Referente Legalità I.C.S. Guidi”), Teresa Foschini (Avvocato AIGA), Simonetta Rotili (ANM Benevento), Flavio Cusani (ANM Benevento), Angelo Fasulo (Sindaco di San Lorenzo Maggiore), Pasquale Di Stadio (Comandante Polizia Municipale di Guardia Sanframondi) e Giovanni De Blasio (Assessore alla Cultura del Comune di Guardia Sanframondi).
Nell’introdurre il dibattito il Dirigente Scolastico Antonio Giordano ha sottolineato “che la scuola è il luogo privilegiato per interventi a carattere preventivo e di sviluppo del benessere” e spiegato i motivi della scelta del bullismo quale argomento sul quale puntare i fari nella “Giornata della legalità”; mentre, Silvio Falato nell’elencare le finalità del progetto, ha rilevato che “il bullismo è un fenomeno dilagante e che, pur non riguardando nello specifico gli alunni della nostra scuola, non bisogna mai abbassare la guardia soprattutto in considerazione della loro età”.
Teresa Foschini, invece, nell’individuare chi è il bullo ed i suoi comportamenti (spesso alla ricerca di sensazioni forti), ne ha anche analizzato le forme ed i danni che di solito provoca ed esortato a “diffondere la cultura dei valori democratici e delle regole del vivere civile”.
Sulla validità del tema e le problematiche annesse si è soffermata Simonetta Rotili, che ha anche evidenziato “l’importanza del confronto sulla legalità poiché valore che appartiene a tutta la comunità”; mentre, sul bullismo ha messo in risalto “il fondamentale contributo della famiglia e della scuola, nonché l’importanza del dialogo verso i soggetti a rischio”. “Non sottovalutiamo – ha aggiunto – che i ragazzi soffrono anche perché non sempre i genitori e le istituzioni riescono a trasmettere modelli positivi”.
Flavio Cusani, inoltre, nel ribadire che “Guardia Sanframondi ed il suo territorio per fortuna non presenta esempi di bullismo come le periferie delle grandi città”, ha spiegato “che quasi sempre il bullo è un disadattato” ed invitato “a trasmettere ai giovani dei valori, la voglia di affermare le proprie idee e, soprattutto, di reagire alle situazioni penalizzanti”.
Dell’importanza del dialogo con i protagonisti di tali fenomeni ne ha discusso Angelo Fasulo che, tra l’altro, ha anche sottolineato gli effetti negativi quali il vandalismo; mentre, Pasquale Di Stadio ha affermato che “la scuola, la famiglia e le istituzioni devono fare fronte unico nel far comprendere la necessità del rispetto delle regole”.
E sulla stessa lunghezza d’onda si è collegato Giovanni De Blasio che ha rilevato “lo scontro di cultura fra chi vuole seguire le regole e chi non intende seguirle, evidenziando così una voglia di protagonismo in negativo”.
I diversi interventi sono stati scanditi dalle riflessioni degli alunni che hanno riguardato la cultura della legalità, gli aspetti del bullismo e gli atteggiamenti dei genitori tesi a scongiurare il fenomeno.
ufficio stampa: Istituto Comprensivo Statale “Sebastiano Guidi”
Sandro Tacinelli
Guardia Sanframondi (Benevento) – tel.0824864016 – mob. 3392073143


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.