PARTONO DA SALERNO LE RIFORME SUL DIRITTO DI FAMIGLIA
di Anfrea Gambardella

Una collana giuridica di rilievo nazionale eleva la nostra città a capitale degli studi giusfamilistici.
Avvocati, psicologi e giovani professionisti hanno affollato la libreria Guida di Salerno in occasione della presentazione della nuova collana “Biblioteca del diritto di Famiglia” diretta dal dott. Bruno De Filippis, giudice presidente di sezione presso il Tribunale di Salerno e di recente a capo dei Gip.
All’appuntamento organizzato dal Centro Studi Teodora, presieduto dall’ avvocato Gianfranco Casaburi erano presenti anche l’avvocato Americo Montera, presidente del Consiglio dell’ Ordine forense e la professoressa Virginia Zambrano ed i volumi sono stati presentati dall’avvocato Paola Mazzei.
L’opera, edita dalla Cedam e diretta dal dott. De Filippis – tra gli artefici della legge 54/2006 sull’affidamento condiviso dei figli – si inserisce in un contesto attuale in cui le forme di vita familiare hanno subito un profondo cambiamento. Nuzialità in rapido declino, considerevole aumento dei casi di divorzio, calo rapido e consistente del tasso di natalità, comparsa di forme di vita familiare fuori dal matrimonio ed aumento delle nascite fuori da esso, ed ancora, proporzione crescente delle famiglie monoparentali e sensibile riduzione della misura media dei nuclei familiari. Sicché il diritto di famiglia viene a rappresentare attualmente la parte più dinamica e mutevole dell’ordinamento giuridico. Così, per effetto di questa sua natura “vivente” ed in qualche modo internormativa, appare oggi come un sistema sensibile all’attrazione di eterogenei quadri di riferimento prescrittivi (la morale, la religione, il costume) che, nell’attuale contesto sociale, producono linee di convivenza ispirate alla mediazione ed a frequenti riadattamenti. Da qui prende spunto questa nuova collana giuridica, solidamente strutturata sulle componenti professionali e sulla collaborazione di numerosi autori provenienti da ogni parte d’ Italia. Fra essi, i dottori Anna Lisa Buonadonna , Renato De Filippis, Giuseppe Di Marco, Luciana Iosca , Angela Linda Lettieri, Simona Lupo , Manlio Merolla , Vincenzo Starita e Virginia Zambrano.
Si tratta di un evento unico per la città di Salerno, che da tempo si è proposta come centro vitale per lo studio e la riforma del diritto di famiglia. Leggi come quella sull’affidamento condiviso dei minori nella separazione e nel divorzio, hanno preso corpo da iniziative e studi svolti in questa città o si sono valse della collaborazione scientifica di autori salernitani.
In quest’opera composta di otto volumi di cui già tre pubblicati, sono state esaminate anche le interconnessioni tra la sfera penale e civile e la possibilità che alcuni eventi (come i maltrattamenti o il mobbing familiare) abbiano rilevanza autonoma in ciascuna di esse. Vengono inoltre analizzati gli aspetti di maggiore interesse legati a questa materia, quali l’addebito, visto in connessione agli istituti della separazione e del divorzio ed i risvolti penali e processuali. Ogni volume si apre con un’ introduzione a firma del dott. Bruno De Filippis, seguita da una prefazione, diversa e specifica per ogni testo. Tutti i volumi sono accompagnati da un cd-rom contenente una selezione di sentenze. Ne risulta un viatico di facile consultazione e di immediato collegamento con la prassi, volto a far fronte alle esigenze dell’operatore concreto. Dal mondo giuridico, una ragione di vanto cittadino.
Da: Andrea Gambardella
[andreagambardella@gmail.com]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.