BIO-MEDIA-ETICA. Un’intera giornata di studio sul tema delle cure palliative e dell’eutanasia: venerdì 8 giugno 2007 si discute di “BIO-MEDIA-ETICA. Dal caso Welby in poi: quale comunicazione?”.
L’evento si svolge nell’Aula D’Antona della Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, a S. Maria Capua Vetere (CE), ed è rivolto a esponenti del mondo sanitario e giuridico, filosofico e giornalistico; a rappresentanti di Associazioni ed Enti di volontariato, e a chiunque sia interessato a queste tematiche (si rilascia, a richiesta, un attestato di partecipazione).
L’iniziativa è promossa dalla Commissione scientifica di Terra di Lavoro “Pier delle Vigne” dell’Istituto italiano di bioetica-Campania e dalla Consulta regionale per la bioetica in cure palliative, costituitasi un mese fa per la prima volta in Italia in seno alla sede regionale campana della Società italiana di Cure Palliative.
Il programma prevede, a partire dalle ore 15.30, i saluti di benvenuto di
– Lorenzo Chieffi, preside Facoltà Giurisprudenza SUN;
– Gianluigi Zeppetella, presidente Consulta Regionale Campana di Bioetica per le Cure Palliative,
– di M. Antonietta La Torre, presidente Istituto Italiano di Bioetica sez. Campania.

“Chi è il malato terminale e cosa sono le cure palliative” è il titolo dell’intervento di G. Zeppetella, che apre la prima sessione di lavori.
Segue Pasquale Giustiniani con “Problemi etici di fine vita”
e Adelchi d’Ippolito con “Sedazione palliativa vs suicidio assistito”.

La seconda sessione, moderata da Raffaele Prodromo, prevede gli interventi di:
– Lorenzo De Caprio su “La morte in medicina”,
– Mary Attento su “Da Welby in poi: la comunicazione in bioetica e cure palliative”,
– di L. Chieffi su “La bioetica e le false comunicazioni sociali”.

Seguono la discussione e le conclusioni della Giornata di studio, che ha l’obiettivo di riflettere sul caso di Piergiorgio Welby, molto ‘frequentato’ da parte dei mass-media soprattutto a seguito della lettera e relativa risposta da parte del Presidente della Repubblica Italiana, ma poi progressivamente ‘oscurato’ nei mezzi d’informazione.

Intanto restano aperti tutti gli interrogativi di ordine etico, giuridico, medico, scientifico e bioetico relativamente ai profili dell’uscita consapevole e dignitosa dalla vita, delle patologie cosiddette ‘terminali’, delle cure palliative e della sedazione palliativa/terminale ai suoi vari livelli (fino alla sedazione ‘severa’), della disponibilità o indisponibilità della vita umana quando è al suo termine.

Per ulteriori informazioni, interviste, invio di materiale fotografico è possibile contattare l’Ufficio Stampa, telefonando o inviando una mail ai recapiti sottostanti.

INFO:
http://www.terapiadolorecaserta.it – http://www.dolorecaserta.doloredoc.it/home
tel. 0823.232075-76-74 terapiadolore@ospedale.caserta.it, rosyvitaly63@msn.com, gzeppetella@alice.it 338.4570281
Comunicazione e Ufficio stampa: dott.ssa Mary Attento 340.7676184 m.atten@tin.it

da: Mary Attento [m.atten@tin.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.