S.Arpino(Ce). Sagra del Casatiello XVIII edizione
(28 – 30 maggio)

IL SAGGIO
Saggio finale della scuola dell’infanzia “G. Carducci” di Orta di Atella con lo spettacolo
“Favolando … con Pinocchio”
Studio, gioco, confronto, conoscenza. Questi in sintesi gli obiettivi del percorso didattico compiuto durante l’intero anno scolastico da docenti e allievi della Scuola dell’Infanzia “G. Carducci” di Orta di Atella. Un percorso di grande coinvolgimento che si appresta a compiere le battute finali in grande stile con lo spettacolo “Favolando…. con Pinocchio”. L’opera teatrale, che sarà messa in scena nella piacevole cornice del giardino della scuola dell’infanzia atellana domani alle 17, con luci, colori, musica e giochi proietterà all’esterno un lavoro paziente portato avanti con tenacia e abnegazione dal corpo docente. Un lavoro non facile così come cercheranno di dimostrare i pannelli della mostra a corredo dello spettacolo su cui sarà appunto documentato con foto e materiali vari il percorso didattico compiuto in “compagnia” di Pinocchio”.

LA SAGRA
Parte la XVIII edizione della Sagra del Casatiello da Venerdì 28 maggio a Domenica 30 Maggio.
Piazza Umberto I – Sant’Arpino (Ce).

Tutto pronto per la diciottesima edizione della Sagra del Casatiello, il tradizionale appuntamento di metà primavera che celebra la cultura enogastronomica, artigianale e folkloristica atellana.
Come sempre è ricchissimo il programma preparato dalla Pro Loco di Sant’Arpino per la tre giorni che prenderà il via nel tardo pomeriggio di venerdì 28 maggio per concludersi domenica notte.
Teatro e cuore pulsante della manifestazione sarà come da tradizione consolidata la seicentesca Piazza Umberto I e l’intero centro storico santarpinese, dove oltre agli stands dei quattro panificatori che quest’anno faranno degustare il rustico tipico della cucina atellana, ci saranno i gazebo degli artigiani e dei produttori locali che, come sempre, faranno della sagra un mix delle eccellenze artigianali della zona.
Ed è stato il Presidente della Pro Loco, Aldo Pezzella, ad illustrare il ricchissimo programma che, seguendo il foriero filone inaugurato negli ultimi anni, unirà l’enogastronomia con l’educazione sanitaria, la solidarietà e l’arte.
“Anche quest’edizione 2010 della Sagra del Casatiello – illustra il Presidente Pezzella – si pone l’ambizioso obiettivo di fare per un intero fine settimana di Sant’Arpino il centro per antonomasia della cultura popolare campana.
Infatti, oltre a degustare la specialità della nostra cucina contadina, quel casatiello che ancora oggi è il rustico preferito di ogni generazione, offriremo a quanti parteciperanno alla sagra la possibilità di visitare mostre di pittura e scultura, di assistere a spettacoli folkloristici, a tammurriate, a canti contadini, a balli di gruppo e così via.
Senza dimenticare l’enorme offerta di prodotti dei migliori artigiani della zona.
Come già accaduto l’anno scorso, tuttavia, non ci limiteremo all’aspetto ludico, ma nella mattinata di domenica terremo un convegno, organizzato in sinergia con il Dipartimento delle Dipendenze dell’ASL CE2 guidato dal dottor D’Amore intitolato “C’è gioco e gioco” sulla dipendenza da gioco reale e virtuale. Il convegno non sarà altro che il momento conclusivo di un’attività portata innanzi in tutto questo periodo preparatorio della sagra e che ci ha visto collaborare anche con la Scuola Media “Rocco” per informare e formare le nuove generazioni sui pericoli intrinsechi nel gioco.
E quella con il mondo della scuola è una sinergia che si rafforza anno dopo anno, come dimostrano i lavori pervenuteci per il logo di questa XVIII edizione e che saranno tutti in esposizione.
Grande spazio anche per la solidarietà. Ogni sera, infatti,- chiosa Pezzella- sarà possibile donare il sangue su un camper del Centro Trasfusionale del Presidio Ospedaliero “Moscati” di Aversa”.

da: Elpidio Iorio


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.