I conti dell’Italia: Eventi meteorologici violenti evidenziano la drammatica situazione di vulnerabilità per il territorio italiano

Negli scorsi 9 mesi, le situazioni più gravi in Sicilia, Calabria, Toscana, Campania, cui non è garantita un’adeguata sicurezza idrogeologica; nei più recenti 80 anni si sono registrate ben 5.400 alluvioni e 11.000 frane.
Secondo il Ministero dell’Ambiente, il 68,6% dei comuni (in Valle d’Aosta, Umbria, Molise, Calabria e Basilicata è il 100%) ricade in aree classificate ad alto rischio idrogeologico, che interessano il 7,1% della superficie del Paese (ha. 2.150.410).
Ci sono ben 3458 scuole e 89 ospedali minacciati da frane o inondazioni!
Ciò nonostante si registra, anche quest’anno nel Documento di Programmazione Economico-Finanziaria (D.P.E.F.), un’assoluta mancanza di attenzione per i problemi concernenti la manutenzione del territorio.
Eppure si calcola che, annualmente, l’Italia spenda, in media, oltre un miliardo di euro per le emergenze, che vedono coinvolte circa 5.000 persone. Prevenire o quantomeno ridurre il rischio idrogeologico sarebbe possibile: infatti il 25% delle località, colpite da frana, è recidiva ed il 40% delle alluvioni si ripetono nei medesimi siti.
Lo stesso Governo ha indicato in 44 miliardi di euro (27 per il Centro Nord, 13 per il Sud, 4 per il patrimonio costiero) il fabbisogno necessario per la sistemazione complessiva delle situazioni di dissesto sul territorio nazionale.
A fronte di ciò l’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni ha redatto e presentato un Piano pluriennale per la riduzione del rischio idrogeologico: gli interventi, elaborati dai consorzi di bonifica ammontano a 4.183 milioni di euro da realizzarsi attraverso mutui quindicennali: è una cifra importante pari, però, solo al 20% di quanto speso, nel decennio 1994-2004, per riparare i danni da catastrofi idrogeologiche.

In tempi di ripensamento della spesa pubblica, non è questo un modo virtuoso di allocare le risorse per poter risparmiare nell’immediato futuro, senza contare le vittime, che i disastri naturali comportano?

E’ questa una delle domande, che saranno al centro della ASSEMBLEA A.N.B.I., Associazione Nazionale Bonifiche Irrigazioni, 2010 in programma
MERCOLEDI’ 14 LUGLIO p.v.
CON INIZIO ALLE ORE 9.30
nel Centro Congressi, HOTEL PARCO DEI PRINCIPI, A ROMA (in via Frescobaldi,5)

INFO
Asterisco Informazioni
Direttore: Fabrizio Stelluto
Caporedattore Cristina De Rossi
Redazione: Marco De Lazzari, Mario Ongaro
Webmaster Eros Zabeo
Sede: via Elsa Morante, 5/6
30020 Marcon, Venezia
da: [info@asterisconet.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.