Consorzi di bonifica: espressione della cultura del fare.

“I Consorzi di bonifica non sono ne’ inutili, né dannosi; sono fondamentali per garantire qualità e sicurezza idraulica al territorio. Se esistono realtà consortili inefficienti, vanno soppresse anche in considerazione del fatto che si tratta di strutture sottratte da decenni all’autogoverno e consegnate a gestioni non elettive; non va quindi riformato il sistema della Bonifica, che già si è riformato con l’ accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18 settembre 2008, sottoscritto dal Ministro Luca Zaia. I Consorzi di bonifica garantiscono difesa del suolo e gestione delle acque ad uso agricolo, ma non solo, come testimoniato dall’esperienza del Canale Emiliano Romagnolo.”
A dichiararlo è Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), intervenendo al convegno per i 70 anni del C.E.R. presso l’impianto idraulico del Palantone a Salvatonica di Bondeno, nel ferrarese.
“La Bonifica – prosegue Gargano – non appartiene al Paese delle opere incompiute, perché i Consorzi sono frutto di quella concreta “cultura imprenditoriale”, che permea l’agricoltura, di cui oggi si è tornati a riconoscere la centralità nel sistema economico territoriale e per la quale l’acqua è prerequisito essenziale e strategico.”
“I Consorzi di bonifica- aggiunge Anna Maria Martuccelli, Direttore A.N.B.I. – tutelano e garantiscono l’accesso alle disponibilità idriche, una priorità a livello planetario accentuata dai cambiamenti climatici. Per questo, bisogna rilanciare il completamento del Canale Emiliano Romagnolo.”
Presente al confronto anche il Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Angelo Alessandri, che ha chiesto un confronto sereno per migliorare il sistema nelle zone di inefficienza, perché “le Bonifiche – ha affermato – non si possono toccare.” D’altronde ha aggiunto “bisogna ricordare la storia del proprio territorio e da lì ripartire”, perché il sistema idrico va gestito assecondando, non violentando la natura. “La Bonifica in Emilia Romagna- ha concluso – è una realtà di cui essere orgogliosi.”
Al proposito, l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia Romagna, Tiberio Rabboni, ricorda però come, al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, giacciano progetti immediatamente cantierabili per 95 milioni di euro, finalizzati al completamento del reticolo distributivo del C.E.R., cui aggiungere 10 milioni di euro destinati all’adeguamento dell’impianto idraulico del Palantone all’abbassamento del livello idrico del fiume Po.
Il Canale Emiliano Romagnolo (C.E.R.) è lungo 133 chilometri e trasporta l’acqua del fiume Po fino alla provincia di Rimini, interessando 5 province. Mediamente il C.E.R. distribuisce annualmente fra i 250 e i 260 milioni di metri d’acqua, rivelatisi indispensabili a garantire l’eccellenza della produzione agricola “Made in Italy”, ma non solo, nei momenti di siccità. A fronte dei lavori progettati, tale disponibilità raddoppierà soprattutto in vista della piena applicazione dell’uso plurimo delle acque interessante, oltre a quelli agricoli, anche usi potabili e industriali.
Ufficio Comunicazione
Asterisco Informazioni

——————–
18 giugno 2006
——————–
Risoluzione su ruolo e funzione dei Consorzi di bonifica.

“La risoluzione, presentata in Aula dal Presidente della XIII Commissione
“Ambiente e Agricoltura” della Camera dei Deputati, Paolo Russo, è importante, perché impegna il Governo a confermare i principi fondamentali in materia di gestione dell’irrigazione e della sicurezza idraulica, mantenendo le attribuzioni e le relative funzioni ai Consorzi di bonifica e di irrigazione.
Di questa sensibilità voglio ringraziare unitamente al Presidente On. Russo anche gli onorevoli Beccalossi e Zucchi, cofirmatari del documento”.
E’quanto afferma Massimo Gargano, Presidente dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.), sottolineando alcuni passaggi della risoluzione che, accanto a dati sulla realtà e l’importanza della Bonifica (l’87% della produzione agricola italiana proviene da territori irrigati.
Il consumo idrico per l’agricoltura é passato, grazie ad una gestione razionale attraverso il sistema consortile, dal 60% del 1971 all’attuale 49% del fabbisogno idrico nazionale; la gestione consortile del reticolo idraulico minore è fondamentale per la difesa del fragile suolo del nostro Paese, ecc.) evidenzia come sia in via di attuazione il riordino dei Consorzi di bonifica secondo quanto previsto dalla legge 31 del 2008 sulla base dei criteri definiti in sede di Conferenza Stato-Regioni; ed è proprio all’applicazione di tali criteri nonché del principio di sussidiarietà che si rifà significativamente la risoluzione nell’impegnare il Governo a mantenere in capo ai Consorzi di bonifica ed irrigazione le funzioni dello specifico settore della gestione delle risorse idriche e della difesa del suolo.

Ufficio Comunicazione
Asterisco Informazioni


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.