9 GENNAIO 2006 APPROVATI DALLA GIUNTA DUE DISEGNI DI LEGGE SU APPALTI PUBBLICI E PROJECT FINANCING
Su proposta del Presidente Antonio Bassolino, degli Assessori ai Trasporti Ennio Cascetta ed ai Lavori Pubblici Enzo De Luca, la Giunta Regionale della Campania ha approvato due disegni di legge: il primo riguarda il project financing, il secondo è il Testo unico sugli appalti per lavori, servizi e forniture.
Si tratta di due disegni di legge fortemente correlati tra loro, che consentiranno di gestire i lavori pubblici in modo sempre più efficace e trasparente. Con essi vengono regolamentati a livello regionale ed in modo sistematico tutte le fasi necessarie per l’affidamento e la realizzazione di opere pubbliche,quali la pianificazione delle opere, l’ecocompatibilità, l’utilizzo dei fondi europei, il rafforzamento della convenienza dei privati a partecipare.
Vengono altresì recepite le più recenti normative comunitarie relative a questo tema, normative che sono il presupposto per garantire un vero regime di concorrenza in questo settore così delicato.
Nello specifico, il ddl sul project financing, che migliora ulteriormente quello presentato dalla Giunta nella scorsa consiliatura, in quanto è stato redatto tenendo conto anche dell’ultima legge nazionale in materia, la cosiddetta “Merloni quater” del 2002, ha alcune innovazioni che riguardano: l’ampliamento della tipologia delle opere per le quali prevedere la partecipazione del capitale privato; la possibilità che le stesse possano essere anche a carattere interregionale e nazionale; la semplificazione e lo snellimento delle procedure con la perentorietà e la certezza dei termini; il mantenimento agli enti pubblici del ruolo di pianificazione e di programmazione; il rilancio del ruolo dei privati, aumentandone la convenienza economica a presentare progetti; la massima pubblicità e la più ampia concorrenzialità tra le imprese; la possibilità di utilizzare i fondi europei per la quota pubblica di cofinanziamento; l’istituzione di un Fondo regionale di sostegno alla progettazione delle opere pubbliche o di interesse collettivo.
Il Testo unico sugli appalti, a sua volta, introduce alcune importanti novità, determinando un quadro unitario e sistematico per le procedure di appalti per lavori, servizi e forniture. In particolare viene previsto un articolato in tre fasi: la fase interna, di programmazione e progettazione; la fase di evidenza pubblica, relativa all’indizione, lo svolgimento e l’affidamento; la fase di esecuzione o privatistica, riguardante la realizzazione, il controllo ed il collaudo.
“L’obiettivo dei due disegni di legge – ha detto il Presidente Bassolino – è quello di rafforzare la funzione degli enti pubblici nella programmazione e nella gestione della realizzazione di opere di interesse pubblico, ampliando al contempo le opportunità di coinvolgimento dei privati. Si tratta di una assunzione di responsabilità forte da parte della nostra Regione in un settore fondamentale per le istituzioni, e cioè la progettazione e la realizzazione delle infrastrutture da cui dipendono la qualità della nostra convivenza e la quotidianità di tanti cittadini. Andiamo avanti così lungo la strada di un che rappresenta tutt’altra cosa rispetto alla Devolution”.
Illustrando nei dettagli il disegno di legge, l’Assessore De Luca ha annunciato “l’istituzione dell’Osservatorio regionale sugli appalti pubblici, che sarà uno strumento fondamentale di trasparenza, la Consulta regionale sui lavori pubblici e la Conferenza dei servizi, con il compito di garantire l’efficace e corretta applicazione della legge”.
L’Assessore Cascetta, a sua volta, ha evidenziato che “con questo ddl poniamo le basi per ampliare e favorire le occasioni per la realizzazione di opere e infrastrutture pubbliche, sviluppando in maniera decisiva le sinergie con i privati, e garantendo al contempo la tutela degli interessi pubblici e dei vincoli paesistico-ambientali”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.