RAVELLO FESTIVAL 2010. UTO UGHI ESEGUE PAGINE SULLA FOLLIA FIRMATE WAGNER E CAIKOVSKIJ.
DALISI E VAURO PROTAGONISTI DELLA SETTIMANA
GRANDE EVENTO DI DANZA IN VILLA RUFOLO

Eventi esclusivi ed originali accompagneranno il pubblico nella terza settimana di programmazione del Ravello Festival 2010 (da mercoledì 21 a domenica 25 luglio). Dopo il successo dell’esibizione dell’Orchestra di Santa Cecilia lo scorso 9 luglio, la musica di Richard Wagner echeggerà nuovamente sul palcoscenico del Belvedere di Villa Rufolo, questa volta affidata agli ineguagliabili virtuosismi di Uto Ughi. Il violinista torna a Ravello dopo l’applaudita esibizione del 2008; accompagnato dall’Orchestra Filarmonica di Belgrado, Ughi presenta sabato 24 luglio anche due pagine musicali di Caikovskij vicine alla follia: la Sinfonia n. 4, ed il Concerto per violino e orchestra op. 35, brano di recente consacrato al grande pubblico con il film “Il concerto” di Radu Mihaileanu. Venerdì 23, invece, torna l’appuntamento con il Concerto del plenilunio. Nello scenario di Villa Cimbrone, il Sestetto di fiati dell’Orchestra della Rai si cimenterà in un confronto tra Salieri e Mozart.

I riflettori sono però puntati sulla danza, con l’evento cult di domenica 25 luglio. Matteo Levaggi, firma di punta della nouvelle vague internazionale, presenta nello spazio scenico di Ravello lo spettacolo “Follia barocca”, successo di critica e di pubblico che ha esordito nel febbraio 2010. Sulle musiche originali di Lamberto Curtoni ispirate all’antico genere della Folìa ed eseguite dal vivo con il suo violoncello, danzeranno il corpo del Balletto Teatro di Torino – Loredana Furno e Samatha Stella, dando vita ad una creazione libera e sensuale, dove corpi bianchi si muoveranno in uno spazio vuoto investito di una luce anodina

Il programma della settimana accoglie infine proposte di grande qualità, di generi e discipline diverse.
Riccardo Dalisi darà al pubblico un saggio della sua geniale creatività con una lezione performance (domenica 25 luglio), seguita dalla proiezione del film “Latta e caffè” di Antonello Matarazzo.
Venerdì 23, invece, sarà il turno della graffiante ironia di Vauro, vignettista noto al grande pubblico per le sue irriverenti incursioni nella trasmissione “Anno zero”.
Appuntamento infine con le indagini della Polizia scientifica mercoledì 21 e giovedì 22: prima con il laboratorio interattivo dedicato a giovani e adolescenti, e poi con l’incontro “Quando la scienza incontra i serial killer” che vede protagonisti la docente universitaria Simonetta Bartolucci e il dirigente della Polizia Silio Bozzi, che illustrerà al pubblico i “trucchi del mestiere” dei detective.
Da non perdere nei prossimi giorni, l’appuntamento con lo scrittore Nicolai Lilin (28 luglio), ed i concerti con due originali interpreti della bossa nova e del jazz: Toquinho (30 luglio) e Stefano Bollani (7 agosto).

Mercoledì 21 luglio
Villa Rufolo, ore 18.00
Il pubblico di domani
Formazione
Laboratori scientifici interattivi per ragazzi
Crime lab
Un gioco di ruolo per scoprire il colpevole con gli strumenti della Polizia scientifica
A cura di Fondazione IDIS Città della Scienza
Ingresso gratuito su prenotazione

Giovedì 22 luglio
Hotel Caruso, ore 19.00
Formazione
Scienza
Criminal Minds
Quando la scienza incontra i serial killer
Simonetta Bartolucci, Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Silio Bozzi, Dirigente del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica per le Marche e l’Abruzzo
Ingresso gratuito su prenotazione

Venerdì 23 luglio
Hotel Rufolo, ore 19.00
Formazione
Tè con l’autore
Incontro con il vignettista
Vauro
Ingresso gratuito su prenotazione

Venerdì 23 luglio
Villa Cimbrone, ore 22.15
Concerto del plenilunio
Musica da Camera
Sestetto di Fiati dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai
Musiche di Salieri, Mozart, Beethoven
Posto unico €30

Sabato 24 luglio
Auditorium di Villa Rufolo, ore 10.00
Progetto ClipMusic
Selezione dei videoclip partecipanti al Premio Ravello ClipMusic 2010
In collaborazione con Music Box; MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti LOGHI
Ingresso gratuito su prenotazione

Sabato 24 luglio
Giardini di Villa Rufolo, ore 12.00
Incontro con il violinista
Uto Ughi

Sabato 24 luglio
Belvedere di Villa Rufolo, ore 19.45
Musica Sinfonica
Orchestra Filarmonica di Belgrado
Direttore: Michel Brousseau
Violinista: Uto Ughi
Richard Wagner
Maestri Cantori di Norimberga:
Preludio atto III; Danza degli Apprendisti e Entrata dei Maestri Cantori
Pëtr Il’ic Caikovskij
Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore, op. 35
Sinfonia n.4 in Fa minore, op. 36
Tribuna €60 – Giardini €45

Domenica 25 luglio
Auditorium di Villa Rufolo, ore 11.00
Tendenze -Design
Lezione performance di Riccardo Dalisi
Proiezione del film documentario
Latta e cafè: Riccardo Dalisi e il teatro della decrescita
di Antonello Matarazzo
Ingresso gratuito su prenotazione
Domenica 25 luglio, ore 11, Riccardo Dalisi sarà protagonista al Ravello Festival con una esclusiva lezione-perfomance nella quale offrirà un saggio della sua geniale e folle creatività, illustrando al pubblico i segreti e le tecniche della sua arte.
L’evento sarà introdotto da Claudio Gambardella, direttore della sezione Tendenze Design del Ravello Festival, e da Ornella Cirillo, docente presso la facoltà di Architettura della Seconda Università di Napoli.
Al termine della lezione di Dalisi, in presenza del protagonista della giornata, sarà proiettato il documentario “Latta e cafè” di Antonello Matarazzo e prodotto da Aurelio de Laurentiis, dedicato alla vita, alle creazioni e all’attività dell’architetto, designer ed artista, tra i fondatori del Radical Design e vincitore del Compasso d’oro 1981, con testimonianze di Gillo Dorfles, Serge Latouche, Mario Marenco, Michelangelo Pistoletto, Alex Zanotelli, Alessandro Guerriero e Benedetto Gravagnuolo.

Domenica 25 luglio
Belvedere di Villa Rufolo
ore 21.45
Danza
Follia barocca (echi e follie)
Progetto, coreografia e impianto scenico di Matteo Levaggi
Musiche originali eseguite dal vivo di Lamberto Curtoni
Balletto Teatro di Torino
Loredana Furno
Posto unico €40
Domenica 25 luglio (ore 21.45) va in scena al Ravello Festival “Follia barocca (Echi e follie)”. Firmato da Matteo Levaggi, giovane ed affermato coreografo della nuovelle vague italiana, lo spettacolo che ha debuttato con successo di critica e di pubblico nel febbraio 2010 a Torino, molto si presta al suggestivo spazio scenico del palcoscenico sul Belvedere di Villa Rufolo, in linea con il tema conduttore dell’edizione 2010 del Ravello Festival (la follia).
L’esclusivo evento (che segna il ritorno di Levaggi al Ravello Festival dopo il “Gala” del 2008), vede la partecipazione di Samantha Stella (del duo di artisti contemporanei Corpicrudi), che consolida la collaborazione con Matteo Levaggi, già avviata con il fortunato progetto “Primo Toccare”.

“Follia barocca” è ideato sulle musiche originali del giovane compositore Lamberto Curtoni, ispirate all’antica forma musicale de “La Folia” (tema di origine portoghese tra i più antichi della musica europea). In scena, sette danzatori, una figura femminile (Samantha Stella, appunto, inquietante nel suo incedere) ed una serie di oggetti che si muovono in un bianco spazio vuoto. Si ottiene così una singolare sequenza di causa-effetto che crea delle immagini di per sé scollegate, distaccandosi da un sottotesto razionale.
“La danza – specifica Levaggi – qui vuol essere fluida, appoggiarsi sensualmente sulla partitura musicale, con l’intento di creare un flusso di pieni e vuoti astratti”. I danzatori, nel loro essenziale body neutro, sono inseriti in una struttura coreografica precisa, ma allo stesso tempo libera, immersa in una luce anodina.

La sezione Danza del Ravello Festival, diretta da Daniele Cipriani, si arricchisce di un ulteriore spettacolo originale ed ideato da una firma di qualità. Il balletto, classico o moderno, sul palcoscenico a picco sul mare di Villa Rufolo, è oramai da considerarsi un appuntamento tradizionale dell’estate culturale italiana: dal 2005, grandi coreografi e grandi etoiles hanno disegnato spettacoli ed hanno danzato per il pubblico del Festival, e tra questi si ricordano in particolare le compagnie di Martha Graham e José Limòn, la scuola Rudra di Maurice Béjart, Roland Petit, Bill T Jones, Roberto Bolle, Alessandra Ferri, Carla Fracci, Alessio Carbone, Vladimir Derevianko.

INFO
Paolo Popoli
direttore Comunicazione Ravello Festival
ph. (+39) 329.6197910
press@ravellofestival.com
paolo.popoli@tin.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.