COMUNE DI QUARTO
Comunicato stampa del 21.07.2007

Emergenza rifiuti: il sindaco Sauro Secone chiede scarichi suppletivi ed invoca controlli per gli scarichi abusivi

«Anche oggi abbiamo chiesto scarichi suppletivi al Commissariato di Governo, perché sul nostro territorio ci sono ancora accatastate oltre 320 tonnellate di rifiuti che non riescono ad essere smaltiti negli impianti Cdr regionali, malgrado i camion della Quarto Multiservizi stiano in attesa, sotto il sole, anche per 20-22 ore. Il caldo e gli incendi appiccati ai rifiuti in periferia, poi, sono un miscuglio potente e pericoloso per la salute pubblica. Chiediamo ai nostri concittadini la massima collaborazione per evitare i roghi e, soprattutto, abbiamo invitato gli agenti della polizia municipale quartese a potenziare anche i controlli nelle zone di confine per sanzionare chi viene trovato a sversare i rifiuti fuori dell’orario consentito o, addirittura, se a sversare sono cittadini non residenti a Quarto».
Il sindaco quartese Sauro Secone torna di nuovo a sottolineare la difficile situazione che si sta registrando nella zona flegrea in generale ed a Quarto in particolare, invocando la collaborazione dei suoi concittadini e chiedendo di multare chi sversa e non è residente. Negli ultimi giorni, come recita in modo inequivocabile e per certi aspetti drammatico il report giornaliero che il primo cittadino si fa inviare dai responsabili della Quarto Multiservizi, al momento per le strade di Quarto ci sono oltre 320 tonnellate di spazzatura, malgrado ieri notte ed il giorno precedente il Comune flegreo abbia ottenuto tre scarichi suppletivi. Secondo, poi, l’allarme lanciato dai responsabili della Multiservizi, “almeno 100 tonnellate di questa spazzatura in surplus è prodotta dai cittadini che abitano nei Comuni limitrofi ma che vengono a depositarla a Quarto per la mancanza di punti di raccolta posizionati dal loro Comune di residenza”. In sostanza, fanno intendere dalla Multiservizi, chi abita nella zona di confine di via Campana, non avendo contenitori per la raccolta posizionati dai Comuni di Pozzuoli o Marano, viene a Quarto a depositare la spazzatura. Ad aggravare ancora di più la situazione, poi, ci si mettono anche i materiali di risulta, che vengono portati spesso di notte dalla zona delle colline maranesi e sversati in via Paratine, ai piedi delle colline stesse. La raccolta differenziata procede ed è stata potenziata, ma in questa situazione lo sforzo prodotto dall’Amministrazione Secone rischia di diventare una fatica ancora più gravosa.
L’Ufficio stampa


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.