Comunicato stampa
Di seguito si riporta il testo di un pubblico manifesto, attarverso il quale gli ideatori e organizzatori di PULCINELLAMENTE spiegano le ragioni della clamorosa rinuncia allo svolgimento della edizione 2006 della nota Rassegna Nazionale di Teatro Scuola. Si prega di dare ampia diffusione alla notizia. Grazie
Elpidio Iorio

PULCINELLAMENTE
LA CITTADINANZA DEVE SAPERE
Ai tantissimi cittadini che hanno chiesto e continuano a chiedere notizie di “PULCINELLAMENTE”, comunichiamo che la Rassegna Nazionale di Teatro Scuola quest’anno, nostro malgrado, non si terrà. La decisione, sofferta, è stata determinata dal totale disinteresse dell’Amministrazione Comunale che, nonostante fosse stata sollecitata da noi sulle difficoltà finanziarie per organizzare l’evento, non ha ritenuto di degnarci di una qualsiasi risposta preferendo bloccare l’iniziativa che tante attese suscita nella cittadinanza e nel contesto culturale e sociale nazionale. Tutti voi sapete che “Pulcinellamente” ha avuto il merito di porre all’attenzione nazionale il Comune di Sant’Arpino e la sua storia millenaria, ha suscitato l’interesse di personalità di rilievo del panorama politico, istituzionale, culturale e artistico. E’ indubbio che la rassegna ha procurato tantissimi benefici alla Comunità locale per la sua valenza formativa delle giovani generazioni; per il potenziale turistico che suscita ; per la valorizzazione del patrimonio culturale atellano; per l’afflusso annuale in Sant’Arpino di centinaia di giovani, operatori scolastici, artisti e di scuole rappresentative di territori, tradizioni, culture di tutta l’Italia . Come non ricordare, inoltre, il decisivo apporto dato alla soluzione dell’annosa vicenda del Progetto del Parco Archeologico di Atella. Il Governatore Bassolino, infatti, intervenuto in occasione della visita del Premio Nobel Dario Fo, sull’onda dell’entusiasmo che percepì intorno all’evento, s’impegnò a finanziare il progetto del Parco. Promessa mantenuta proprio perché – come lo stesso Bassolino ebbe poi modo di dichiarare pubblicamente – strettamente connessa alla rassegna e alla storia di Atella che nel Premio Nobel avevano trovato un prestigioso ambasciatore nel mondo. A fronte di questa indiscussa valenza, riteniamo però che non vi sia stata una costante e adeguata attenzione, soprattutto di investimento di risorse economiche, da parte di quest’Amministrazione Comunale verso la rassegna. Basti pensare che a tutt’oggi non sono state evase tutte le spese sostenute per realizzare l’evento nel corso degli ultimi anni. Tanto che più volte ci siamo fatti carico di assolvere alle pendenze economiche facendo ricorso alle nostre personali risorse. Considerazioni queste avanzate al Sindaco con una comunicazione scritta in cui si chiedeva un’attenzione rapportata allo spessore di un evento che tutta la cittadinanza ha imparato a conoscere ed amare , come testimoniano le tantissime richieste di notizie pervenuteci in questi giorni. Purtroppo ad oggi non ci è stata data alcuna risposta, neanche di contenuto negativo tanto che, pur trovandoci in uno stato avanzato di organizzazione, abbiamo dovuto rinunciare a realizzare la Rassegna. Riteniamo veramente poco edificante il tentativo dell’Amministrazione di far morire questo sogno che è patrimonio di tutta la Comunità Atellana, in particolare delle giovani generazioni che, come ogni anno, si preparavano a vivere questa straordinaria esperienza di crescita e di conoscenza. Questo palese e ingiustificato ostruzionismo, se è vero che per quest’anno ci costringe ad una momentanea sospensione, è altrettanto vero però che ha fatto emergere da parte di tutti voi un immenso affetto nei confronti di una manifestazione che era e rimane nel cuore e nella mente di tutti voi a cui noi rispondiamo con un immenso GRAZIE e con una maggiore speranza in un futuro migliore.

Gli Ideatori e Organizzatori della
Rassegna “PULCINELLAMENTE


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.