PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE
“MEDITERRANEA” – II^edizione

La S.V. è invitata a partecipare alla conferenza stampa di presentazione del volume “Echi di terra e di mare: alla scoperta della provincia di Salerno”, prevista per giovedì 11 settembre, alle ore 11.00 presso la sala giunta del palazzo della Provincia di Salerno.
La conferenza stampa sarà anche l’occasione per lanciare la seconda edizione del Premio Letterario Mediterranea il cui tema quest’anno è:
“Da Punta Campanella a Capo Palinuro, le rotte degli uomini, i percorsi degli dei”.
Alla conferenza interverranno Giovanna Scarano – direttrice del Museo Archeologico di Eboli e della Alta Valle del Sele -, Michele Buonomo – presidente regionale di Legambiente -, lo scrittore Ernesto Giacomino, il giornalista Bartolo Scandizzo.
Nell’attesa, si porgono distinti saluti.Valerio Calabrese
Conferenza Stampa: Giovedì 11/9/2008 ore 11.00 – Palazzo Sant’Agostino
Nelle edicole e librerie, il volume Echi di terra e di mare: alla scoperta della provincia di Salerno – II^ Ed. Premio Letterario Mediterranea.
L’Associazione Aut Aut di Battipaglia, presenterà con una conferenza stampa giovedì 11 settembre, alle ore 11.00 presso la sala giunta del palazzo della Provincia di Salerno il volume “Echi di terra e di mare: alla scoperta della provincia di Salerno”.
Nato dalla prima edizione del Premio Letterario “Mediterranea”, il testo è una raccolta di racconti e poesie sui generis. Impostato come una guida al territorio disposta per temi – quali quello storico, dei ricordi, dell’innocenza – il testo offre al lettore uno strumento di conoscenza del territorio alternativo alle classiche guide turistiche. Parlare di Ravello, di Amalfi o del Cilento attraverso una poesia o un racconto ha un significato del tutto particolare, riconducibile ai grandi del passato quali Virgilio, Boccaccio, Masuccio Salernitano, Alfonso Gatto. L’opera, che è in vendita nelle librerie e nelle edicole della provincia, presenta in allegato una cartina del territorio su cui sono consigliati diversi percorsi, tra cui quello dei monumenti storici, delle oasi naturalistiche, delle spiagge vele-blu di Legambiente, o alla scoperta dei prodotti tipici, dell’olio e del vino. La conferenza stampa sarà anche l’occasione per lanciare la seconda edizione del Premio Letterario Mediterranea il cui tema quest’anno è: “Da Punta Campanella a Capo Palinuro, le rotte degli uomini, i percorsi degli dei”. Alla conferenza interverranno, oltre alle istituzioni regionali e provinciali, i membri della giuria, composta da profondi conoscitori della cultura del nostro territorio quali: Giovanna Scarano – direttrice del Museo Archeologico di Eboli e della Alta Valle del Sele -, Michele Buonomo – presidente regionale di Legambiente -, lo scrittore Ernesto Giacomino, i giornalisti Bartolo Scandizzo e Roberto Ritondale, la poetessa Emilia Iannone, i latinisti Alfonso Pace e Antonio Calabrese. Attraverso le poesie e i racconti ambientati nel salernitano si vuole anche quest’anno mettere in risalto la rilevanza e il valore storico che da sempre contraddistinguono la nostra terra, crocevia della storia antica e di quella moderna, dai focei ai garibaldini, ed allo stesso tempo spingere gli abitanti del luogo e i turisti a trattarla con una cura e un amore sempre maggiore. Questa in sintesi la descrizione del progetto dell’Associazione Aut Aut.
Il bando completo del concorso letterario con tutte le informazioni a riguardo è scaricabile dal sito www.asssociazioneautaut.it, la partecipazione è gratuita e la scadenza è prevista per il 31 ottobre.
La premiazione si terrà il giorno 14 dicembre alla Fabbrica dei Sapori di Battipaglia, mentre per la primavera 2009 sarà stampato il volume contenente le migliori opere della seconda edizione.

————-
IL CONCORSO
————-
Associazione Culturale “Aut Aut”
Via Olevano, 154
c/o PostaExpress – Via Aitoro, 18/B (C.P. 150)
www.associazioneautaut.it – aut.aut.associazione@alice.it
www.myspace.com/associazioneautaut
Tema: DA PUNTA CAMPANELLA A CAPO PALINURO: le rotte degli uomini, i percorsi degli dei.
“E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti,
ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi,
e l’immensità dell’Oceano, ed il volgere degli astri …
e si dimenticano di se medesimi”
Sant’Agostino.
Gli uomini, nella dimensione della propria vita quotidiana e quindi nell’ordine degli anni e poi dei secoli e dei millenni, hanno seguito percorsi svariati ed infiniti attraverso i luoghi del corpo e assecondando le esigenze dello spirito sì da aprire varchi e strade, introdurre colture e tradizioni, costruire città e santuari che hanno saputo in molti casi giungere fino a noi ed entrare a far parte del nostro vissuto.
Il melograno, votato in seguito a lunghi pellegrinaggi presso il santuario extra-urbano di Hera Argiva a Poseidonia, ha mantenuto il suo valore spirituale tra le mani della Madonna del Granato, quale icona dell’abbondanza in ogni tempo auspicabile nella piana del Sele. Eppure oggi gli uomini, dimentichi di sé stessi e del patrimonio di culture e di tradizioni di cui sono portatori, lasciano che tanta feracità e bellezza di una regione così ambita nei secoli da tutte le genti sia umiliata ed offesa dai percorsi dell’era moderna, quella degli avanzi e dei rifiuti tossici, che determinano l’apertura di nuovi crocicchi nelle discariche che macchiano la nostra bellissima provincia e la regione tutta.
Sembra ancora di sentire il battere cadenzato della mano di una Baccante sul timpano dei culti dionisiaci, di vedere le vesti che si modulano intorno a corpi, in preda a furore estatico e uomini e donne che si corteggiano si inseguono si lasciano andare quasi in segno di protesta e ribellione ai legacci degli schemi sociali … sembra di rivivere tutto questo quando suona una tammorra, quando balla una donna, campana, bella, devota alle sue Sette Madonne e sensuale o quando dalla voce di un uomo si leva un canto di protesta, l’espressione di uno sdegno, o il lamento generato dal duro lavoro. Oggi abbiamo paura del diverso perché ci sfuggono le differenze, non cogliamo le sfumature, ci barrichiamo dentro le nostre case, quando la nostra terra è stata sempre oggetto di interesse, meta del cabotaggio di genti Fenice e Micenee, dei commerci degli Achei e sede delle attività artigianali degli Etruschi. Abbiamo imparato a convivere con i Saraceni e conosciuto i Normanni ed i Longobardi, sangue misto scorre nelle nostre vene di Lucani duri e spigolosi come la terra fiera del Cilento e del Vallo di Diano, ma questo non basta per evitare di chiudere i ponti e di serrare i cuori.
La II edizione del Premio Letterario Mediterranea si propone di parlare degli uomini per far parlare gli uomini, proporre riflessioni e destare opinioni costruttive e coraggiose intorno ad una terra ed un patrimonio culturale ricco e perciò stesso degno della migliore delle considerazioni.
Da Punta Campanella a Capo Palinuro: le rotte degli uomini, i percorsi degli dei è il tema che l’Associazione Culturale Aut Aut propone per la edizione del 2008, invitando, dopo il successo della precedente, poeti e scrittori ad inviare i propri elaborati entro il 31 Ottobre 2008 al nostro indirizzo aut.aut.associazione@alice.it oppure per posta tradizionale al seguente indirizzo Associazione Culturale Aut Aut c/o PostaExpress (Casella Postale n. 150) – Via Aitoro n. 18/B, Battipaglia (SA). Il concorso è gratuito ed i migliori elaborati confluiranno in un’antologia del premio impostata come una guida turistico-letteraria, un diario di viaggio alla scoperta dei luoghi della nostra terra. Per qualsiasi informazione il bando è disponibile sul sito www.associazioneautaut.it e sui motori di ricerca per concorsi letterari.
Valentina Del Pizzo

—————
IL REGOLAMENTO
—————

L’ASSOCIAZIONE CULTURALE AUT AUT
BANDISCE LA II^ EDIZIONE DEL
PREMIO LETTERARIO “MEDITERRANEA”
dal tema: “DA PUNTA CAMPANELLA A CAPO PALINURO: le rotte degli uomini, i percorsi degli dei”
con il Patrocinio di Regione Campania, Provincia di Salerno e Ept di Salerno.

1. Il concorso, gratuito, si articola in due sezioni: a)prosa; b)poesia.
2. I/le partecipanti dovranno essere maggiorenni (al momento dell’invio dei lavori) e
potranno concorrere con un solo testo corrispondente a una delle due sezioni.
3. Il tema del concorso è “DA PUNTA CAMPANELLA A CAPO PALINURO: le rotte degli uomini, i percorsi degli dei”.
I racconti e le poesie presentate, pertanto, dovranno sviluppare tematiche contestuali alla storia sociale, antropologica, archeologica,enogastronomica ed ambientale della Provincia di Salerno.
I lavori che non risulteranno
pertinenti alla storia culturale del territorio provinciale non saranno ammessi a partecipare.
In seno al concorso è previsto un PREMIO SPECIALE CARMINE BATTIPEDE
‘dispensatore di progetti e di sogni’ ed alle scelte da questi compiute durante la sua vita
per i giovani, per la valorizzazione del territorio ed in particolare per la promozione e
diffusione della Dieta Mediterranea.
Il lavoro indicato come meritevole del Premio Carmine Battipede sarà una poesia od un racconto scelto tra i primi 10 lavori classificati
della sezione poesia ed i primi 10 lavori classificati della sezione prosa.
4. I testi dovranno essere assolutamente inediti, in italiano e, solo per la sezione poesia,
anche in vernacolo o in lingua straniera (con annessa versione in italiano) e non premiati
in altro concorso. Possono partecipare autori italiani e stranieri.
4.a- Sezione Narrativa – I testi in prosa dovranno rigorosamente avere una lunghezza massima di 6 cartelle dattiloscritte su una sola facciata (carattere Times New Roman;dimensione 12; 30 righe a cartella; interlinea 1.5; margini 2 cm);
4.b- Sezione Poesia – Una poesia di non più di 36 versi;
5. Ciascun lavoro dovrà pervenire esclusivamente durante il periodo di tempo compreso tra il 1 e il 31 ottobre 2008 all’indirizzo: ASSOCIAZIONE CULTURALE AUT AUT c/o
PostaExpress (Casella Postale n. 150) – Via Aitoro n. 18/B, Battipaglia (SA);oppure
all’indirizzo e-mail aut.aut.associazione@alice.it .

Da: aut.aut.associazione@alice.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.